La livella

di Antonio de Curtis

Ogni ann, el d de Novembre gh lusanza
Per j noster mort de anda al Cimiter,
tucc ghhann de fa st osservanza,
tucc tegnen sto penser.

Ogni ann, puntualment hinn st d,
per st triste e mesta ricorrenza,
vuu anca m, e j fior metti l
sul mnument a mia zia Enza.

Stann m capita unavventura,
dop che alla tomba ho fa omagg,
mamma mia se ghe pensi che paura,
ma po me snt fa coragg.

El fatto l quest, stimm a senti,
lhera quasi lora de chiusura,
e m pian pianin sheri dre and via de l
intant che doeuggiavi qualche sepoltura.

QUI DORME IN PACE IL NOBILE MARCHESE
SIGNORE DI ROVIGO E DI BELLUNO
ARDIMENTOSO EROE DI MILLE IMPRESE
MORTO LUNDICI MAGGIO DEL 31.

El blason cont la curona sura a tutt,
sotta ona cros fada contj lampadin,
tri mazz de ross e ona lista a lutt,
candell candeltt e ses lumin.

Prpri visin alla tomba de st grand scir,
ghe nhera onaltra piscinina,
abbandonada e senza nanca on fior,
per segn dom ona crosina.

Sura la cros appena se leggeva:
BRAMBILLA AMBROGIO SPAZZIN,
nel guardala che pena la me faceva,
st pover mort senza nanca on lumin.

Varda la vita, la testa lha pensava
ch el ghha avu tanto e ch nient,
e nanca lu el se aspettava,
che pur nellalter mond lhera on pezzent.

Menter fantasticavi hinn st me penser
shera fa quasi mezzanott,
che snt resta li seras e prigionier
mort de paura davanti aj candelott.

Tutt don tratt che vedi da lontann,
do sagom che savvicinaven vers part mia,
pensavi mah! st fatt a m el me par on po stran
son svegli, dormi o l fantasia?

Alter che fantasia, lhera el Marches,
cont hinn co el cappel el monoccol e el pastran
quel visin a l on brutt arnes
tutt sporc spuzzolent e con ona scoa hinn man.

Chel l de sicur l el spazzin,
el mort stapela, me vegn de pensa
vedendol al ciar dej lumin,
hinn mort e varda se l lora de torna.

Me heren arriva squasi a lum de nas,
quand el Marches el se ferma de bott,
e svelt come on razz,
el ghe diss allAmbroeus Giovanotto!

Da Voi vorrei saper, vile carogna,
con quale ardire e come avete osato
di farvi seppellire per mia vergogna,
accanto a me che sono un Blasonato!

La casta casta e va s rispettata,
ma Voi perdeste il senso e la misura,
la Vostra salma andava s inumata;
ma seppellita nella spazzatura!

Ancora oltre sopportar non posso
la Vostra vicinanza puzzolente,
fa duopo, quindi, che cerchiate un fosso
tra i Vostri pari tra la Vostra gente!

Scior Marches, l n colpa mia,
mi maj ghhavria fa st tort,
l stada la mia mie a fa sta fesseria,
m che podevi fa se sheri mort?

Se fussi anm viv ve faria content,
ciaperia la mia cassa e j me quatter oss,
e propi adess hinn st moment,
me ne andaria hinn on alter foss.

E cosa aspetti, oh turpe malcreato,
che lira mia raggiunga leccedenza?
Se io non fossi stato un titolato
Avrei gi dato piglio alla violenza!

Famm vedee ciapa sta volenza,
la verit Marches l che adess te supporti pu,
e se perdi la pazienza,
hinn bott, cont tanti pesciadd hinn del c.

Ma t on Padreterno te credete de vess?
Ch denter te voeurett capil che semm tucc istess.
Mort te se t e mort sont anca m,
Ogun come l nas l tal e qual denter ch.

Lurido porco! come ti permetti
paragonarti a me chebbi natali,
illustri, nobilissimi e perfetti,
da far invidia a Principi Reali?

T ch Natal, Pasqua e Epifania,
te voeurett mettetel hinn del co hinn della cervella
che te ste mal anm de fantasia?
La mort tel se cosa l? le ona livella.

On Re, on magistra, on grand omm,
denter hinn st cancell l pu nient
ch el perd tucc-coss, sia la vita che el nomm,
ma te voeuret mettel hin della ment?!

Donca damm-atra, f n el fin,
tegnom visin a t come fussi anca mi on LORD,
st pajasciadd ij fann dom j viv,
nun semm seri, nun.....semm mort.

Traduzione di Carlo Biaggi

Vota il film di Tot

Home  Biografia  Teatro  Cinema  Televisione  Poesie  Canzoni 
Frasi celebri  Fumetti  Fotografie  Totomania  Il baule  Home video 
Tot in TV  News  Ricordi  Interviste  Quiz  Libri  Caricature  Giornali 

www.antoniodecurtis.com