Malafemmena

Testo e musica di Antonio De Curtis

Diventa fan
- Principe Antonio de Curtis - in arte " Toto' "

Pubblicata nel 1951 dalla casa editrice La Canzonetta "Malafemmena" è uno dei brani più interpretati della musica napoletana. Malafemmena venne lanciata contemporaneamente da Giacomo Rondinella, in uno spettacolo, e da Mario Abbate alla Piedigrotta de La Canzonetta. La canzone ispirò anche due film: Totò, Peppino e la... malafemmena, dove è cantata da Teddy Reno, e Malafemmena dove, a prestare la voce al brano, è invece Nunzio Gallo.

cantata da
James Senese video
Teddy Reno video
Patty Pravo video
Fausto Leali video
Lucio Dalla video
Mina slideshow
Connie Francis slideshow
Renato Carosone slideshow
Massimo Ranieri video
Gigi D'Alessio slideshow
Gabriella Ferri video
Claudio Villa slideshow
Giacomo Rondinella slideshow
Lina Sastri slideshow
Roberto Murolo slideshow
Peppino di Capri slideshow
Zizi Possi slideshow
Franco Califano slideshow
Nunzio Gallo slideshow
Mario Abbate slideshow
Giuseppe Di Stefano slideshow
Gianni Lamagna slideshow

Jerry Vale   real audio
Francesco Albanese   real audio
Luciano Tajoli   real audio

Si avisse fatto a n'ato
chello ch'e fatto a mme
st'ommo t'avesse acciso,
tu vuò sapé pecché?

Pecché 'ncopp'a sta terra
femmene comme a te
non ce hanna sta pé n'ommo
onesto comme a me!...

Femmena
Tu si na malafemmena
Chist'uocchie 'e fatto chiagnere..
Lacreme e 'nfamità.

Femmena,
Si tu peggio 'e na vipera,
m'e 'ntussecata l'anema,
nun pozzo cchiù campà.

Femmena
Si ddoce comme 'o zucchero
però sta faccia d'angelo
te serve pe 'ngannà...

Femmena,
tu si 'a cchiù bella femmena,
te voglio bene e t'odio
nun te pozzo scurdà...

Te voglio ancora bene
Ma tu nun saie pecchè
pecchè l'unico ammore
si stata tu pe me...

E tu pe nu capriccio
tutto 'e distrutto,ojnè,
Ma Dio nun t'o perdone
chello ch'e fatto a mme!...

Per molto tempo si è creduto che questa canzone Totò l'avesse scritta per Silvana Pampanini, che aveva conosciuto sul set di "47 morto che parla", colpevole di aver rifiutato la proposta di matrimonio che il Principe le aveva fatto. In realtà la canzone fu scritta e "dedicata" alla moglie Diana rea di essere venuta meno ad una promessa che i due coniugi si erano scambiati: anche se ufficialmente separati dovevano convivere nella stessa casa fino al raggiungimento del diciottesimo compleanno della figlia Liliana. Ma Diana stanca delle continue scappatelle di Totò, sposò l'avvocato Tufaroli facendo sprofondare il Principe nello sconforto assoluto.
Condividi su Facebook

Per altre versioni e curiosita' su Malafemmena visita le pagine Totomania

Vota il film di Totò

Home  Biografia  Teatro  Cinema  Televisione  Poesie  Canzoni 
Frasi celebri  Fumetti  Fotografie  Totomania  Il baule  Home video 
Totò in TV  News  Ricordi  Interviste  Quiz  Libri  Caricature  Giornali 

www.antoniodecurtis.com