Totò news 2010

Mostre,spettacoli,eventi e tutte le manifestazioni dedicate a Totò nel 2010

Diventa fan
- Principe Antonio de Curtis - in arte " Toto' "

Add to Google

Per comunicati stampa ed altro scrivimi

"In edicola il 31 dicembre l'ottavo dvd"

AnTotòlogia. Repubblica - L'Espresso






"PROCIDA: Carlo Croccolo ricorda Totò"

Un fine anno ricco di eventi sull’isola di Procida. Si comincia martedì 28 dicembre alle ore 18.00 nell’ex Chiesa di San Giacomo con “Carlo Croccolo ricorda Totò”. Una chiacchierata amichevole tra l’attore Carlo Croccolo ed il pubblico – coordinata dal giornalista Domenico Ambrosino – su ricordi, aneddoti e particolari curiosi vissuti sul set con Totò durante le riprese di “47 morto che parla”, “Lascia o raddoppia”, “Signori si nasce”. Una giornata particolare con l’83enne attore napoletano interprete di oltre 112 film e compagno di Marilyn Monroe durante il suo soggiorno lavorativo in America. Seguirà la proiezione di alcune delle scene più divertenti dei film interpretati con Totò.

programma completo e info www.comunediprocida.it




"Totò contro i quattro"

Mercoledì 22 dicembre
Saletta Incontri ex Convento di San Francesco
Piazza della Motta - Pordenone
ore 21,00 Ingresso libero





"Arrangiatevi! a Rimini"

Assegnato a Paolo Sorrentino il Premio Fellini 2010.
Al Premio è collegato un fitto calendario di eventi, a partire da giovedì 16 dicembre.
La Fondazione Fellini dedica il titolo delle tre giornate riminesi al film che quest’anno compie 50 anni, La dolce vita. Al capolavoro felliniano è rivolta la rassegna organizzata per giovedì pomeriggio nella sala della cineteca comunale (Palazzo Gambalunga, via Gambalunga 27) a partire dalle ore 14, dal titolo Era il giorno del ciak della Dolce vita (16 marzo 1959). Proprio nei giorni in cui Fellini batte i primi ciak di quello che sarà uno dei film più sconvolgenti per il pubblico di tutto il mondo, a Cinecittà e in altri stabilimenti romani si girano una serie di film rappresentativi delle direzioni intraprese dal cinema dell’epoca. La Fondazione propone al pubblico tre opere, Arrangiatevi (1959) di Mauro Bolognini con Totò e Peppino de Filippo, Cartagine in fiamme (1959) di Carmine Gallone e l’horror Caltiki, il mostro immortale (1959) firmato da un maestro del fantasy tricolore, Riccardo Freda.






"Ricordando Totò"

Perché realizzare uno spettacolo sul grande comico napoletano? Semplicemente perché una Compagnia di Operette come la Belle Epoque non può fare a meno di ricordare il più grande , che ha dato il via ad un intera generazione di comici fino ai giorni nostri.
Lo spettacolo vuole soprattutto sottolineare l’aspetto poetico di Antonio de Curtis,attraverso le voci soliste della Compagnia, alla riscoperta di un fantastico repertorio musicale dai più sconosciuto, che andrà al di là delle classiche canzoni che hanno fatto da colonna sonora ai successi cinematografici. Ampio spazio anche alla poesia di Totò, che ci consegna un autore sempre ispirato dall’amore e dal fascino indiscreto di una Napoli inedita. ‘A cunzegna, ‘uocchie ‘ncantatore, l’acquaiola , ‘a livella ed altre ancora a sottolineare il percorso poetico di Totò. Lo spettacolo prevede inoltre la riproposizione di alcune delle scenette comiche più famose ed esilaranti che hanno segnato un epoca cinematografica e teatrale ancora oggi ineguagliabile.
La produzione è realizzata con musiche eseguite dal vivo dall’orchestra del M° Tazzari, ed interazioni video con i cantanti e gli attori della Compagnia.
Ricordando Totò , ricordando il miglior periodo della ricostruzione del nostro paese attraverso le espressioni allegre e malinconiche del più grande comico e attore della commedia dell’arte che l’Italia possa vantare.

Canzoni, poesie e scenette del grande artista, con la Compagnia Belle Epoque
Mercoledì 15 dicembre ore 21,00
Teatro Rossini - Lugo (Ravenna)
Compagnia d'operette La Belle Epoque






"Totò in 3D"

Sorrento 2010: Filmauro presenta il listino 2011
Si è appena tenuta alle Giornate Professionali di Cinema di Sorrento la convention Filmauro, dove sono stati presentati tutti i titoli 2011 della casa di distribuzione
Nel corso della presentazione del listino Aurelio de Laurentiis propone dieci minuti del vecchio film di Toto' in 3D, ovviamente restaurato. Non sapevo nemmeno - racconta De Laurentiis - che questo film fosse stato girato in 3D. L'ho scoperto quando abbiamo iniziato a restaurarlo e, devo dire, sono rimasto sorpreso dalla modernità di certe soluzioni visive, che utilizzano al meglio, già nel 1953, le potenzialità della messa in scena tridimensionale». La visione entusiasma la platea degli esercenti, che evidentemente percepiscono le potenzialità commerciali della pellicola nella quale Totò recita nel costume del clown Tottons. Il film - prosegue De Laurentiis - era in condizioni disastrose, ma il nostro restauro lo sta riportando a nuovo splendore. Saremo pronti per settembre del prossimo anno, poi lo presenteremo alla Festa di Roma e usciremo in sala subito dopo, anche se ”Totò 3D” potrebbe essere perfetto pure per un'uscita natalizia.




"Il monaco di Monza"

Venerdì 26 novembre
Saletta Incontri ex Convento di San Francesco
Piazza della Motta - Pordenone
ore 21,00 Ingresso libero





"Guardie e ladri"

LA REGIONE DEL VENETO PER IL CINEMA DI QUALITA’ – Le Giornate della Mostra – 6^ edizione 2010 – Proiezioni selezione di film Sezione “ORIZZONTI” e RETROSPETTIVA “La situazione comica”.
La situazione comica” è la rassegna RETROSPETTIVA realizzata in coproduzione con il Centro Sperimentale di Cinematografia – Cineteca Nazionale, ente deputato alla promozione e preservazione del patrimonio cinematografico italiano, con il sostegno del Ministero per i Beni e le Attività Culturali. Di tutti i generi italiani, il comico è sempre stato il grande polmone economico e popolare del nostro cinema, dai tempi di Totò giù fino ai cinepanettoni. Non ottenendo però che raramente un vero interesse critico. Il fatto quindi che la Mostra di Venezia dedichi al cinema comico italiano una retrospettiva, va letto anche come un omaggio a un genere troppo spesso rimasto nell'ombra.

Lunedì 21 novembre ore 22,00 a Verona al cinema Pindemonte Guardie e ladri
Mercoledì 1 dicembre ore 22,00 a Padova al Multisala PioX-Mpx Guardie e ladri

programma completo e info Le giornate della mostra




"Il corpo di Totò"

Venerdì 19 novembre ore 21,00
Teatro Tempio - viale Caduti in guerra, 192 - Modena
Il corpo di Totò
Scritto diretto e interpretato da Marco Manchisi musiche in scena di Guido Sodo
durata 60 minuti

Porto dentro di me un’immagine di Totò, sia nel lavoro che nel quotidiano, come fosse una presenza familiare, che spesso sa consigliarmi con una battuta, con una smorfia. Questo forse perché come attore non l’ho mai visto in conflitto con i personaggi che ha interpretato, forte di un volto e di un corpo portati con grande disinvoltura, comunicativi. Lo spettacolo nasce da una doppia suggestione, la tecnica istintiva del comico e le parole dell’uomo che governa o fa a botte con quel comico. Un profilo fragile, in bilico tra i ritmi artificiosi e surreali di Totò e le riflessioni semplici di Antonio De Curtis sulla vita, sulle donne, sul suo desiderio di calma e solitudine, sulla difficile condizione dell’essere comico. Ho scritto esplorando e lasciando vivere queste due anime così diverse, che in scena si provocano, tra scaramantici riti popolareschi e quotidiane considerazioni, tra rappresentazione e necessità di sottrarsi ad essa. Poco per volta i due universi si contaminano, si alimentano, si fondono fino agli ultimi pensieri del Principe che, immerso nella cecità, a Fellini appare come “… un dolcissimo fantasma … un esserino incorporeo …”.
Ho utilizzato testi di varia natura: un estratto dallo spettacolo Volumineide, dove Pinocchio tirato dai fili della politica diventa una marionetta nel paese dei balocchi, schegge da Petrolini, il monologo Lettera d’amore di Karl Valentin, un ricordo di Federico Fellini, La livella e altre brevi poesie tutte a dialogare con le riflessioni di De Curtis, tra le quali, la sua voglia di tornare dal cinema al teatro. Il testo è accompagnato e contrappuntato dalla musica scritta e suonata dal vivo da Guido Sodo, che ispirandosi all’universo del varietà, spazia nelle citazioni tra l’adagio in sol minore K516 di Mozart e le Folias di Gaspar Sanz, tra un tradizionale Guarracino e la canzone Che cosa sono le nuvole? di Pier Paolo Pasolini e Domenico Modugno.






"AnTOTOlogia”

Dal 12 novembre in edicola con Repubblica – L’Espresso la più completa ed esilarante raccolta mai realizzata sul meglio del cinema di Totò, a cura di Lello Arena e con i contenuti speciali curati da Diana De Curtis.

Repubblica e L’Espresso in collaborazione con Fabbri Editori presentano AnTOTOlogia: 8 DVD che raccolgono i momenti più brillanti e divertenti del grande cinema di Totò, selezionati da Lello Arena. Un montaggio incalzante di oltre 500 minuti che trascinerà lo spettatore alla riscoperta della contagiosa comicità del Principe della risata.Ogni DVD sarà accompagnato da contenuti speciali a cura di Diana De Curtis e da un fascicolo sulla vita e sull’arte di Totò. La prima uscita è “Punto, punto e virgola; punto e un punto e virgola”, in edicola dal 12 novembre.

Per un totale di oltre 500 minuti, l'unica antologia completa del meglio del Principe della risata, per vedere e rivedere le sue gag più celebri ed esilaranti. Un grande omaggio all’icona che ha cambiato il volto della comicità in Italia, in teatro ma soprattutto al cinema. Tutti gli sketch migliori dell’attore sono stati scelti da un fan d’eccezione come Lello Arena, con la nipote Diana De Curtis come curatrice dei contenuti speciali, che raccolgono photogallery, canzoni, poesie, aneddoti sulla vita privata di Totò e molte altre chicche introvabili ed esclusive sul grande attore, diventato il mito di intere generazioni. Una vera e propria panoramica “totoista” che ripercorre oltre trent'anni di film, con scene scelte e antologizzate per temi come le donne, la nobiltà e la miseria, la politica, le acrobazie con l’italiano e le lingue straniere, i soldi, le tasse, l’arte e molto altro ancora.

Allegato a ogni DVD, un fascicolo di 16 pagine che propone un’analisi della comicità di Totò, smontata e analizzata nei suoi archetipi. Un discorso in 8 puntate che cercherà di analizzare il far ridere di Totò da un punto di vista critico, con alcuni accenni biografici. Dai primi passi nel Quartiere Sanità al teatro, dai film in serie al cinema d'autore con Pasolini e Lattuada: un approfondimento su tutti i suoi personaggi, gli atteggiamenti-tipo per divertire, le reazioni del pubblico e delle autorità, la vita privata del Principe, che cosa diceva di lui chi gli era vicino e che cosa pensava a sua volta Totò dei colleghi attori.

Si parte il 12 novembre - a € 9,90 oltre il prezzo di Repubblica o L’Espresso - con il DVD “Punto, punto e virgola, punto e un punto e virgola”, la celebre frase che conclude la lettera che Totò e Peppino scrivono alla Malafemmina, colpevole di aver fatto innamorare loro nipote. Il DVD celebra quindi uno degli strumenti migliori e più potenti della comicità di Totò: la lingua italiana. Giocando con le parole, ha saputo creare memorabili modi di dire, diventati patrimonio di tutti gli spettatori. Ecco allora un’esilarante carrellata di lettere, storpiature e personalissime “traduzioni”.

Seguiranno, con cadenza settimanale e sempre a € 9,90 in più:
- “Ma mi faccia il piacere!”: le migliori gag sull’arte di arrangiarsi che si applica in svariati campi, dai mestieri più o meno creativi alle truffe vere e proprie;
- “Signori si nasce, e io lo nacqui modestamente!”: ovvero noblesse oblige, un viaggio tra falsa nobiltà e miseria vera, tra espedienti e trucchi geniali;
- “Poi dice che uno si butta a sinistra”: ...o a destra, a seconda di che cosa fa più comodo di volta in volta. La dimensione politica di Totò, esilarante anche nella surreale campagna elettorale di "Votantonio";
- "E' la somma che fa il totale": un Totò casalingo ma non per questo in pantofole: al fianco di mogli dispotiche, figli viziati e parenti più o meno serpenti c'è posto anche per le immancabili amanti;
- "Ogni limite ha una pazienza": una puntata sulla fisicità di Totò, l'uomo di gomma per antonomasia. E così via a una serie di mosse da marionetta, canzoni che hanno fatto la storia, ma anche sadici dispetti a Peppino e alle altre spalle complici e pazienti;
- "Bazzecole, quisquilie e pinzellacchere": non poteva certo mancare la dimensione spirituale del comico, con un suo personalissimo modo di vivere la religione che talvolta sfocia in divertenti gesti scaramantici, ma sempre rispettosi;
- "A prescindere": il gran finale con le migliori gag del Principe della risata. Un DVD che da solo vale tutta la collana… “E ho detto tutto!”.

Get the Flash Player to see this player.

CONTENUTI EXTRA

VI RACCONTO MIO NONNO TOTO’
a cura di Diana de Curtis
BOMBETTA QUISQUILIE E PINZILLACCHERE
NAPOLI, IL PRIMO AMORE
MALAFEMMENA, STORIE DI AMORI APPASSIUNATI E DI GRANDI TRAGEDIE
LA COMPAGNIA DI GIRO DEL PRINCIPE TOTO’ CAPOCOMICO
MISERIA E NOBILTA’
FOTO DI UNA FAMIGLIA ALLARGATA
TOTO’ SUPERSTAR
TOTO’ PER SEMPRE






"Io, Totò e la Magnani"

Gli anni d’oro della Rivista e del Gran Varietà della Compagnia Totò - Magnani.
Dal 11/11/2010 al 05/12/2010 a Roma Al Teatro dell'Angelo
Autore: Da un'idea di Antonello Avallone
Cast: Antonello Avallone, Maria Cristina Fioretti, Tonino Tosto, Gino Auriuso, Susy Sergiacomo, Flaminia Fegarotti
Regia: Antonello Avallone
Scene e costumi: Red Bodò

La grazia, la fragranza, il senso comico e malinconico di questo spettacolo gagliardamente e beffardamente romano-partenopeo stanno tutti in un montaggio fedele di episodi del sodalizio fra i due artisti, con retroscena di camerini, di screzi di ribalta e di rivalità tradotte in dispetti. Lo spettacolo si addentra con disinvolto eclettismo nell’arguta allusività di sketches spesso intrisi di una satira politica che costò ai due artisti la persecutoria attenzione del regime. Un allestimento divertentissimo, capace di far rivivere la caleidoscopica incisività di un glorioso avanspettacolo e con essa la ricchezza artistica e umana dei due grandi indimenticabili artisti della nostra scena.

info su www.teatrodellangelo.it






"Il fiore nascosto e la lumaca sul cappotto"

L'umanita' e l'arte di Totò rivivono nel prologo della nuova commedia musicale di Ottavio Buonomo
Il 12 novembre 2010, l’attore e regista Ottavio Buonomo, debutta con “Il fiore nascosto e la lumaca sul cappotto”, la nuova commedia musicale che ha scritto e diretto e che conta un cast ricchissimo (20 attori, 8 ballerini, 3 figuranti e una voce fuori campo).

La storia che racconta è quella di Carlo Bindi, un attore nato a Roma negli anni Venti e cresciuto nell’avanspettacolo e nella rivista, prima ammiratore di grandi del palcoscenico come Totò, Erminio Macario e Nino Taranto e poi collega. E’ un personaggio immaginario, fantastico, ma attraverso il quale si possono rivivere gli anni più straordinari dello spettacolo italiano, cominciando appunto dal “teatro leggero”, dalle tavole che videro le macchiette di Totò con l’imitazione di Gustavo De Marco, i “giochi di luce” di Ettore Petrolini, il ciuffetto di Erminio Macario. Quel tipo di spettacolo che poi, grazie a Pietro Garinei e Sandro Giovannini, sarebbe divenuto la “commedia musicale italiana”. Ed Ottavio Buonomo, nella storia travolgente e che si consuma in due ore di scena con ritmi e tempi serratissimi, inserisce il suo grande amore, il principe Antonio De Curtis in arte Totò.

Infatti nella prima scena, quando il protagonista è ancora bambino, si racconta di una infanzia povera vissuta a Roma. Il piccolo Carlo, già affascinato dal mondo del Teatro, riesce ad intrufolarsi dietro le quinte per conoscere i suoi “miti”. Ed una sera incontra Totò, protagonista a Roma di uno dei tanti successi teatrali. Il piccolo Carlo, tornato a casa dai genitori, poveri e privi di ogni ambizione, confessa che il Principe gli ha “messo una mano in testa” e gli ha fatto un piccolo regalo. Nessuno crede al piccolo Carlo… ma da grande Bindi rivelerà che l’omaggio di Totò l’ha sempre portato con se, nella scatola del trucco… il vero tesoro di ogni attore! Si sottolinea la bontà di Totò e l’amore che aveva verso i “deboli”, i più poveri, quei ragazzini vestiti con abiti leggerissimi anche in inverno a causa della miseria, quella vera. Anche lui era stato uno “scugnizzo” della Sanità, a Napoli, e spesso, per nascondere i miseri indumenti, indossava un grande cappotto anche d’estate. Dai vicoli di Napoli ai quartieri di Roma non c’è molta differenza. Cambia il dialetto, forse, qualche calzino in più sorretto da un filo di ferro e due mollette, ma la fame è sempre fame e la povertà ha una sola faccia, così come la vera arte, che nasce proprio dalla povertà.

Totò soleva ripetere “Non si può far ridere se non si conosce la fame, la miseria, il desiderio di un caffellatte…”. Gli stessi desideri e le stesse sventure che accomunano il piccolo Antonio e il giovanissimo Carlo Bindi, il protagonista di questa storia. E Totò viene citato anche in una canzone del secondo atto dal titolo “I campioni del Teatro Italiano”: in quattro minuti, Ottavio (con il coro de I Cantori del Cuore in una cornice straordinaria e di effetto curata dalla coreografa Maria Rosaria Vitolo), rievoca i grandi della Nostra Scena… infatti l’ultimo verso della prima strofa cita testualmente “Mistero Buffo di Dario Fo e la rivista di Totò”. E siccome Buonomo non dimentica che già nel 1990 imitava nei teatrini della provincia di Napoli le “mosse” di Totò, anche in questo spettacolo ci offre un accenno della recitazione “marionettistica” e “mimica” del più grande comico del mondo. Pezzo forte di Ottavio è far roteare il braccio destro in senso antiorario dando una piccola spinta con la mano sinistra. Era una caratterista del personaggio Totò. Infatti l'attore non rinunciò mai a quel gesto da marionetta disarticolata, tanto da riproporlo anche negli ultimi anni di vita e di scena in film di successo ed in televisione (a “Studio Uno” con Mina, quando interpretò anche la bellissima “Baciami”). L’amore “artistico” per Totò, Ottavio Buonomo lo ha dimostrato sempre, non solo agli inizi degli anni Novanta, quando piccolissimo si divertiva ad imitarlo prima di scegliere per la vita “il mestiere dell’attore”. Ottavio ha inciso diverse canzoni di Totò, su tutte una bellissima “Malafemmena” voce e piano, inclusa nell’ album “Era e sarà” del 2009. Non mancano poi "riferimenti" alle espressioni tipiche della recitazione dell'artista. Nel 2010 poi, Ottavio è stato ospite come “supporter di Totò” nella puntata finale de “Il più grande italiano di tutti i tempi”, programma televisivo in onda su Rai Due condotto da Francesco Facchinetti e Martina Stella. Ottavio, invitato ad intervenire in diretta, parlò della grandezza di Totò, sia a livello artistico che umano. Ricordò anche cosa disse Gerardine Chaplin, figlia di Charlie, quando fu ospite della Piedigrotta a Napolin le 2009… “Mio padre era geloso di Totò”… e Totò considerava Chaplin come un grande maestro, come ha più volte rimarcato in interviste radiofoniche e televisive. Due grandi del nostro spettacolo che non a caso, sono stati anche i due miti e grandi ispiratori dell’arte di Ottavio Buonomo che proprio con “Il fiore nascosto e la lumaca sul cappotto” festeggia i venti anni d’amore con la scena.
L’autore, sa miscelare con poesia e con sottile ironia, la fantasia e la realtà regalando una interpretazione visionaria in cui l’assurdo abbraccia con passione la comicità. La storia di Carlo Bindi è quella di un uomo imprigionato nella ricerca del successo, nel mantenimento dello stesso, fino all'inevitabile declino. Memorie e realtà si intrecciano e si sovrappongono a configurare una crisi che è umana, artistica ed etica. Per questa nuova commedia musicale, Ottavio schiera un cast di tutto rispetto. La voce fuori campo è quella nota di Luca Sepe.

L’appuntamento è per il 12 novembre 2010 alla Multisala Magic Vision in Casalnuovo di Napoli (Na). Per informazioni tel. 081 5206644 – ilteatrodiottavio@live.it






"Il cineforum "Ezechiele 25,17" celebra Pasolini a 35 anni dalla morte"

Nella notte del 2 novembre del 1975 moriva in circostanze tragiche e violente Pier Paolo Pasolini. Intellettuale, poeta, scrittore a tutto tondo nonché originale ed innovativo cineasta, Pasolini ha lasciato un segno nell'opinione pubblica forse più per le sue controverse vicende personali che per il contributo notevole e corposo alla cultura e allarte italiana.

Il Cineforum Cinit Ezechiele 25.17 a Lucca gli dedica uno speciale "Pasolini, 35 anni fa" con tre eventi domani sera (martedì 2 novembre): alle 18 presso la libreria Edison omaggio musicale alle canzoni scritte da Pasolini con la performance musicale di Giuliana Mentini (pianista), Rosalba Ciucci (cantante), Simona Generali (voce recitante) dell'Associazione Dilettantistica Musicale Canto Libero; alle 19,30 al cinema Italia proiezione di "Uccellacci e uccellini"(Ita 1966) con Totò e Ninetto Davoli; alle 21,30 sempre allItalia serata di approfondimento"Pasolini, poesia in forma di cinema"a cura di Pier Dario Marzi: un percorso biografico che ripercorrerà la vita del poeta attraverso la lettura di alcune delle poesie più significative e la proiezione di sequenze tratte dai suoi film che hanno un preciso riferimento alle vicende personali dell'autore.

articolo di Anna Benedetto tratto da www.loschermo.it






"Napoli: web cam su Totò e Caruso".
Tutto il mondo potrà vegliare sulle loro tombe

Sperimentazione avviata dal Comune di Napoli e dall'Università Federico II percontrastare episodi vandalici - Vedere la tomba di Toto' e di Enrico Caruso, al cimitero monumentale di Napoli, sara' possibile tramite internet da tutto il mondo.
Palazzo San Giacomo, in partenariato con l’Università Federico II e la Selav (Servizi elettrici lampade votive Napoli), ha avviato la sperimentazione di un sistema di videosorveglianza nel Quadrato degli uomini illustri del cimitero di Poggioreale.
Il sistema di videosorveglianza del Comune di Napoli si allarga anche al cimitero nell'area riservata agli uomini illustri. Parte la sperimentazione di un sistema di videosorveglianza che consentira' all'amministrazione di ripristinare l'esigenza di sicurezza all'interno del cimitero.
Non è una forma di voyerismo mediatico ma l'idea del Comune e dell'Università di Napoli. La tomba di Totò e di Enrico Caruso al cimitero monumentale di Napoli sarà controllata da tutti coloro che li hanno sempre amati per via web in continuazione su internet.
La trovata nasce da un'esigenza di sicurezza, nei mesi scorsi il cimitero monumentale, è stato oggetto di atti vandalici e furti. Prevista, tra i servizi, la promozione turistica e culturale di alcune struttur






Anche quest’anno la Cineteca Nazionale presenta una retrospettiva in collaborazione con il Festival Internazionale del Film di Roma
A cinquant'anni di distanza dall'uscita nelle sale de La dolce vita, la retrospettiva propone una riflessione sui film che hanno anticipato le atmosfere del capolavoro di Fellini (Le infedeli di Monicelli e Steno, che fotografa il doppio volto della borghesia, Viale della speranza di Risi e La donna del giorno di Maselli, che indagano sui meccanismi dello star-system e sulla effimera notorietà che ne può derivare), sui film che hanno cavalcato l'onda del successo felliniano (Totò, Peppino e… la dolce vita di Corbucci) o ne hanno colto gli effetti nel costume dell'epoca (Divorzio all'italiana di Germi) e, infine, sui film che hanno decretato la fine di un'epoca (la retrospettiva proseguirà a novembre e si chiuderà simbolicamente con moltodipiù di Mario Lenzi, che coglie la deriva della dolce vita nella Roma degli anni Settanta).
E all'interno film curiosi sul crinale di un'euforia dilagante, fra i chiaroscuri di pazze notte di follia (Risate di Gioia di Monicelli, ritratto di comparse cinematografiche ed esistenziali ai bordi di un circo che coinvolge, e travolge, tutti; Il principe fusto di Arena, ovvero il popolo che incrocia l'aristocrazia, l'alto e il basso mischiati in un unico calderone) e luoghi simbolo (via Margutta nell'omonimo film di Camerini; il tour sentimentale-turistico di Un amore a Roma di Risi), con echi persino milanesi (la festa de La notte di Antonioni, che evoca la fine dei giochi e l'inesorabile ritorno-rifugio tra le mura domestiche). E poi la vicenda esistenziale e professionale del Sordi di Una vita difficile, quando gli steccati si eleveranno nuovamente a tracciare distanze abissali di classe e bisognare trovare dentro la forza per gesti ribelli, e il disincantato Tenco de La cuccagna, ribelle di suo, che ha capito tutto e si aggira per la città come un profeta. Inascoltato.
A novembre opere ancor più inclassificabili, specchio di un disagio dilagante nel procedere degli anni Sessanta, tesi verso l'abisso del '68 (Gli arcangeli di Battaglia, Io la conoscevo bene di Pietrangeli, Io, io, io… e gli altri di Blasetti, La notte pazza del conigliaccio di Angeli, l'episodio Toby Dammit di Fellini) fino allo spartiacque di Necropolis di Brocani, che reinserisce l'avanguardia artistica romana nel panorama internazionale, percependo i riflessi di una presenza straniera nella città che si stava rapidamente eclissando (e di cui ritroviamo una tragica testimonianza in Ingrid sulla strada di Brunello Rondi). Preludio della fine, di cui Roma bene di Lizzani e I prosseneti di Rondi offrono un affresco sintomatico. Prima della rievocazione di Corbucci in Night Club e l'omaggio di Neri Parenti ai mitici Paparazzi. In preda ormai alla nostalgia.

Cinema Trevi
venerdì 29 ottobre ore 21,00 : Risate di gioia
domenica 31 ottobre ore 19,15 : Toto, Peppino e la dolce vita

info e programma completo www.fondazionecsc.it






"Piccola Rassegna Pasolini"

In occasione del trentacinquesimo anniversario della sua morte il Teatro Franco Parenti (via Pier Lombardo 14, Milano) presenta una serie di spettacoli, letture, interventi, contributi che ne ripercorrono la figura di uomo e di artista. Un’ appassionante immersione che prende avvio da un omaggio in musica al Pasolini canzonettiere di Ottavia Fusco, e vede protagonisti importanti artisti come Antonello Fassari, Filippo Timi e I Motus.
Accompagna il percorso la rassegna cinematografica Sguardi - Pier Paolo Pasolini e il cinema a cura di Lorenzo Vitalone: apologhi, film brevi, interviste, documentari, appunti di viaggio per un Pasolini tutto da riscoprire nella sua passione civile, nella sua ansia di vivere e di fare, nella sua capacità di dividere l’opinione pubblica. Un originale tassello per approfondire attraverso il cinema, e attraverso gli interventi che introducono le proiezioni, un intellettuale più famoso che conosciuto, che ci ha comunicato sentimenti, sensazioni e percezioni in modi diversi, ma sempre vissuti attraverso la poesia.
Infine, tre momenti fotografici a cura del Centro Studi Pier Paolo Pasolini di Casarsa della Delizia: I luoghi di Pasolini, Il set della Ricotta, Pier Paolo Pasolini e il calcio.
Conclude la rassegna Fabrizio Gifuni, straordinario interprete di Na’ specie de cadavere lunghissimo, in scena a gennaio.

Sabato 30 ottobre ore 17.00:
Cosa sono le nuvole dal film Capriccio all’italiana (1967) 23’
La terra vista dalla luna dal film Le streghe (1967) 31’
Totò al circo dal film Uccellacci Uccellini (1968) 15’

info e programma completo www.teatrofrancoparenti.com









"Obiettivo Milano"

"Obiettivo Milano", breve rassegna cinematografica realizzata da Arci Milano e Arci Bellezza, in collaborazione con l'Assessorato alla Cultura del Comune di Milano, al Cinema Gnomo dal 26 al 28 ottobre 2010. Una rassegna che ripercorre, attraverso capolavori della cinematografia degli anni cinquanta e sessanta, accanto a pellicole contemporanee, le "lacrime, i drammi e i sorrisi" di tutto coloro che sono giunti a Milano vedendola come "obiettivo" di un viaggio verso la speranza di un futuro migliore.

Mercoledì 27 ottobre ore 22,00
Totò, Peppino e la...malafemmina

info e programma completo su attentialcine.blogosfere.it






"La mandragola a Urbino"

Il 28 settembre, il 26 ottobre, il 30 novembre e il 28 dicembre prossimi la Rocca di Gradara e il Palazzo Ducale di Urbino accoglieranno i visitatori con una serie di serate che intendono offrire nuove conoscenze e prospettive di riflessione sugli splendidi complessi monumentali, ma in maniera non convenzionale. Il Medioevo a Gradara e il Rinascimento a Urbino – i periodi di maggiore fioritura per essi – saranno infatti presentati attraverso il filtro del cinema.
A Urbino sarà presentata una serie di film, “Corti e battaglie”, che, da angolazioni diverse, dal drammatico al grottesco, offriranno squarci di vita: il dramma della guerra e gli intrighi delle corti. Aspetti questi ultimi che sono caratterizzanti anche della storia urbinate, nel suo nascere e nello splendore massimo della corte e degli eserciti di Federico di Montefeltro. Saranno presentati: Il Mestiere delle Armi, La Mandragola, La Bisbetica domata, L’Arcidiavolo.
Con il ciclo “Medioevo/Medioevi” alla Rocca di Gradara, come è noto oggetto di un importante restauro ‘in stile’ agli inizi del Novecento, sarà ricercata l’idea del Medioevo attraverso le storie e le immagini cinematografiche italiane e americane: L’Armata Brancaleone e Il Nome della Rosa vs Le Crociate e Il Primo Cavaliere. Monicelli vs Ridley Scott. Due illustri medievisti , Tommaso di Carpegna e Anna Falcioni, introdurranno alla visione rispettivamente del L’Armata Brancaleone e de Le Crociate

Martedì 26 ottobre a Urbino, Palazzo Ducale, Sala Convegni ore 20,30
La mandragola

info e programma completo Gradara capitale del medioevo






"Doc Fest da Totò a Virzì"

Con trenta anteprime torna a Roma l'appuntamento con il Doc Fest. La VII edizione della rassegna di documentari su arte, architettura e archeologia, cinema e teatro, musica e danza, provenienti da tutto il mondo è in programma al Cinema Azzurro Scipioni, dal 20 al 24 ottobre, a partire dalle 20.30 con ingresso gratuito.

Dal Canova raccontato per fotogrammi da Mimmo Jodice al Totò televisivo, passando per un insolito documentario back-stage di Paolo Virzì fino alla storia dei primi cinquantanni del Guggenheim: ecco alcune delle proposte del festival. Trenta le anteprime, selezionate tra gli oltre 400 documentari provenienti da Argentina, Austria, Belgio, Brasile, Bulgaria, Canada, Cina, Congo, Costa d' Avorio, Egitto, Finlandia, Francia, Germania, Gran Bretagna, Grecia, Iran, Israele, Italia, Lettonia, Norvegia, Olanda, Polonia, Portogallo, Spagna, Svizzera, Taiwan, Uruguay e USA.

Il Doc Fest è realizzato con il sostegno di Roma Capitale Assessorato alle Politiche Culturali e della Comunicazione, è diretto da Rubino Rubini e presieduto da Carlo Fuscagni. Nel 2010 ha l'adesione del Presidente della Repubblica.

Giovedì 21 ottobre
Sala Chaplin ore 22,45
"RadioTotò, TeleTotò"
(regia di Silvana Palumbieri- Italia 2007 - 50' italiano)

programma e info www.docfest.it






"Malafemmena di Lorenza Fruci"

Nell'ambito della XVI rassegna letteraria LuccAutori – Premio Racconti nella Rete, organizzata dall’associazione LuccAutori, domenica 17 ottobre ore 18.00 nella Sala Mario Tobino di Palazzo Ducale si parlerà del grande TOTO’ attraverso la presentazione di “Mala femmena" (Donzelli) il libro di Lorenza Fruci dedicato alla canzone scritta dal principe De Curtis per l’amata moglie Diana.
Intervengono Dario Salvadori, Felice Laudadio ed il regista Ugo Gregoretti ( che ha diretto Totò nel film “Le belle famiglie”).






"Omaggio a Vittorio Gassman"

Grande retrospettiva dedicata a Vittorio Gassman in occasione del decennale della morte al cinema Trevi di Roma.
Mercoledì 13 ottobre ore 21,00
I soliti ignoti

info e programa completo www.snc.it






"Parte il “Gianni Di Venanzo” "

Teramo – Con i primi film proiettati alla Casa di Riposo De Benedictis di Teramo, inizia domani il ricco programma della 15^ edizione del Premio Internazionale per la Fotografia Cinematografica “Gianni Di Venanzo”. L’associazione culturale Teramo Nostra, che organizza da sempre la manifestazione, intende rinsaldare anche con il coinvolgimento di una struttura come la Casa di Riposo teramana, il rapporto che lega il “Premio Di Venanzo” al territorio. Domani, domenica 10 ottobre, alle ore 15:30 sarà proiettato “Miseria e nobiltà” di Mario Mattioli con un irresistibile Totò. E’ il primo film della rassegna denominata “Luce sulla commedia”. Seguiranno altri quattro film, uno al giorno, fino a giovedì 14 ottobre prossimo.

articolo tratto da www.inabruzzo.com






"Guardie e ladri al Cinema Trevi"

Fino al 10 ottobre al cinema Trevi (Roma) continua la retrospettiva "La situazione comica (1934-1988)"
La retrospettiva della 67ª Mostra di Venezia, organizzata dal CSC-Cineteca Nazionale, con il sostegno del Ministero per i Beni e le Attività Culturali, è stata curata da Marco Giusti, Domenico Monetti, Luca Pallanch.

Martedì 5 ottobre ore 21.00
Incontro moderato da Enrico Magrelli con Ennio Bispuri, Vittorio Giacci, Ugo Gregoretti
Nel corso dell'incontro sarà presentato il volume di Ennio Bispuri Totò attore (Gremese, 2010).
a seguire:

Guardie e ladri (1951)
Regia: Mario Monicelli e Steno [Stefano Vanzina]; soggetto: Piero Tellini; sceneggiatura: M. Monicelli, Steno, Vitaliano Brancati, Aldo Fabrizi, Ennio Flaiano, Ruggero Maccari; fotografia: Mario Bava; scenografia: Flavio Mogherini; musica: Alessandro Cicognini; montaggio: Franco Fraticelli; interpreti: Totò, Aldo Fabrizi, Ave Ninchi, Pina Piovani, Aldo Giuffré, Ernesto Almirante; origine: Italia; produzione: Golden Films, Ponti-De Laurentiis; durata: 105'

programma completo su www.fondazionecsc.it






"Totò a Radio Capital"

Radio Capital presenta : Take Away un programma di Giancarlo Cattaneo non perdetevi la puntata di domenica 3 ottobre 2010 alle 19:08 si parlerà della “risata “ protagonista Antonio De Curtis in arte Totò “ il Principe della Risata “ un viaggio alla scoperta della sua vita tra arte e umanità attraverso l’ inedito e appassionante racconto di Marcantonio Scaramuzza giovane attore napoletano riconosciuto tra i più bravi imitatori di... Totò e cultore del grande Artista .

www.capital.it






"Malafemmena: uno spettacolo al Teatro dell’Olivo dedicato a Totò"

Il Teatro dell’Olivo di Camaiore (LU) ospita Liliana De Curtis, unica figlia di Totò, per ripercorrere la storia d’amore tra il grande artista e Diana Bandini Rogliani, madre di Liliana, a cui fu dedicata la canzone “Malafemmena”, che dà nome anche allo spettacolo in programma a Camaiore venerdì 24 settembre, alle ore 21.00.
La direzione artistica è di Claudio Carluccio, allievo e figlioccio di Roberto Murolo. Le interviste saranno intervallate dalla lettura di brani del libro “Malafemmena”, scritto da Liliana De Curtis e dalla proiezione di scene tratte da numerosi film, tra cui “Il tuttofare”, “Totò, Peppino e la malafemmena”, “Siamo uomini o caporali?”. Spazio anche alla musica, con canzoni eseguite da Carluccio: “O’ Ciucciarello”, “Malafemmena” e tante altre. Ingresso libero.






"Memorie dal bianco e nero"

La prima puntata, in onda sabato 18 settembre su RaiUno ore 23,30, propone il ritratto di due tra i più grandi protagonisti della comicità italiana: Totò e Peppino de Filippo, ricordati attraverso film incancellabili nella memoria collettiva come La Banda degli Onesti, Totò, Peppino e i Fuorilegge, Totò, Peppino e la Malafemmina e anche filmati delle loro partecipazioni televisive a programmi come Studio Uno, Canzonissima e Scala Reale.
I ricordi inediti e personali di Maurizio Costanzo ed Enrico Vaime completeranno il ritratto dei due grandi artisti.

www.memoriedalbiancoenero.rai.it






"Una serata con Totò"

Alla presenza della figlia Liliana De Curtis saranno presentati filmati inediti del Principe della Risata
L’Amministrazione Comunale guidata dal sindaco Mimmo Giorgiano e la Pro Loco cittadina propongono alla cittadinanza di passare “Una serata con Totò”, venerdì 17 settembre, alle ore 18 presso la biblioteca di cultura vesuviana di villa Bruno.
Nell’occasione sarà presentato il libro “Malafemmena”, edito da Mondadori, alla presenza delle autrici Liliana De Curtis (figlia dell’indimenticabile artista) e Matilde Amoroso. Coordinerà la presentazione la giornalista di TeleCapri Teresa Iaccarino. Nel corso della serata sarà, inoltre, proposto un video inedito, in cui il noto cantante Lucio Dalla farà rivivere le emozioni racchiuse nelle parole della canzone e saranno proiettate immagini inedite ed esclusive del grande Totò tratte dall’archivio privato della figlia. Infine, sarà rappresentata la poesia del Principe della Risata “A Livella”, con personaggi in costume: il malcapitato chiuso nel cimitero sarà interpretato da Salvatore Pellegrino, il marchese da Vanni Desidery ed il netturbino da Gildo Russo. Gli inviti per l’evento possono essere ritirati presso la Pro Loco, che ha sede nell’androne di accesso al parco di villa Bruno, dalle 9 alle 12 e dalle 16 alle 18.
“Ancora una volta – spiega il sindaco Giorgiano - San Giorgio a Cremano interpreterà il proprio ruolo di città della cultura vesuviana, in attesa delle Giornate del Patrimonio e della mostra dedicata al pittore Luca Giordano. Non c’è, quindi, solo il Premio Massimo Troisi: nella nostra città diamo valore alla parola “cultura” e vogliamo che sia fruita dai sangiorgesi per 365 giorni all’anno.”

articolo tratto da www.napoli.com






"Totò a Monaco di Baviera"

Nell'ambito della mostra multimediale "Totò, il principe italiano della risata" che si tiene fino al 14 ottobre nel Valentin Karlstadt Musäum di Monaco di Baviera proiezione di un ciclo di film di Totò presso il Filmmuseum (St.-Jakobs-Platz 1, München).

Questi i film in programmazione:
Napoli milionaria venerdì 10 settembre ore 18,30
Miseria e nobiltà sabato 11 settembre ore 18,30
Siamo uomini o caporali? venerdì 17 settembre ore 18,30
La banda degli onesti sabato 18 settembre ore 18,30
Totò, Peppino e...la malafemmina domenica 19 settembre ore 18,30
Risate di gioia venerdì 24 settembre ore 18,30
Totòtruffa '62 sabato 25 settembre ore 18,30
I due colonnelli venerdì 8 ottobre ore 18,30
Totò diabolicus sabato 9 ottobre ore 18,30
Totò e Peppino divisi a Berlino venerdì 15 ottobre ore 18,30
Totò contro i quattro sabato 16 ottobre ore 18,30
Uccellacci e uccellini domenica 17 ottobre ore 18,30
La terra vista dalla luna domenica 17 ottobre ore 18,30






"Sulle tracce di Totò/Auf den spuren Totòs"

Sulle tracce di Totò
di Massimo Fiorito e Caterina Plenzick
Il video è il contributo artistico dedicato a Antonio de Curtis in arte TOTÒ nel contesto della mostra multimediale:
"Totò, il principe italiano della risata" nel Valentin Karlstadt Musäum di Monaco di Baviera"
(il video e' diviso in 6 parti)






"De Laurentiis trionfatore al Lido annucia Totò in 3D

Venezia, 31 ago. (Adnkronos). Presto Toto' tornera' nelle sale cinematografiche in 3D, per iniziativa della Filmauro, che sta restaurando 'Il piu' comico spettacolo del mondo', film diretto nel 1953 da Mario Mattioli che e' di fatto il primo film tridimensionale della storia del cinema italiano. Grazie anche a questo annuncio, la vigilia dell'inaugurazione della 67ma mostra del cinema di Venezia quest'anno e all'insegna del cinema italiano. Mentre infatti dalle 19.30 nell'Arena di Campo San Polo, i vertici della Biennale e della mostra assistono alla proiezione di 'Profumo di donna', presentato nell'ambito dell'omaggio a Vittorio Gassman, poco prima, alle 19, all'Hotel Danieli di Venezia, Aurelio De Laurentiis riceve 'Variety Profile in Excellence', l'ambito riconoscimento assegnato dalla piu' prestigiosa rivista internazionale di cinema. E il produttore coglie l'occasione per parlare dei suoi nuovi progetti: dal nuovo cinepanettone le cui riprese inizieranno il 6 setembre in Sudafrica a 'Manuel d'amore 3' che vantera'' nel cast Robert De Niro, dal restauro di 'Amici miei' al Toto' tridimensionale. ''Sto restaurando 'Amici miei' -dice il produttore- che presentero' insiema a Mario Monicelli al Festival di Lione il 6 ottobre e in piu' ho messo sotto restauro 'Il piu' comico spettacolo del mondo - Toto' in 3D. Una volta restaurato mi piacerebbe, prima di farlo uscire in sala, di presentarlo a un festival come evento di apertura o di chiusura''. Sulla partecipazione di Robert De Niro a 'Manuale d'amore 3', De Laurentiis non nasconde infine che questo possa facilitare le eventuali vendite all'estero.






"Totò l'italiano" mostra monografica

Napoli - Per celebrare i 150 anni dell’Unità d’ Italia sarà allestita una mostra monografica sulla memoria del grande artista Totò . La ricorrenza dei 150 anni doveva rappresentare un momento per riunire i valori, le culture , gli usi , costumi della nostra nazione , l’attenzione è così ricaduta proprio sulla figura di Totò. L’ iniziativa coprodotta dal Forum Universale delle Culture e il Comune di Milano è stata presentata presso la sala Giunta del Comune di Napoli e rappresenta un tributo straordinario alla memoria di Totò che attraverso i contenuti più preziosi del museo dedicato all’Artista ripercorre tutta la vita privata , artistica e intima del Principe della risata. “Totò L’Italiano “, questo il nome della mostra che sottolinea la straordinaria capacità di Totò di aver saputo rappresentare con la sua figura un’ Italia intera. La mostra permetterà al visitatore di ripercorrere tutta la vita dell’artista iniziando dalle foto che lo ritraggono nella sua casa, con la famiglia, le lettere d’amore, gli spartiti delle sue composizioni più inedite e il suo primo provino .

Prevista anche la proiezione dell’ultimo documento sulla vita di Totò , un documentario che comprende rarissimi inediti ma anche testimonianze e ricordi. Saranno dedicati anche quattro momenti speciali che affiancano Totò a grandi artisti : “ Totò visto il tratto grafico di Federico Fellini”, “ Totò e Pier Paolo Pasolini “, “ Totò e il grande amico di Aldo Fabrizi” ed infine una sezione dedicata al “ San Giovanni decollato”. Grande spazio verrà lasciato al linguaggio e alla gestualità di Totò , caratteristiche uniche e per questo accompagnate da un programma di diffusione e valorizzazione di carattere scientifico e multimediale che prevede proiezioni , materiali video , sonori , incontri e momenti di discussione. Il tutto affidato ad esperti e studiosi come Goffedro Fofi.

La Mostra nasce da un lavoro già realizzato da Pina Conte , dell’associazione “ Antonio De Curtis”, che da tempo volge cure e attenzioni particolari alla figura di Totò . Hanno partecipato alla conferenza anche Nicola Oddati ,Assessore alla culture del comune di Napoli e Presidente della fondazione Fo rum Universale delle culture e Massimiliano Finazzer Flory Assessore alla Cultura del Comune di Milano , ed infine Marina Vergiani direttrice del PAN.
La mostra si aprirà nel 2011 a Milano e successivamente a Napoli , presso il Teatro Totò e al Teatro PAN ( per la parte d’approfondimento ). La scelta di una prima tappa a Milano rappresenta un “ messaggio di unità “ per le due città Napoli e Milano ma anche per l’intera Nazione. L’iniziativa sarà punto di partenza per valorizzare la figura di Totò anche all’estero e attraverso questa far conoscere al mondo i grandi artisti che hanno fatto la storia del nostro Paese.

Un altro importante momento della iniziativa, che si svolgerà sia a Milano sia a Napoli, sarà il “Concerto per un principe chiamato Totò” del maestro Gianni Lamagna che vede Liliana De Curtis nel ruolo di voce recitante.

articolo di Alessia Tritone tratto da www.julienews.it






"La Cineteca Nazionale alla 67. Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia

Anche quest’anno il CSC-Cineteca Nazionale collabora con la Biennale di Venezia organizzando la retrospettiva "La situazione comica (1934-1988)".
Come è ormai tradizione da alcuni anni a questa parte, la Cineteca Nazionale anche quest'anno organizza la retrospettiva della Mostra di Venezia. La situazione comica (1910-1988), curata da Marco Giusti, Domenico Monetti e Luca Pallanch, comprende una duplice programmazione: alla Sala Volpi 19 film -più 3 episodi e un ciclo, a cura della Cineteca di Bologna, di comiche del muto - che ripercorrono la storia della comicità in Italia dal 1910 al 1977; alla Sala Perla 7 film che segnano il passaggio dalla comicità puramente cinematografica a una commistione di linguaggi fra cinema e televisione. Tutti i film proposti sono in pellicola e molte copie sono state ristampate per l'occasione partendo dai materiali esistenti in Cineteca oppure messi a disposizione dagli aventi diritto.

Tra i film in programmazione:
Guardie e ladri di Mario Monicelli e Steno con Totò e Aldo Fabrizi






"Il corpo di Totò" di Marco Manchisi

Milano: Festival teatrale “L’Ultima Luna d’estate” 2010, in diverse località del Parco Regionale di Montevecchia
Si svolge dal 27 agosto al 5 settembre 2010 nel Parco Regionale di Montevecchia e della Valle del Curone, nella brianza lecchese, la 13^ edizione del Festival del teatro popolare di ricerca “L'ultima Luna d'estate”, il più importante festival teatrale estivo della Lombardia, promosso, con il Patrocinio del Touring Club Italiano, da Teatro Invito e dall’Associazione Ultimaluna, con la collaborazione e il supporto delle Istituzioni del territorio e di partner privati.
Fil rouge della 13^ edizione il tema «Gli italiani. L’Italiano», che ispira e guida un “itinerario” attraverso pièce e spettacoli che esprimono e raccontano le tante, diverse e straordinarie italianità del nostro paese.
Un percorso e dialogo tra lingue, dialetti, storie, culture e tradizioni popolari, con l’invito a partecipare ad artisti e interpreti di rilievo nel panorama teatrale e culturale nazionale.

Giovedì 2 settembre 2010
ore 21,30 Olgiate Molgora, Casa Gola, via Emilio Gola
Il corpo di Totò
di Marco Manchisi

info e programma completo www.ultimaluna.org






"Ricordando Totò"

Perché realizzare uno spettacolo sul grande comico napoletano? Semplicemente perché una Compagnia di Operette come la Belle Epoque non può fare a meno di ricordare il più grande , che ha dato il via ad un intera generazione di comici fino ai giorni nostri.
Lo spettacolo vuole soprattutto sottolineare l’aspetto poetico di Antonio de Curtis,attraverso le voci soliste della Compagnia, alla riscoperta di un fantastico repertorio musicale dai più sconosciuto, che andrà al di là delle classiche canzoni che hanno fatto da colonna sonora ai successi cinematografici. Ampio spazio anche alla poesia di Totò, che ci consegna un autore sempre ispirato dall’amore e dal fascino indiscreto di una Napoli inedita. ‘A cunzegna, ‘uocchie ‘ncantatore, l’acquaiola , ‘a livella ed altre ancora a sottolineare il percorso poetico di Totò. Lo spettacolo prevede inoltre la riproposizione di alcune delle scenette comiche più famose ed esilaranti che hanno segnato un epoca cinematografica e teatrale ancora oggi ineguagliabile.
La produzione è realizzata con musiche eseguite dal vivo dall’orchestra del M° Tazzari, ed interazioni video con i cantanti e gli attori della Compagnia.
Ricordando Totò , ricordando il miglior periodo della ricostruzione del nostro paese attraverso le espressioni allegre e malinconiche del più grande comico e attore della commedia dell’arte che l’Italia possa vantare.

Canzoni, poesie e scenette del grande artista, con la Compagnia Belle Epoque
Anteprima nazionale del nuovo spettacolo della compagnia di operette La belle epoque
il 18 agosto al Nuovo Teatro Verdi di Montecatini






"Omaggio a Antonio de Curtis in arte Totò"

Omaggio a Totò a Colli a Volturno i giorni 16 e 19 agosto.
In collaborazione con l'Associazione Culturale Rinascita Collese Pro Colli proiezione di:
Signori si nasce Lunedì 16 Agosto 2010, 21:00
Totò, Peppino e la...malafemmmena Giovedì 19 Agosto 2010, 21:00






"Estate Fiorentina 2010"

16 Lunedì agosto ore 21.30 - Totò nella Luna
Parco dell'Anconella FI-SUD
Teatro Blu ingresso libero






"Pordenone: EstateCinema 2010 in piazza Calderari"

Dopo aver migrato nel corso degli anni in vari luoghi della città, dal Parco Galvani al cortile delle scuole elemtari Gabelli, la rassegna di Cinema sotto le Stelle, si è definitivamente stabilita nel sito da cui era partita nel lontano 1982, ovvero la stupenda Piazza Calderari, dietro il Municipio di Pordenone, adornata per l'occasione di palme messe a disposizione dai Vivai Toffoli. Il grande successo di pubblico (una media strabiliante di ottocento persone a proiezione) delle ultime due edizioni, ha convinto l'Amministrazione Comunale a raddoppiare la proposta e quest'anno saranno ben 24 gli appuntamenti da seguire.[...]

Lunedì 16 agosto
Totò e Carolina di Mario Monicelli

info e programma completo www.cinemazero.org




"Al festival di Sant'Omero Giobbe Covatta e.....Totò"

Un festival che raggiunge le 19 edizioni è sicuramente da apprezzare. Ancor di più se si tratta di una manifestazione che per anni ha regalato risate e buonumore come il Festival internazionale di teatro comico di Sant'Omero (Teramo). L'apertura dell'evento, in programma dal 9 al 12 agosto, spetterà lunedì alla Pro Loco di Sant'Omero e all'amministrazione comunale, che introdurranno la kermesse e il suo ospite d'eccezione, Giobbe Covatta. Sarà infatti il vulcanico cabarettista ad inaugurare il festival del teatro comico che dopo otto anni si trasferirà nel centro storico, in piazza del Mercato, all'interno del suggestivo castello di Sant'Omero.
Li ci saranno circa 400 posti a sedere per chi vorrà assistere agli spettacoli di un evento che nel corso degli anni ha tenuto a battesimo nomi noti del panorama nazionale del cabaret come Daniele Luttazzi, Flavio Oreglio, Le Tutine, Zuzzurro e Gaspare, Fabio De Luigi, Alessandro Bergonzoni, Max Giusti, I Cavalli Marci, La Banda Osiris, Paolo Rossi, Paolo Hendel e numerosi stranieri che appartengono alla storia del teatro comico internazionale, da Jango Edwards a Yves Lebreton a Jonny Melvillem, solo per citarne alcuni. Particolare attenzione verrà riservata anche ai talenti locali, Marko Ferrari e Fulvio Fuina, entrambi presenti nel cartellone del festival.

In seconda serata, nell'adiacente piazzetta, saranno proiettate alcune delle pellicole più famose di Totò, il principe della risata: "Totò truffa ", "Totò diabolicus", "I due colonnelli", "Totò contro Maciste". Verrà infine allestita, a pochi metri dal teatro e sempre dentro le mura dello storico castello, una sala ristorante all'aperto.

info e programma completo su www.teramonews.com




"Cesena, "Risate di Gioia" chiude la rassegna "1960, l'anno mirabile del cinema italiano"

CESENA - Saranno Totò e Anna Magnani a chiudere la rassegna "1960, l'anno mirabile del cinema italiano", che dal 12 luglio, ogni lunedì, ha trasformato piazza Amendola in un cinema a cielo aperto. Sono loro, infatti, i protagonisti del film "Risate di gioia" di Mario Monicelli, che sarà proiettato lunedì 9 agosto alle 21.00. Il ciclo cinematografico, promosso dall'Assessorato alla Cultura del Comune di Cesena, fa parte delle iniziative collaterali della mostra "1960 la dolce vita...forse", allestita nella galleria d'arte Ex Pescheria.
L'insieme degli eventi in programma si propone di far rivivere al pubblico le atmosfere e le emozioni dei primi anni Sessanta. L'ingresso è gratuito. In caso di pioggia, la visione sarà recuperata lunedì 16 agosto. E' questo l'unico film della rassegna che non avrà sottotitoli, perché non è stato possibile recuperare una copia sottotitolata.




" A Vibo il Premio Internazionale Il Faro "

Pochi giorni ancora e le luci del Premio Internazionale “Il Faro” torneranno a illuminare il porto di Vibo, la realtà di una cittadina dall’antica storia e dalla molteplici potenzialità. Un progetto, il Premio internazionale “Il Faro” finalizzato a rilanciare il ruolo della portualità italiana e della marineria, come risorse strategiche per lo sviluppo dell’intero sistema Paese. Un progetto, inoltre che ogni anno punta a promuovere valori di crescita comune, attraverso il conferimento del Premio a “Uomini-Faro”, illustri personaggi dell’intera società italiana, che si sono distinti per impegno, lealtà, passione e competenza in vari ambiti dallo Sport, alla Cultura, dalla Politica e al Sociale e che possano essere da stimolo e guida per intere generazioni.

Il riconoscimento quest’anno andrà, per la sezione alla memoria, alla figura del Principe Antonio De Curtis, in arte Totò . Ritirerà il premio la sua amatissima figlia, Liliana , peraltro, scrittrice e attrice. Premiato per l’edizione 2010, sarà inoltre Osvaldo Desideri, scenografo premio Oscar per “L’ultimo imperatore” di Bernardo Bertolucci. Il premio “Il Faro – Uomini che lasciano il segno” si terrà martedì 10 agosto 2010, presso il Porto di Vibo (Molo Rosso).






"Capri Cine Galà, teatro del Grand Hotel Quisisana"

CAPRI - Proiezione al teatro dell’Hotel Quisisana del film restaurato dalla Cineteca Nazionale La Mandragola (1965) di Alberto Lattuada. Prodotto da Alfredo Bini. Con Philippe Leroy,Rosanna Schiaffino, solare rappresentante del sex-appeal italiano e Totò. Alla proiezione seguirà un agile talk show condotto dallo stesso Caprara che cercherà di fare il punto sulla situazione e le prospettive del cinema italiano alla presenza del produttore del film Alfredo Bini e di Vincenzo Terracciano, regista, il cui ultimo film, Tris di donne & abiti nuziali, è stato presentato nella passata edizione della Mostra del cinema di Venezia. Il tutto, senza trascurare l’aspetto glamour, garantito da altri personaggi presenti.
Evento ideato dall’Associazione culturale “G.Barattolo” (Valerio Caprara presidente onorario, storico e critico del cinema).
L’associazione prende il nome dal pioniere napoletano dell’industria cinematografica Giuseppe Barattolo, che negli anni Venti intuì le potenzialità economiche ed artistiche del cinema e approdato a Roma fondò la Caesar Film, lanciando le più famose dive del cinema muto, tra cui Francesca Bertini.
La serata si propone come occasione di approfondimento culturale, grazie alla proiezione di un film recentemente restaurato, La Mandragola, rappresentativo di quell’alto artigianato che sapeva conquistare il pubblico senza scadere nella qualità e nello stile.
La Manifestazione è stata realizzata con la collaborazione della Cineteca Nazionale. Benemerita per l’instancabile lavoro di recupero e restauro del patrimonio culturale cinematografico del nostro paese.
Nel corso della serata sarà ricordata Rosanna Schiaffino, scomparsa di recente, all’epoca del film moglie del produttore Alfredo Bini, che assieme a pochi altri ha fatto la storia del cinema italiano. Scopritore di innumerevoli talenti del cinema, tra cui Pier Paolo Pasolini, di cui è stato produttore delle opere migliori. Una memoria storica del cinema per le tante “imprese” portate a termine negli anni d’oro della produzione cinematografica nazionale
Annalisa De Paola con ADP Eventi ha curato l’organizzazione della serata, dando un tocco di glamour all’evento.

articolo tratto da www.pressagency.it del 4 agosto 2010




"10° Italian Film Festival Rovigno"

Giunge alla decima edizione il Rovigno/Rovinj Italian Film Festival (Croazia), la più importante manifestazione cinematografica della Comunità Nazionale Italiana dell’Istria.
Dal 1° al 6 di agosto quindi il cinema italiano sbarcherà nuovamente sulla riva orientale dell’Adriatico, nell’incantevole costa istriana. L’importante traguardo del decennale sarà coronato anche dalla riapertura dell’arena estiva della Comunità degli Italiani di Rovigno, inagibile ormai da quattro anni.
Ad affiancare la consueta sezione Panorama, nella quale si vedranno alcuni significativi film della stagione cinematografica appena trascorsa, il programma propone la Retrospettiva - dedicata ai film di Totò diretti da Mario Monicelli - e la sezione Altri sguardi, selezione di documentari e cortometraggi provenienti in maggior parte dalla regione Friuli Venezia Giulia e dal Delta del Po (Polesine e Comacchio).
Le proiezioni pomeridiane avranno inizio alle ore 17 presso il Centro Multimediale della Città di Rovigno, dove sarà in visione anche una mostra di manifesti cinematografici d’epoca riguardanti i film di Totò, provenienti dalla Collezione Nonnato. Le proiezioni serali sono previste con inizio alle 21 presso l’arena estiva della Comunità degli Italiani di Rovigno, in Piazza Campitelli 1. In caso di maltempo anche le proiezioni serali si terranno al Centro Multimediale.

Domenica 1° agosto ore 17,00
Totò cerca casa
Lunedì 2 agosto ore 17,00
Totò e le donne
Martedì 3 agosto ore 17,00
Totò e i re di Roma
Mercoledì 4 agosto ore 17,00
Totò e Carolina
Mercoledì 4 agosto ore 21,00
Guardie e ladri
Giovedì 5 agosto ore 17,00
I soliti ignoti
Venerdì 6 agosto ore 17,00
Risate di gioia

programma completo www.circolocinemadria.org




"Operazione San Gennaro"

Su Rai Tre sabato 24 luglio , il film “Operazione San Gennaro” , diretto da Dino Risi, con Nino Manfredi, Mario Adorf, Senta Berger, Harry Guardino e Totò, pellicola del 1966 in cui tre ladri americani vogliono rubare il tesoro di San Gennaro e si fanno aiutare da un “collega” napoletano, ha ottenuto 1.584.000 telespettatori, 10,63% di share.




"A Palazzo Valentini esposta la Cadillac di Totò"

La Cadillac appartenuta a Totò parcheggiata a Palazzo Valentini fino al 13 agosto. Cromature lucenti e tappezzata in pelle finissima, l'auto - una 'Sedan' del '54 targata NA 213338 - sarà esposta in occasione della manifestazione 'le storie del cinema', che si svolgerà nel cortile della sede della Provincia di Roma. Dal libretto, la Cadillac risulta appartenuta a sua altezza imperiale Antonio della stirpe costantiniana dei Focas di Bisanzio e fu acquistata da Totò di seconda mano. La macchina, ora di proprietà della signora Anna Di Lallo, ha 5.500 cavalli di cilindrata ed è stata usata anche nel film 'Uccellacci e uccellini', diretto nel '66 da Pier Paolo Pasolini. Uscita nera dalle officine della General Motors, l'auto fu rivestita esternamente - per volontà dello stesso Totò - di velluto finissimo bicolore giallo e verde.




"Un principe chiamato Totò"

Inaugurata all'Expo la mostra monografica "Un Principe chiamato Totò", curata dalla nipote Diana De Curtis ed organizzata dalla Società Nuove Strategie di Fabio Alescio in collaborazione con l'Associazione S'Abba e Sa Pedra. La mostra, patrocinata dal Comune di Olbia, dalla Provincia e dalla Regione Sardegna, resterà allestita sino al prossimo 9 agosto.

Grazie al ricchissimo materiale messo a disposizione dalla famiglia De Curtis i visitatori possono entrare in un'altra, sorprendente dimensione rappresentata dal magico mondo di Totò. Al piano terra dell'Expò è ricostruita sia la vita artistica del genio napoletano, sia la sua storia personale. Innumerevoli le curiosità letterarie, musicali, araldiche, fotografiche, della vita privata e di palcoscenico di Totò, spiegate da una guida d'eccezione: la nipote Diana che resterà ad Olbia per tutta la durata della mostra. L'esposizione-tributo è un "viaggio" nelle atmosfere del futurismo, del varietà, della rivista e dell'avanspettacolo, visti attraverso gli inediti, i contratti, gli autografi, le lettere d'amore, il vestiario di scena e le foto, anche poco conosciute, del grande artista partenopeo. In mostra anche documenti e oggetti che testimoniano una dura "gavetta" artistica e di vita vissuta.

Altrettanto interessanti sono gli aspetti più privati che emergono dalle foto che ritraggono Totò insieme ai suoi familiari e alle persone da lui amate. La mostra, già apprezzata in molte importanti città italiane e straniere, per la prima volta viene ospitata in Sardegna, a Olbia. L'apertura ufficiale è stata preceduta dalla proiezione di "Un principe chiamato Totò", film realizzato da Barbara Calabresi e Diana De Curtis: il racconto appassionante di una vita intensa, scandita da gioie, incredibili successi, cocenti tradimenti e inattese tragedie, come la cecità che lo colpì ma non riuscì a fermarlo. Il numeroso pubblico, presente nella sala congressi dell'Expo, è stato conquistato da questo docu-film che, come un album di famiglia, rivela gli aspetti più segreti e privati dell'uomo Antonio de Curtis, principe serio e malinconico, e di Totò, artista immortale, attraverso i luoghi da lui più amati: Capri, Viareggio, Napoli, Roma, Costa Azzurra. Tante e illustri le "voci narranti": la poetessa Alda Merini, Ben Gazzara, Fred Murray Abraham, Alessandro Gassmann, Sabrina Ferilli, Fiorello e altri protagonisti del cinema, della cultura e dello spettacolo. Al centro del racconto ci sono i grandi amori, compreso quello tragico per Liliana Castagnola che morirà suicida, i pensieri poetici, gli aneddoti e le canzoni. Conclusa la proiezione è stato presentato il libro intitolato "Malafemmena", edito dalla Mondadori e scritto da Liliana De Curtis, figlia di Totò e madre di Diana.

articolo tratto da www.comune.olbia.ss.it




"Un principe chiamato Totò"

Mostra monografica "Un principe chiamato Totò" alla presenza della contessa Diana de Curtis, nipote di Totò e graditissima ospite per gran parte del periodo espositivo, a partire da venerdì 16 luglio alle ore 19,00 all' Olbia Espò

Venerdì 16 luglio l'inaugurazione della mostra sarà preceduta da:
Presentazione del libro "Malafemmena" di Liliana de Curtis e Matilde Amorosi, edito da Mondadori; la storia dell'unico vero grande amore di Totò.
Proiezione del film "Un principe chiamato Totò" a cura di Diana de Curtis.
Retrospettiva dedicata al grande attore napoletano con le pellicole piu' amate di cui saranno disponibili anche i sottotitoli in inglese.

Lunedì 19 luglio dalle ore 21,00
serata evento con degustazione culinaria e musica dal vivo.
Nella prestigiosa cornice del Country Club di Portorotondo, una serata evento che richiamerà i grandi nomi della cultura, dello spettacolo, del giornalismo. Durante la stessa, sulla note delle musiche dei film piu' prestigiosi di Totò eseguite dal Maestro Alberto Laurenti e la sua orchestra Rumba de Mar, il noto Chef Gianfranco Pascucci preparerà, in personalissime rielaborazioni culinarie, le ricette piu' care al Principe de Curtis.

Un principe chiamato Totò

Ricostruisce l'itinerario artistico di Totò, narrando sia la dimensione di attore, autore, personaggio piu' noto al grande pubblico, che quella intima e personale. La mostra, vuole costituire la seconda tappa di un percorso espositivo che rappresenti per il territorio una consuetudine con la presentazione di grandi nomi della cultura.
L'obbiettivo e' quello di regalare alla città di Olbia un momento culturale molto elevato, non perdendo d'occhio, però, la lettura in chiave allegra di questa iniziativa, come d'altro canto lo impone il soggetto stesso della mostra in questione

Attraverso materiali inediti e "privati", messi a disposizione dalla famiglia de Curtis, si percorre la vita artistica di Totò. Si passa dal teatro al cinema, alla musica, alla poesia fino ad arrivare agli aspetti piu' curiosi e privati della vita del Principe Antonio de Curtis. Lettere d'amore, vestiario di scena, foto di famiglia - immagini inedite che ritraggono Antonio de Curtis nella sua casa di Viale Parioli a Roma -, la prima macchina di Totò, i documenti, le partiture musicali originali, i premi, le locandine dei film e tantissimi oggetti che hanno fatto parte della sua vita, oltre ai preziosissimi disegni di Federico Fellini e Pier Paolo Pasolini.

"Un principe chiamato Totò" e' un'occasione unica per dare risalto al genio Partenopeo ed assaporare le immagini che hanno riempito la sua vita; voci e testimoninaze colme di emozione di chi lo ha conosciuto come uomo o chi soltanto ne conosce le vesti di attore, di chi ha amato lui, Antonio de Curtis, e di chi soltanto ha amato Totò, i suoi film, il suo teatro, la sua arte. Un atto d'amore, verso Totò, verso i suoi amici e verso i suoi cari, ma un altrettanto atto d'amore nei confronti del territorio a cui viene offerta la possibilita' di godere di una rinnovata e ricca proposta culturale volta all'arricchimento formativo della cittadinanaza tutta

tratto da Comune di Olbia




"Diamante Film Festival"

Un "Diamante del cinema" per gli attori e i registi che lavorano al Sud. In Calabria, Basilicata, Campania, Puglie e Sicilia. Dove è più difficile fare il cinema e i giovani non hanno le possibilità e le occasioni che ci sono al Nord. E dove, nonostante tutto, c'è uno splendido fervore creativo. Questa è la finalità dichiarata del "Diamante Film Festival" che vuole valorizzare il cinema del Sud con il premio "I Diamanti del cinema". La seconda edizione di questa manifestazione, promossa dall'Amministrazione comunale e organizzata dalla Pro Loco Diamante e Cirella è stata presentata con una conferenza stampa al Cinema Vittoria. Il Sindaco Ernesto Magorno, l'Assessore al turismo Franco Maiolino e il presidente della Pro Loco Enzo Monaco hanno illustrato le finalità del Festival e hanno presentato il calendario delle manifestazioni. L'Assessore Maiolino nel ringraziare la giuria presieduta da Alessandro Benvenuti e il direttore artistico Gianni Pellegrino ha sottolineato l'originalità e la forte valenza del Festival di Diamante che "volutamente si discosta dalle passerelle coi grandi nomi per dare un riconoscimento concreto ai tanti giovani che fanno cinema al Sud. Con la speranza che da questa iniziativa gli attori e i registi meridionali possano avere nuovi slanci e stimoli creativi. Come è avvenuto per il giovane regista calabrese Giuseppe Gagliardi l'anno scorso premiato a Diamante. E in questi giorni impegnato a girare "Tatanka skatenata" un film tratto da un romanzo di Roberto Saviano". Il Sindaco Ernesto Magorno, dopo aver espresso grande soddisfazione per la valenza culturale del Festival che "sottolinea l'impegno dei giovani cineasti meridionali" ha ribadito l'impegno del Comune per l'iniziativa auspicando un uguale sostegno da parte degli altri enti pubblici. Questo il programma degli eventi illustrato dal presidente della Pro Loco Enzo Monaco. Giovedì e Venerdì alle 21.30 una retrospettiva dei film di Totò nelle piazzette dei centri storici di Diamante e Cirella. Giovedì in piazzetta S. Biagio la proiezione del film "Miseria e nobiltà" di Mario Mattoli. Nella piazzetta Margherita "La banda degli onesti" di Camillo Mastrocinque. Venerdì nella piazzetta S. Biagio "Totò, Peppino e la malafemmina" di Camillo Mastrocinque. Nella piazzetta Margherita "I tartassati" di Stefano Vanzina. Da Giovedì a Sabato tutte le mattine alle ore 9.00 nel Cinema Vittoria "Passione corto". Proiezioni con dibattito di cortometraggi di giovani cineasti del Tirreno cosentino. Un'iniziativa coordinata da Ferdinando Romito. Per tutte le tre giornate nel Centro Arte contemporanea la mostra fotografica "Omaggio a Raf Vallone" di Antonio Panzarella e Saverio Vallone. Venerdì il responso della giuria con la comunicazione ufficiale dei registi e dei film premiati. Sabato alle 21,30 al Teatro dei ruderi di Cirella cerimonia di premiazione. Presenta Selene Rosiello con Alessandro Haber e Gianni Pellegrino.

Giovedì 15 luglio:

Diamante/Piazzetta San Biagio
Retrospettiva "Totò, il principe" ore 21,30 "Miseria e nobiltà"
Cirella/Piazzetta Margherita
Retrospettiva "Totò, il principe"
ore 21,30 "La banda degli onesti"

Venerdì 16 luglio:

Diamante/Piazzetta San Biagio
Retrospettiva "Totò, il principe"
ore 21,30 "Totò, Peppino e la malafemmina"
Cirella/Piazzetta Margherita
Retrospettiva "Totò, il principe"
ore 21,30 "I tartassati"






"La valigia dei sogni" al Circeo, la troupe al seguito di Totò"

La trasmissione di La7 riprenderà le stesse locations del film "Il Turco napoletano"
Alcune scene della commedia diretta nel 1953 da Marco Mattoli furono girate sul lungomare e tra i vicoli del centro storico

Sbarca a San Felice Circeo la troupe de "La valigia dei sogni", il programma in onda su La7 che ritorna nei luoghi dei film che hanno fatto la storia del cinema italiano. La puntata che verrà registrata all'ombra del promontorio è dedicata alla più classica e divertente delle commedie, "Un turco napoletano" con Totò protagonista, di cui alcune scene sono state girate proprio al Circeo.
Il conduttore del programma Simone Annicchiarico, figlio dei noti attori Walter Chiari e Alida Chelli, si recherà nelle stesse locations del centro storico e del lungomare dove, quasi 60 anni fa, precisamente nel 1953, fu girata la pellicola diretta da Mario Mattoli. Durante la visita al Circeo, le telecamere de La7 riprenderanno i punti esatti quegli scorci panoramici che nel tempo si sono trasformati restando comunque nella memoria di chi ha amato il film. Non mancherà ovviamente, come in ogni puntata de "La valigia dei sogni", un approfondimento su ricordi ed aneddoti di chi prese parte alla lavorazione del film.
Ancora oggi, a tanti anni di distanza, la pellicola è tra le più famose che sono state girate a San Felice Circeo. Adattamento al grande schermo della farsa "Nu turco napulitano" (1888) di Eduardo Scarpetta, fu il primo film del trittico scarpettiano, completato da "Miseria e nobiltà" e "Il medico dei pazzi", entrambi del 1954, sempre con Mario Mattoli dietro la cinepresa e con Totò nei panni di Felice Sciosciammocca. La trasmissione girata al Circeo sarà trasmessa in una delle prossime puntate del programma, in onda ogni domenica alle 14.00 e ogni lunedì alle 21.10.

articolo tratto da www.provincialatina.tv del 15 luglio 2010




"Un villano a Cinecittà. Omaggio a Turi Vasile"

L’associazione turistica Pro-Loco di Santo Spirito (Bari), presenta, a cura di Paolo Colasuonno, una mostra fotografica dedicata ad Antonio de Curtis, in arte Totò. Illustrerà il tema la prof.ssa Rasalba Fantastico. La manifestazione si terrà dal 15 lal 24 luglio 2010.

Il 25 luglio è prevista la giornata conclusiva presso l’ASD Costa del Sole (lungomare Cristoforo Colombo 204), con una serata dedicata a Napoli capitale del Sud intitolata “Tributo a Napoli”.

articolo di Francesco Renzo tratto da www.santospirito.eu




"36° Festival della Valle dell'Itria"

Martina Franca-Taranto
Un’eccezionale anteprima cinematografica anticipa l’apertura della 36esima edizione del Festival della Valle d’Itria. Mercoledì 14 luglio, alle ore 21, nell’anfiteatro di Villa Carmine a Martina Franca, verrà proiettato il film “Napoli Milionaria!” di Eduardo De Filippo (1950).

L’evento, organizzato dal Festival della Valle d’Itria, in collaborazione con il Centro Sperimentale di Cinematografia di Roma – Cineteca Nazionale e con il Circolo “Buster Keaton” di Martina Franca, sarà il primo di quattro momenti dedicati al cinema, in una rassegna ideata secondo delle connessioni tematiche con le opere che verranno rappresentate (l’opera d’esordio sarà proprio “Napoli Milionaria!” di Nino Rota, 15 e 17 luglio).

Il film interpretato e diretto dallo stesso De Filippo, rappresenta l’esordio dietro la macchina da presa del celebre drammaturgo napoletano, che, grazie a questa pellicola, presentata al Festival di Cannes, ebbe modo di farsi conoscere dal pubblico internazionale. Si tratta di un’opera che, al pari dell’omonima commedia teatrale, offre uno spaccato davvero pregevole della Napoli del dopoguerra, attraverso una galleria di personaggi che ben rappresentano la storia di quegli anni. Un film che stilisticamente rappresenta una naturale prosecuzione del Neorealismo cinematografico italiano, mirabilmente interpretato da un cast davvero d’eccezione: lo stesso Eduardo, Titina De Filippo, Totò, Delia Scala, Leda Gloria e Carlo Ninchi. Le musiche del film portano la firma di Nino Rota. L’ingresso è libero.

articolo tratto da puglialive.net
info e programma www.festivaldellavalleditria.it




"Milazzo Film Festival 2010"

Milazzo Film Festival 2010
V edizione
Sezione “Retrospettivae”
Palazzo D’Amico Milazzo 12 – 18 luglio 2010
Un villano a Cinecittà. Omaggio a Turi Vasile

Lunedì 12 luglio alle 21.15 nell'atrio del Teatro del Carmine
Gambe d’oro, regia di Turi Vasile
Con Totò, Scilla Gabel, Paolo Ferrari, Rossella Como, Memmo Carotenuto.
Comico, b/n durata 93 min. - Italia 1958

programma completo e info www.milazzofilmfest.it




"Cinema in Piazza 2010: 1960 L'anno mirabile del cinema italiano"

La dolce vita e gli altri in rassegna dal 12 luglio al 9 agosto in Piazza Amendola - Cesena

Programma:

12 luglio La dolce vita (bn 173' *)
di Federico Fellini con Marcello Mastroianni, Anita Ekberg

19 luglio Rocco e i suoi fratelli (bn, 180' *)
di Luchino Visconti con Alain Delon, Renato Salvatori

26 luglio Adua e le compagne (bn, 106' *)
di Antonio Pietrangeli con Simon Signoret, Sandra Milo

2 agosto L'avventura (bn, 140' *)
di Michelangelo Antonioni con Monica Vitti, Gabriele Ferzetti

9 agosto Risate di gioia (bn, 106')
di Mario Monicelli con Anna Magnani, Totò

Piazza Amendola, ore 21.00 - ingresso gratuito
* Film sottotitolati per non udenti
In caso di pioggia i film verranno recuperati a partire da lunedì 16 agosto.






"A Mesagne va in scena Totò "

Mercoledì in compagnia della musica proposto dall’assessorato agli Spettacoli nell’ambito delle manifestazioni di “Mesagne Estate 2010”. Il teatro a cielo aperto che accoglierà la serata è quello del sagrato della Chiesa Matrice dove ci sarà un tuffo nel passato con le musiche degli “Anonimi”, storica band mesagnese degli anni '70. In scena Angelo Guarini alle chitarre, Cosimo Canuto all'organo Hammond, con la splendida voce di Mara Longo e gli intermezzi poetici di Emanuele Castrignanò. Presenta la serata l’attore e regista, Mario Cutrì Si prosegue giovedì 8 luglio, nel chiostro di Palazzo di Città, con la Bottega del Teatro che propone uno dei suoi cavalli di battaglia : "Siamo uomini o caporali?" un viaggio indimenticabile nel pianeta Totò'.

Lo spettacolo, a sostegno delle iniziative dell'Ant, l’Associazione nazionale Tumori, pone l'accento sull'aspetto meno noto del grande artista, che però rivela la sua grande sensibilità ed umanità , il Totò poeta. Lo spettacolo proposto dalla Bottega ha avuto parole di elogio da parte di Liana de Curtis, figlia di Totò, ed è stato curato da Mario Cutrì per i testi e la lettura delle poesie mentre Alessandra Simoni ha curato le ricerche video. Entrambi gli appuntamenti avranno inizio alle ore 21.

articolo tratto da Il Gazzettino di Brindisi del 6 luglio 2010




"Totò attore" il nuovo libro di Ennio Bispuri

Totò attore
di Ennio Bìspuri
Gremese Editore, Roma, 2010; pagg. 509; € 35

Il libro, poderoso nella sua mole di 642 pagine, ricostruisce in modo esaustivo la complessa e multiforme personalità del più importante attore comico italiano e tra i più importanti della storia mondiale dello spettacolo. L'Autore affronta, attraverso una rigorosa ricerca filologica, che prende le mosse dalla biografia dell'Attore a partire dai primi anni '10 del Novecento, la formazione del Totò teatrale, sviluppata anche in riferimento al suo rapporto con Napoli e al cosiddetto teatro leggero, che affonda le sue radici nella commedia dell'arte, quale il café-chantant, l'avanspettacolo, la sceneggiata, il vaudeville, la macchietta ecc., che furono il nutrimento iniziale e i cromosomi del giovanissimo Totò. Sono così ricostruiti con meticolosa e filologica precisione, anno per anno, dal 1918 al 1956, tutti gli spettacoli teatrali che videro Totò protagonista e trionfatore, fino a diventare l'idolo delle folle. Di fondamentale importanza è lo studio delle sei tipologie di Totò, ancorate ai vari registri recitativi del grande attore napoletano, che danno luogo ad una vera e propria fenomenologia dell’aspetto attoriale, che è il nucleo del libro, espresso esplicitamente dal titolo.
La parte centrale del libro è dedicata al passaggio di Totò al cinema (1937), sotto la spinta di una crisi industriale del cinema italiano colpito dalle sanzioni a causa delle guerre coloniali, che imponevano ai produttori la ricerca di uno Charlot italiano.
L'Autore analizza dunque tutti e 97 i film interpretati da Totò dal 1937 al 1967, informando il lettore sulla storia produttiva, talora complessa e non sempre conosciuta, di ciascun film: situazione storica, proposte e tentativi, problemi produttivi, valutazione della critica coeva, combinazioni e scelte. L'opera, che per la prima volta affronta e analizza le presenze televisive di Totò e le sue interpretazioni pubblicitarie, è strutturata su nove momenti, a parte la Nota introduttiva e la bibliografia raccomandata, che rispettivamente comprendono:

L’attore Totò: una fenomenologia globale

Totò e il principe de Curtis
La marionetta
Il tipo
L’uomo qualunque
L’uomo che soffre
La maschera surreale
Il clown
Totò e le sue metamorfosi
Il carattere
La recitazione
Il linguaggio
La commedia

La formazione teatrale di Totò

I cromosomi teatrali e i primi spettacoli (1912-1920)
Totò “il comicissimo” muove i primi passi(1921)
Roma e le prime scritture (1922-1924)
Il profumo del successo (1925-1927)
“La Porta d’oro” e i grandi teatri (1928-1929)
Prodromi di un trionfo: le grandi stagioni (1930-1939)
Il teatro in guerra (1940-1943)
Tra guerra e pace: le grandi riviste (1944-1947)
Verso la fine di Totò attore teatrale (1948-1949)
L’addio al teatro: l’ultimo spettacolo (1950-1957)

Totò attore di cinema

I Film
Totò attore televisivo
Apparizioni televisive di Totò come ospite
Totò doppiatore
Totò protagonista di spot pubblicitari
Bibliografia raccomandata

In modo particolare, di ciascun film il testo fornisce, oltre al cast, alla durata e all'anno di uscita:
l'analisi molto approfondita di ciascun film, che si articola in:
a) Informazioni generali e analisi critica del film;
b) La recitazione di Totò;
f) Commento critico prodotto all'uscita del film;

Chi sia stato veramente Totò, in cosa consista la sua arte, quali soprattutto siano le coordinate della sua recitazione, è ancora oggi un campo di indagine poco studiato, almeno con il rigore scientifico che sarebbe necessario. Questo libro, il più esauriente mai pubblicato, minuziosamente documentato anche attraverso una capillare indagine storico-critica, ha l’ambizione di penetrare all’interno dell’universo attoriale di Totò, sia nell’ambito teatrale sia in quello cinematografico, misurandone i vari registri e le differenze in funzione di ciascuno spettacolo e ciascun film, dalla farsa alla commedia di costume, dalla parodia al realismo, dal dramma al fantastico-surreale di Pasolini. Si scoprirà allora che non esiste un solo Totò, ma tanti quanti sono i livelli recitativi su cui l’attore di volta in volta si colloca, mettendo a frutto un grande tradizione che affonda le sue radici storiche fino alle antiche Atellane e ai Fescennini latini, e successivamente nella commedia dell’arte, alla quale con maestria eccezionale Totò ha sempre voluto rapportarsi. Si comprenderà anche che dietro l’attore Totò c’è la straordinaria scuola napoletana del Pantalena, c’è quell’inimitabile humus antropologico della Campania Felix, c’è Pulcinella con la sua storia lunga quattro secoli. Approfondire l’arte recitativa di Totò è come fare un viaggio all’interno di un mondo solo apparentemente semplice e in realtà complesso e variegato, dove ogni singola tessera rimanda a un preciso contesto stilistico. Questo studio sulla recitazione di Totò intende restituirgli non certo la gloria (di cui non ha bisogno) ma la completezza scientifica di un’indagine definitiva sulla sua forza come attore non solo comico. Una tempra artistica che probabilmente trova riscontro solo in quella di Charlie Chaplin, anche lui interprete della sofferenza degli umili e degli emarginati, rielaborata in forme umoristiche di straordinaria originalità.

Ennio Bìspuri è nato a Roma, dove si è laureato in filosofia con una tesi in estetica sul linguaggio cinematografico. Saggista e critico, con al suo attivo monografie che spaziano dall’ambito filosofico (Nietszche) a quello cinematografico (Federico Fellini, Ettore Scola). È uno dei massimi esperti di Totò, sul quale ha scritto altri due volumi: Totò principe clown (Guida, Napoli, 1997,con la prefazione di Goffredo Fofi) e Vita di Totò (Gremese, Roma, 2000).

È anche autore di alcuni racconti e del romanzo Cronache da una stanza fumosa (Ila Palma, Palermo, 1990). Collabora con le riviste cinematografiche Fellini/Amarcord, Lumière, Cinema Nuovo e Quaderni del Cinema Italiano. Ha diretto gli Istituti Italiani di Cultura di Colonia, Algeri, Santiago del Cile, Mosca, Barcellona e Buenos Aires.

Per eventuale acquisto è possibile prenotare il libro direttamente all’Editore Gremese:
gremese@gremese.com






"Concerto per un principe chiamato Totò"
Il nuovo cd del maestro Gianni Lamagna

Il nuovo CD di Gianni Lamagna con Liliana De Curtis da Venerdì 25 giugno nei negozi di dischi.

Dopo tre anni precisi, era il 25 maggio del 2007, arriva il CD "Concerto per un Principe chiamato Totò" di Gianni Lamagna, voce recitante Liliana De Curtis, elaborazioni e direzione musicale Antonello Paliotti, frutto del concerto tenuto al Maschio Angioino nel quarantennale della morte di Totò. Dedicato a Totò, ai suoi amici, al suo Tempo.
Una produzione "di Musica in Musica" - Rai Trade.
Concerto per un Principe.
Frutto di un progetto pluriennale, che oggi diventa finalmente CD, Concerto per un Principe ci presenta Totò paroliere di canzoni, con elaborazioni e musiche originali di Antonello Paliotti. A proporle è uno degli artisti più significativi del panorama napoletano: Gianni Lamagna, accompagnato da un gruppo di eccezionali musicisti.
Ensemble strumentale dell’associazione “di Musica in Musica”

Gianni Lamagna (voce)
Liliana De Curtis (voce recitante)

Gennaro Cappabianca (violino)
Rosanna Truppa (viola)
Antonello Paliotti (chitarra)
Luigi Pettrone (clarinetto)
Fabio Soriano (flauto)
Armanda Desidery (pianoforte)
Agostino Oliviero (mandolino)
Gianpaolo Nigro (violoncello)
Dario Franco (contrabbasso)
Carmine Bruno (percussioni)
Roberto Bastos (percussioni)

video di Pierangelo Fevola





Totò, il principe italiano della risata
Mostra multimediale al Valentin-Karlstadt-Museum

TOTÒ, IL PRINCIPE ITALIANO DELLA RISATA
MOSTRA MULTIMEDIALE AL VALENTIN-KARLSTADT-MUSÄUM
Monaco di Baviera, 24 giugno – 17 ottobre 2010
Ingresso: € 2,99
Lunedì, martedì e giovedì ore 11.01 - 17:29
Venerdì e sabato ore 11.01 – 17.59
Domenica ore 10.01 – 17.59
mercoledì chiuso
Informazioni al pubblico: tel. +49(0)89 223266
www.valentin-musaeum.de
Monaco, 3 giugno 2010. - La mostra è dedicata ad Antonio de Curtis in arte Totò, il più famoso attore comico italiano. Scomparso nel 1967, vive tuttora nella memoria collettiva dei suoi compatrioti, compresi giovani e giovanissimi, grazie ai tantissimi film che ha interpretato e al suo inconfondibile spirito. Il suo estro artistico e la spontaneità del suo humor ben rappresentano l’umanità e la gioia di vivere tipicamente italiane.
Fonte d’ispirazione per artisti, creativi e intellettuali, Totò è oggi al centro di questa esposizione collettiva che vede la partecipazione di ventinove autori contemporanei invitati da Massimo Fiorito ed è ospitata nella sala mostre esterne del Valentin- Karlstadt-Musäum.
Come Totò anche Karl Valentin è un comico del sud: il primo viene dal sud Italia, il secondo dal sud della Germania. Ambedue posseggono un proprio gergo, un proprio dialetto, una propria mimica. Ambedue sono considerati a buon diritto l’incarnazione delle rispettive città natali. Se Totò è per i napoletani come la risata di Pulcinella o il gusto della pizza, Valentin è per Monaco come il Föhn, il caratteristico vento caldo che scende dalle Alpi bavaresi.
Proprio per approfondire e suggellare il parallelismo esistente tra questi due grandi personaggi, è attualmente in fase di incubazione un nuovo progetto artistico interculturale che si propone di allestire a Napoli una mostra dedicata a Karl Valentin.

Eventi
L’inaugurazione della mostra, prevista per la serata di giovedì 24 giugno, sarà preceduta da una serata tematica all’Istituto Italiano di Cultura di Monaco di Baviera in data 23.6.2010 e affiancata da una rassegna di film in programma dal 17.9 al 17.10.2010 presso il Filmmuseum di Monaco.

Artisti in mostra
Irene Bacchi, Renato Begnoni, Cecilia Bianchini, Mauro Boschini,Marcella Brancaforte, Michele Cavaliere, Debora di Leo, Giorgio Bramante Donini, Licio Esposito, Ettore Festa,Fiorito & Fluturel, Ezio Flamnia, Gianfranco Gentile, Massimo Giacon, Adriano Laruccia, Stefano Libertini,Giovanna Magri, Beppe Mora, Bettina Moras, Daniela Moretto, Roberto Perini, Andrea Petrone, Caterina Plenzick, Pier Maria Leandro Romani, Barbara Ruzziconi, Leonardo Sonnoli, Sergio Staino, Sebastiano Tramontana.

Curatela, patrocini e partecipazioni
Curata da Massimo Fiorito in collaborazione con il Valentin-Karlstadt-Musäum, la mostra multimediale “Totò, il principe italiano della risata” è in programma al Valentin- Karlstadt-Musäum dal 24 giugno al 17 ottobre 2010.
Il catalogo - edizione bilingue tedesco/italiano, progetto grafico di Narcisa Fluturel – è stato curato da Massimo Fiorito.
Il progetto ha il patrocinio del Comune di Verona, del Comune di Napoli, dell’Istituto Italiano di Cultura a Monaco.
È promosso dall’Assessorato alla Cultura della città di Monaco di Baviera, dalla Commissione Circondariale Monaco di Baviera – Distretto Centro Città, dall’Assessorato alla Cultura della Provincia di Benevento. Gode dell’amichevole sostegno di Cinecittà Luce, Filmmuseum, Raumwandler e.V., Limelight , Ristorante Buongusto

Fiorito&Fluturel
Massimo Fiorito (Verona, Italia, 1962) e Narcisa Fluturel (Bocsa, Romania, 1963) lavorano in coppia dal 2005. Fotografo professionista dal 1986, Massimo Fiorito realizza foto e video artistici. Narcisa, diplomata all‘Istituto Superiore per le Industrie Artistiche di Urbino ha lavorato per anni in agenzie di pubblicità e in seguito come art director free lance. Fiorito&Fluturel realizzano propri progetti e curano mostre di arte contemporanea nella città di Monaco. Con il progetto multimediale “Plasticity” e con il progetto fotografico “Family Portraits” hanno creato un proprio inconfondibile linguaggio, molto apprezzato dai collezionisti d‘arte. Fino a oggi sotto la sigla Fiorito&Fluturel hanno esposto le loro opere nelle città di Monaco di Baviera, Norimberga, Bordeaux e Venezia.

Per ulteriori informazioni alla Stampa: Massimo Fiorito
Tel. +49(0)89 35 85 26 89
e-mail: fiorito@fiorito-fluturel.com

le foto ci sono state gentilmente concesse da Massimo Fiorito






Totò der italienische prinz des lachens
Eine multimediale sonderausstellung im Valentin-Karlstadt-Musaum

TOTÒ DER ITALIENISCHE PRINZ DES LACHENS
EINE MULTIMEDIALE SONDERAUSSTELLUNG IM VALENTIN-KARLSTADT-MUSÄUM

Kuratiert von Massimo Fiorito
Sonderausstellung
im Valentin-Karlstadt-Musäum
vom 24. Juni 2010 – 17. Oktober 2010
Ausstellungseröffnung am
Donnerstag, den 24.6.2010 um 19 Uhr
Presseführung:
Donnerstag, den 24.6.2010 um 11.01

Die Sonderausstellung widmet sich dem bekanntesten italienischen Komiker Antonio de Curtis, Künstlername Totò (1898 – 1967), der nicht zuletzt durch seine zahlreichen Filme zum festen Bestandteil des italienischen Kollektivgedächtnisses wurde.
Seine künstlerische Laufbahn begann Totò als Bühnenschauspieler, wo sich schon bald sein komödiantisches Talent zeigte. Als Komödiant zog er in den 1930er Jahren mit seinem eigenen Ensemble quer durch Italien. Seine Bühnenkleidung bestand aus einer alten Melone, zu kurzen Hosen und darunter hervorschauenden bunten Socken. Darüber hinaus schrieb er Liedtexte und Gedichte. Ab 1937 bis zu seinem Tod 1967 drehte er 97 Filme. Als italienisches Medienphänomen ist er im Unterbewusstsein sowohl der Hochkultur als auch der Kultur des Volkes verankert. 1966 begegnete Totò Pier Paolo Pasolini und spielte in dessen „Uccellacci e uccellini“ („große Vögel – kleine Vögel“) eine seiner letzten tragikomischen Rollen.
Totòs Humor spiegelt italienische Leichtigkeit und Freude am Sein wider. Nach wie vor ist der Komiker aus Neapel eine Inspirationsquelle für italienische Künstler und Kreative. Massimo Fiorito hat 29 zeitgenössische italienische Künstler zu Totò befragt. Ihre künstlerischen Antworten werden nun im Valentin-Karlstadt-Musäum gezeigt.
Karl Valentin und Totò - zwei Künstler aus dem Süden, der eine kommt aus dem Süden Italiens, der andere aus dem Süden Deutschlands, was aus italienischer Sicht freilich im Norden liegt, für die Deutschen wiederum der Norden des Südens ist. München/Monaco die nördlichste Stadt Italiens oder die südlichste Deutschlands - alles eine Frage des Standpunkts und der Perspektive oder der Weltanschauung. Beide Städte verfügen über eine eigene Mundart, einen eigenen Dialekt, eine eigene Sprache des Südens, deren sich die beiden Komiker bedienen, welche die Städte Napoli/Neapel, München/Monaco hervorgebracht haben. Beide sind zu einzigartigen Repräsentanten ihrer Stadt geworden. Ist Totò für die Neapolitaner wie das Lachen von Pulcinella oder der Geschmack der Pizza, so gehört Valentin zu München wie der Föhn, den man hier immer spürt, auch wenn er nicht da ist. Die Sonderausstellung bildet den Auftakt einer deutsch – italienischen Begegnung. Im nächsten Jahr soll eine künstlerische Fortsetzung Karl Valentins in Neapel präsentiert werden.
Begleitet wird die Ausstellung von einem Themenabend im italienischen Kulturinstitut in München am 23.6.2010 und von einer Filmretrospektive zu Totò im Münchner Filmmuseum vom 17.9 bis 17.10.2010. Zur Ausstellung erscheint ein zweisprachiger Katalog (Italienisch/Deutsch).

Teilnehmende Künstler:
Irene Bacchi, Renato Begnoni, Cecilia Bianchini, Mauro Boschini,Marcella Brancaforte, Michele Cavaliere, Debora di Leo, Giorgio Bramante Donini, Licio Esposito, Ettore Festa,Fiorito & Fluturel, Ezio Flamnia, Gianfranco Gentile, Massimo Giacon, Adriano Laruccia, Stefano Libertini,Giovanna Magri, Beppe Mora, Bettina Moras, Daniela Moretto, Roberto Perini, Andrea Petrone, Caterina Plenzick, Pier Maria Leandro Romani, Barbara Ruzziconi, Leonardo Sonnoli, Sergio Staino, Sebastiano Tramontana.

Massimo Fiorito 1962 in Verona geboren und Narcisa Fluturel 1963 in Bocsca (Rumänien) geboren, arbeiten seit 2005 als kreatives Künstlerpaar zusammen. Sie setzen ihre eigenen Ideen um und kuratieren zeitgenössische Ausstellungen in München. Mit dem multimedialen Projekt „Plasticity“ und ihrem Fotoprojekt „Family Portraits“ haben sie eine eigene unverwechselbare Sprache geschaffen, die von Kunstsammlern sehr geschätzt wird.
Seit 1986 arbeitet Massimo als professioneller Fotograf. Seine Fotos und Kunstvideos wurden in verschiedenen Einzel- und Sammelausstellungen in Verona, Paris und München ausgestellt.
Unter der Schirmherrschaft von:
Comune Napoli
Comune di Verona
Istituto Italiano di Cultura di Monaco
Gefördert von:
Landeshauptstadt München Kulturreferat
Assessorato alla Cultura della città di Monaco di Baviera
Bezirksausschuss München – Stadtmitte
Commissione Circondariale Monaco di Baviera – Distretto Centro Città
Mit freundlicher Unterstützung:
Filmmuseum München, Raumwandler e.V., Limelight , Ristorante Buongusto, Augustiner






" Totò Fans Club di Pordenone "






Serata a tema in occasione della mostra "Totò- il principe della risata- un evento multimediale"

Mercoledì 23 giugno
Presenta Massimo Fiorito
Performance musicale per trombone di Sebi Tramonatana mamifacciailpiacere con proiezioni video e interviste agli artisti.
24 giugno – 14 ottobre
Valentin Karlstadt Musäum
Tal 50, Monaco di Baviera
Mostra »Totò- il principe della risata- un evento multimediale«
Obiettivo della serata è quello di avvicinare il comico italiano più amato, Antonio De Curtis (Totò), al pubblico tedesco. Totò è l’essenza di una lingua e di una comunicazione appassionata unita ad una natura umana commovente. È, oggi come ieri, fonte di ispirazione per gli artisti e i creativi italiani. Per illustrare la versatilità dell’artista e del suo significato si adoperano media differenti: oggetti del suo repertorio come comico di varietà, video e fotografie.

Informazioni
Data: mercoledì 23 giugno 2010
Orari: ore 19
Luogo: Istituto Italiano di Cultura, Hermann-Schmid-strasse 8, Monaco di Baviera
Organizzatori: Progetto di Massimo Fiorito
In collaborazione con: la città di Napoli, Valentin Karlstadt Musäum, Filmmuseum München e Istituto Italiano di Cultura di Monaco di Baviera
Ingresso libero

Moderation: Massimo Fiorito
Musikperformance für Posaune-Solo "mamifacciailpiacere" von Sebi Tramontana. Videobeiträge und Interviews mit Künstlern
Ziel des Events ist es, den Facettenreichtum von Italiens beliebtestem Komiker, Poeten und Schauspieler, Antonio De Curtis (Totò), dem deutschen Publikum nahe zu bringen. Totò ist der Inbegriff einer leidenschaftlichen Sprache und Kommunikation gepaart mit einer ergreifenden Menschlichkeit. Er ist nach wie vor eine Inspirationsquelle für italienische Künstler und Kreative. Zur Veranschaulichung der Vielseitigkeit des Künstlers und seiner Bedeutung werden unterschiedliche Medien eingesetzt.

info www.iicmonaco.esteri.it




Al via la terza edizione di Santa Sofia Movietour

Santa Sofia Movietour
Percorsi nella Napoli del cinema
Terza edizione

Ripartono le visite guidate alla scoperta dei luoghi della nostra città, e sono tanti, che hanno fatto da set ad importanti film: capolavori della storia del cinema (Viaggio in Italia, L’oro di Napoli, Le mani sulla città, Il Decameron – solo per citarne alcuni); film che sono entrati nella storia del grande schermo e nell’immaginario di generazioni di spettatori grazie alla presenza enorme dei suoi protagonisti (Totò, Sofia Loren, i fratelli De Filippo, Massimo Troisi – ma l’elenco è assai più lungo) – quasi sempre sostenuti da una moltitudine di caratteristi tra i maggiori di tutto il cinema italiano (Giacomo Furia, i fratelli Taranto e i fratelli Giuffré, Pietro De Vico, Tina Pica, Enzo Cannavale, Lello Arena ecc.); film che hanno dato nuova linfa a generi in crisi o ne hanno essi stessi creati di nuovi (i musicarelli, per esempio, film canoro-sentimentali, i film-sceneggiata); grandi produzioni internazionali accanto ai B movie; film delle ultime generazioni di autori napoletani che tanto hanno contribuito a rilanciare il cinema italiano degli ultimi anni (Piscicelli, Martone, De Lillo, Capuano, Incerti, Lambertini, Sorrentino).

Tra i vicoli, le gallerie, le colline, i palazzi di Napoli si è mossa dunque instancabile la macchina cinematografica sin dai suoi esordi. La città del sole e dell’oscuro, ha intrecciato il suo fascino al fascio luminoso già a partire dai fratelli Lumière che approfittarono della veduta sul lungomare e da precocissime case di produzione che trovarono il successo sfruttando le scenografie naturali e il “colore” locale. Così, in seguito, Napoli è prescelta come ambientazione di memorabili film come L’oro di Napoli (De Sica 1954), Questi fantasmi (De Filippo, 1954), Matrimonio all’italiana (De Sica, 1964), Operazione San Gennaro (Risi, 1966), Il Decameron (Pasolini, 1971), La pelle (Cavani, 1982), Pacco, doppio pacco e contropaccotto (Loy, 1993) e moltissimi altri.

Queste sono solo alcune delle tappe che verranno raggiunte nel corso di questa terza edizione di Santa Sofia Movietour, un progetto dell’Assessorato alle politiche giovanili del Comune di Napoli Servizio giovani, della Mediateca Santa Sofia e dell’associazione FILMapART .

Gli itinerari proposti quest’anno sono quattro, distribuiti in otto appuntamenti, previsti il venerdì pomeriggio alle ore 17.30 e il sabato mattina alle ore 10.30.
Le visite guidate, gratuite e fruibili su prenotazione, partiranno dalla Mediateca Santa Sofia del Comune di Napoli, dall’Istituto di Cultura francese “Le Grenoble”, dalla Biblioteca Universitaria e dalla sede del CEICC (Centro europeo di informazione cultura e cittadinanza), tutti partner del progetto.
I Movietour si svolgeranno a piedi e saranno preceduti da un filmato di montaggio che presenterà le scene girate nei luoghi che si andranno a visitare lungo i percorsi, mentre fotogrammi e foto di scena aiuteranno a rievocare, durante il movietour, le pellicole cinematografiche. Sarà anche un’occasione per confrontare le immagini storiche della città con la sua veste attuale.
Novità importante di quest’edizione di Santa Sofia Movietour sarà l’inserimento di performance attoriali lungo il percorso: sulle location cinematografiche, infatti, un gruppo di attori rievocherà alcune scene indimenticabili del cinema partenopeo.
Durante il movietour potremmo così assistere, ad esempio, agli esilaranti dialoghi di Massimo Troisi, alle gesta di Sofia Loren, alla lettura delle “Lettere dal set” di de Sica, rivivendo i momenti che hanno reso celebri i luoghi nell’immaginario collettivo.
L’invito ai movietour è per tutti coloro che desiderano scoprire un volto nuovo della città attraverso le pellicole storiche del cinema e per tutti i partecipanti alle precedenti edizioni perché avranno la possibilità di scoprire le novità di quest’anno.

Il calendario e i luoghi

Venerdì 18 giugno e venerdì 25 giugno - ore 17.30
Istituto di Cultura Francese “Le Grenoble” – Via Francesco Crispi, 86
Itinerario: da via Crispi a Mergellina

Sabato 19 giugno e sabato 3 luglio - ore 10.30
Biblioteca Universitaria – Via Giovanni Paladino, 39
Itinerario: da via Paladino a via Marina

Sabato 26 giugno e sabato 10 luglio - ore 10.30
Mediateca Santa Sofia – Via Santa Sofia, 7
Itinerario: da via S. Sofia a piazza della Sanità

Venerdì 2 luglio e venerdì 9 luglio - ore 17.30
CEICC – Via Partenope, 36
Itinerario: da via Partenope a Piazza del Plebiscito

Info e prenotazioni:
Mediateca Santa Sofia
tel. 081/7953183, 081/456425 – e-mail: giovani@comune.napoli.it
Campania Movietour
www.campaniamovietour.com - info@campaniamovietour.com






Nuove vie dedicate ai grandi del cinema

Nel quartiere Adriano-Marelli arrivano Tognazzi, Mastroianni, Gassman e Totò.

Quattro vie per quattro grandi del cinema italiano. Nel quartiere Adriano-Marelli di Milano arrivano Ugo Tognazzi, Antonio De Curtis in arte Totò, Marcello Mastroianni e Vittorio Gassman. Ad annunciarlo è l’assessore comunale alla Cultura: "Ugo Tognazzi - spiega Massimiliano Finazzer Flory - è stato un grande attore anticonformista, un uomo di gusto, sperimentalista e allo stesso tempo tradizionalista. Le sue scelte sono sempre andate al di fuori dei canoni tradizionali. Sapeva immedesimarsi intuitivamente e con forza nei personaggi, anche in quelli lontani dalla sua personalità e dal suo stile. In lui tragedia e commedia erano un tutt'uno".
Quanto a Totò l’assessore lo definisce "una grande maschera nel solco della tradizione della Commedia dell’Arte. A distanza di decenni molte delle sue memorabili battute e gag sono spesso diventate anche perifrasi nel linguaggio comune. E il suo modo di prendersi gioco dei vizi della politica italiana mi pare esemplare e attuale".
Una via ricorderà anche Mastroianni, "attore elegantissimo: la sua recitazione scaturiva in modo del tutto naturale, niente in lui era costruito. Era contraddistinto da una eloquente semplicità".
Infine, grande festa per l'intitolazione della via Vittorio Gassman, il 29 giugno, quando ricorre il decennale della morte: "Un genio versatile e magnetico, con profonde radici nel mondo del teatro più impegnato. Nella sua carriera ha attraversato tutti i generi e i ruoli rappresentando, sempre con grande successo, autori classici e moderni, sia in Italia che all’estero. Gassman è un maestro per tutti noi".

articolo tratto da www.libero-news.it




Mario Monicelli arriva a Biografilm Festival

Il grande regista italiano al Biografilm Festival di Bologna per raccontare gli anni '60 dell'altra dolce vita: domenica 13 alle 19.00 sarà presentato Risate di Gioia, con Totò e Anna Magnani.

info Biografilm Festival




Al "Civita Film Fest" l'auto di Totò: un'autentica chicca dal valore inestimabile

BAGNOREGIO – (m) In anteprima, al “Civita Film Fest”, il primo ed unico festival dedicato ai motori nel cinema, in programma da oggi al 13 giugno a Bagnoregio, un'autentica chicca: la Cadillac di Totò, la Regina delle auto d'epoca.

Tutti la vorrebbero. Si tratta di una cadillac fiammante, 5500 cc di cilindrata, tappezzata in pelle finissima, cromature lucenti. Un pezzo unico da far sognare, ad occhi aperti, tutti gli appassionati d'auto d'epoca e non solo. Ha ricoperto ruoli da protagonista nel cinema italiano, con la partecipazione in importanti film come “Uccellacci e Uccellini”, diretto da Pier Paolo Pasolini, e presentato in concorso al 19º Festival di Cannes.
Già al primo sguardo si intuisce che non si tratta di un'auto qualunque. Rileva la sua sorpresa al tatto: il rivestimento esterno della carrozzeria è in velluto finissimo bicolore, giallo e verde. Oggetto del desiderio di chiunque ami distinguersi ad ogni costo. E qualcuno ci è riuscito. Antonio de Curtis, il principe della risata, in arte Totò, è stato il proprietario della meravigliosa Cadillac, una Sedan del 1954, targata NA 213338. Dal libretto risulta appartenuta a Sua Altezza Imperiale Antonio della stirpe Costantiniana dei Focas di Bisanzio e fu acquistata da Totò di seconda mano.
Se è vero che lo stile di una persona o la posizione non possono prescindere dall'abito che si indossa o dall'auto che si guida, Totò sicuramente non fu da meno: era del resto uno che di eleganza se ne intendeva. Nato poverissimo, ha inseguito la notorietà ad ogni costo. E questa splendida auto , ora ritrovata, lo dimostra.
La Cadillac di Totò può essere di certo definita la Regina delle auto d'epoca. Oggi il suo valore è incalcolabile, ma la sua attuale proprietaria, Anna di Lallo, racconta che il padre la ha acquistata con il suo stipendio di allora, da un proprietario di un night napoletano, al quale era stata data da Totò in persona.
L'auto sarà protagonista al festival, e presentata in occasione della Notte dei motori, che si terrà sabato 12 giugno. La notorietà e lo status hanno sempre attratto l'uomo terribilmente. Cosa si è disposti a fare per raggiungerla? Questo dilemma probabilmente non sarà mai risolto, e continua ad attrarre tutte le classi sociali. Saranno intervistati sul tema i tanti personaggi del mondo dello spettacolo presenti sabato alla Notte dei Motori

articolo tratto da www.ontuscia.it

la foto ci e' stata gentilmente concessa da Leonardo Metalli





Dal 9 all'11 giugno al cinema Trevi "Rosanna Schiaffino: il fascino discreto della semplicità "

Omaggio alla bellezza dolce e naturale, mai volgare e nemmeno maliziosa, di Rosanna Schiaffino, attrice molto amata dal cinema italiano, scomparsa a Milano il 17 ottobre 2009.

Nata a Genova il 25 novembre 1938, acquisisce notorietà a soli diciotto anni apparendo sulle copertine dei più importanti rotocalchi dell'epoca e debuttando cinematograficamente in Totò lascia o raddoppia? (1956) di Camillo Mastrocinque. Trasferitasi con la famiglia a Roma e dilettandosi in veste di pittrice tra gli artisti di via Margutta, parallelamente ai film in costume dei quali diverrà un'interprete ricorrente (Orlando e i paladini di Francia, Ferdinando I Re di Napoli, Il ratto delle Sabine, L'avventuriero), viene nobilitata dal cinema di autori quali Francesco Rosi, Mauro Bolognini, Mario Camerini, Alberto Lattuada, Damiano Damiani, Alessandro Blasetti. La sua sensualità tipicamente mediterranea rappresenta appieno la perfezione dei suoi morbidi lineamenti, oltre a farla divenire il simbolo di un'eterno fascino classico: non a caso un autore attento quale Luciano Salce allude alla sua figura nelle sembianze del personaggio interpretato da Donatella Turri ne La cuccagna (1962), prima di affidarle il ruolo di Jeronima, modella prediletta (e poi moglie) del pittore El Greco (1964), mentre Vittorio De Sica la eleggerà a simbolo della bellezza italiana all'estero facendola comparire nel ruolo di se stessa in un cameo di Un mondo nuovo (1965), ambientato a Parigi. Sposatasi nel 1963 con il produttore Alfredo Bini, dal quale sei anni dopo avrà una figlia, Annabella, la Schiaffino lascia le scene nella seconda metà degli anni Settanta quando il cinema smette di offrirle occasioni di rilevo quasi dimenticandola, prima di unirsi in seconde nozze all'imprenditore Giorgio Enrico Falck, che la renderà madre di Guido nel 1981 e con il quale vivrà un rapporto particolarmente conflittuale. Il ciclo di film proposti (tra i quali l'antologia pressoché inedita Incontri Internazionali del Cinema 1965 e la rarissima versione de La mandragola comprendente la sequenza con Totò a colloquio con la Morte nella cripta del convento, all'epoca eliminata nel montaggio definitivo per volontà dell'autore) vuole essere un doveroso omaggio alle sue semplici doti d'interprete umile e spontanea. Programma, testo introduttivo e schede a cura di Graziano Marraffa

venerdì 11
ore 17.00
La mandragola (1965)
Regia: Alberto Lattuada; soggetto: dalla commedia omonima di Niccolò Machiavelli; sceneggiatura: Luigi Magni, Stefano Strucchi, A. Lattuada; fotografia: Tonino Delli Colli; scenografia: Carlo Egidi; costumi: Danilo Donati; musica: Gino Marinuzzi jr.; montaggio: Nino Baragli; interpreti: Rosanna Schiaffino, Philippe Leroy, Romolo Valli, Totò, Armando Bandini, Nilla Pizzi; origine: Italia/Francia; produzione: Arco Film, Lux C.C.F.; durata: 102'

info e programma completo su www.fondazionecsc.it




" Troisi e Totò, il doppio viaggio del Napoli Film Festival 2010 nella comicità napoletana "

"Totò Movie" e "Da domani mi alzo tardi", questi i due spettacoli che il Napoli Film Festival ha inserito quest’anno nel programma della rassegna che si terrà dal 5 all’11 giugno a Castel Sant’Elmo. Le due serate rappresentano un omaggio che la rassegna dedica nell’auditorium di Castel Sant’Elmo, ai due simboli della comicità napoletana del secolo scorso.

Il 5 giugno, quindi, il Napoli Film Festival si aprirà con la serata "Totò Movie", uno spettacolo ideato da Sergio Marra e presentato da Rosaria De Cicco e Fabio Canessa, che ricorda l’arte immortale di Totò attraverso una carrellata di brani tratti dalla sua filmografia. Dai duetti con Peppino agli incredibili problemi con la censura, la sua carriera dimostra come Antonio De Curtis abbia sperimentato e spesso anticipato ogni forma e genere dell'arte della risata: la gag mimica e il calembour verbale, il tormentone e il guizzo surreale, il meglio dell'avanspettacolo e la commedia brillante sensibile e raffinata, l'uso burattinesco del corpo e l'agrodolce spaccato sociale, l'origine della commedia all'italiana e la farsa pirotecnica.

Lunedì 7 giugno il Napoli Film Festival presenta invece una serata dedicata a Massimo Troisi, con lo spettacolo "Da domani mi alzo tardi". Sul palco Anna Pavignano, la scrittrice che ha collaborato alla sceneggiatura con Troisi tutti i suoi film, da "Ricomincio da tre fino" a "Il Postino": la sceneggiatrice, accompagnata dal chitarrista Alfredo Morabito, ripercorre la vita personale e artistica dell’attore e regista campano, fingendo che l’attore non sia morto subito dopo aver finito di girare "Il Postino", ma abbia scelto invece di ritirarsi a vivere in una misteriosa località di campagna, lontano dai palcoscenici e dalla notorietà.

SEDE
Castel Sant’Elmo
Via Tito Angelini 20 – 80129 NAPOLI
Per informazioni:
NapoliFilmFestival - Segreteria Organizzativa
tel. +39 081 4238127; email: info@napolifilmfestival.com






" A prescindere "

24 Maggio 2010
ore 11.30 Sala Conferenze PROVINCIA di SALERNO
Conferenza e Presentazione “ A PRESCINDERE… arte,cultura,spettacoli,mostre,cineforum “
Coordina il Dott. Ciro Troccoli e il Dott. Massimiliano Coppola

Venerdì 4 Giugno 2010
ore 19.00 Hotel La Scogliera ( Marina di Camerota )
Presentazione Manifestazione “ A Prescindere… “
conferenza e presentazione del film-documentario:
“ OMAGGIO a TOTO’ Maschera Principe & Poeta “
Saranno presenti il regista Arnaldo Ninchi e l’ideatore Alberto De Marco
Modera il Dott. Ciro Troccoli
Ore 20.30 Terrazza Piazza Simon Bolivar
Apertura Manifestazione con Gianni Parisi
PROIEZIONE in ANTEPRIMA NAZIONALE del FILM:
OMAGGIO a TOTO’ Maschera Principe & Poeta
Ore 22.10 Terrazza Piazza Simon Bolivar
PREMIO CABARET TOTO’ ( Prima Edizione )
Conduce Gianni Parisi
Con la partecipazione di:
Compagnia Teatrale L’Arte dei pazzi
A ‘ Mossa - duo cabarettistico
Pane Amore e Fantasia - ( trio cabarettistico )
‘A ‘Ntrasatta - ( duo cabarettistico)
Ospite della serata direttamente da “Made in Sud” ENZO FISCHETTI

Sabato 5 Giugno 2010
ore 18.30 Hotel la Scogliera Marina di Camerota
Presentazione del libro “ Mala Femmena “ di Lorenza Fruci ( Donzelli Editore )
modera il Dott. Massimiliano Troccoli
Sarà presente l’autrice Lorenza Fruci
Ore 19.30 Corso Piazza Simon Bolivar
Apertura stand gastronomici degustazione di prodotti tipici locali ( area Stand )
Mostre fotografiche e mostre di pitture ( percorso piazza S.Bolivar )
Ore 20.30 Terrazza Piazza Simon Bolivar
Cineforum: TOTO’ TRUFFA 62
Di Camillo Mastrocinque ( Italia 1961 )
Con Toto’ – Nino Taranto – Estella Blain – Lia Coppelli
Ore 22.10 Terrazza Piazza Simon Bolivar
TRIBUTO MUSICALE e VIDEO al Principe Toto’
Segue:
JACENTINO IN CONCERTO
Con la partecipazione di:
Rosaria Musiello (voce solista- coro) e Lello Scarpati (chitarre)

Domenica 6 Giugno 2010
ore 10.30 – Lungomare - Marina di Camerota
Mercatino dell’artigianato locale cilentano,campano e camerotano
A cura dell’associazione OPERA e la PRO LOCO CAMEROTA
Domenica 6 Giugno 2010
ore 11.30 Hotel la Scogliera Marina di Camerota
Convegno “ Le Tre C Campania,Cilento Camerota “
Organizzato dall’associazione Opera e da CONFESERCENTI Camerota
Modera il Dott. Ciro Troccoli
Ore 19.30 Corso Piazza Simon Bolivar
Apertura stand gastronomici tradizionali locali ( area Stand )
Mostre fotografiche e mostre di pitture ( percorso piazza S.Bolivar )
Espone il Prof. Gino Celia e altri artisti Cilentani.
Ore 20.30 Terrazza Piazza Simon Bolivar
Cineforum: LA BANDA DEGLI ONESTI ( Toto’ Falsario )
Di Camillo Mastrocinque ( Italia 1956 )
Con Toto’ e Peppino De Filippo
Ore 22.10 Terrazza Piazza Simon Bolivar
L’Associazione artistico culturale IL CARILLON presenta:
NAPULE E’… mille culure IL MUSICAL
Coreografie: Rosa Cusati - Regia: Catello Balestrieri ANTEPRIMA REGIONALE
Ore 24.00 Terrazza Simon Bolivar
Ringraziamenti e Premiazioni ai gruppi partecipanti al CABARETOTO’.
4-5-6 giugno 2010 - Marina di Camerota " A PRESCINDERE... "
Conduce: Gianni Parisi
Direzione Artistica: Pietro D'Andrea
info-line: 3202126467 www.cilentotv.com






"Signori si nasce"

Venerdì 28 maggio 2010
Saletta Incontri ex Convento di San Francesco
Piazza della Motta - Pordenone
ore 21,00 Ingresso libero





"Vincenzo Peluso in 'Napoli... cu' poco e niente'"

TOTO' interpretato dall'attore Vincenzo Peluso a Milano teatro Derby 19 maggio 2010
Vincenzo Peluso in 'Napoli... cu' poco e niente'
Milano 19 Maggio 2010 Teatro Derby Via Pietro Mascagni 8 Milano

Omaggio a Napoli e Totò, la cui immagine vestito da ”pazzariello” nel film “L'Oro di Napoli” accoglieva simbolicamente il pubblico nell’ingresso del teatro. Un omaggio che ha per protagonista uno degli attori napoletani più apprezzati del momento, Vincenzo Peluso. A Milano, sarà in scena a Milano il 19 maggio ore 21,00 con lo spettacolo “Napoli... cu' poco e niente”, un recital di canzoni e poesie con musica e danze, che ricorda la tradizione del teatro di varietà. Peluso è accompagnato sul palco da Nadia Pepe, ballerina e cantante, da Sergio Colicchio al pianoforte e da Adriano Poledro voci, nacchere e tamorre. Regia è di Geppi Di Stasio. Lo spettacolo utilizza il meraglioso repertorio del grande Totò, dalle poesie alle canzoni (fra cui le note A livella e Malafemmena) ma anche storielle ironiche. Un modo di ascoltare capisaldi del repertorio musicale e poetico della città più imprevedibile, passando da Totò a Viviani, dall’erotismo nella poesia napoletana a racconti di leggende popolari. Vincenzo Peluso racconta un recital di canzoni e poesie sulla realtà sociale della Napoli di ieri e di oggi. Questo spettacolo, ha già riscosso lusinghieri consensi nella capitale e in tante altre città italiane, Vincenzo Peluso, dopo aver esordito nel 1992 nel premiatissimo “Il ladro di bambini” di Gianni Amelio, ha intrapreso una carriera segnata da film d'autore. Nel 1995 il Festival di Ginevra lo annovera come uno dei più promettenti attori europei, interpreta così uno dei ruoli più importanti in “La mia generazione” di Wilma Labate, nominato all'Oscar come miglior film straniero. Protagonista di pellicole importanti come ”Quello che le ragazze non dicono” di Carlo Vanzina, “L'amore di Marja” e “I banchieri di Dio”, il pubblico televisivo lo ha conosciuto e apprezzato per la sua partecipazione alla famosa trasmissione di Rai Uno “Ballando con le stelle”. Protagonista anche di importanti successi teatrali a Castiglion Fiorentino porta un omaggio a Totò e alla sua Napoli con l'intento di scandagliare le motivazioni profonde di certi contraddittori atteggiamenti della napoletanità attraverso un percorso recitativo e musicale che, se pur disincantato, asseconda tutta l’emozionalità di Napoli.

Omaggio a Totò
Vincenzo Peluso in Napoli... cu' poco e niente
recital in due atti con Nadia Pepe e Adriano Poledro al piano Sergio Colicchio
un ringraziamento ai sostenitori CASINO’ DI LUGANO E DESIGN STYLE
Nunzia Giannattasio
ufficio stampa e impresario
tel 334 7623319
info@luter.it
Autore della pubblicazione:
Nunzia Giannattasio
Luter&Company adv






"La polizia compie 158 anni. Festa in piazza Plebiscito"

NAPOLI (15 maggio) - All'insegna dello slogan «C'è più sicurezza insieme», uomini e donne della polizia di stato hanno festeggiato oggi, a Napoli, il 158esimo anniversario della fondazione del corpo. A rendere omaggio, accanto al questore di Napoli Santi Giuffrè, anche il sindaco di Napoli Rosa Iervolino Russo , il presidente della Regione Campania Stefano Caldoro, il presidente della Provincia di Napoli Luigi Cesaro, il vescovo ausiliare di Napoli Lucio Lemmo, i vertici dell'Arma dei carabinieri, della guardia di finanza e dell'esercito.

Presenti anche il procuratore capo della Repubblica di Napoli Giandomenico Lepore e il procuratore generale Vincenzo Galgano. Ma al compleanno in piazza, non hanno partecipato solo autorità istituzionali: molti, infatti, i volti dello spettacolo. A fare da preludio alla cerimonia, un video dedicato a Totò e l'augurio agli agenti delle forze dell'ordine della figlia Liliana De Curtis.

articolo tratto da www.ilmattino.it




"Concerto per un principe chiamato Totò"

video di Pierangelo Fevola

Napoli, un cd e un concerto per rendere omaggio al principe della risata Totò
L'iniziativa presentata nella sede del Museo Totò Oddati: «L'apertura del museo entro l'autunno»

NAPOLI (13 maggio) - Un cd e un concerto per rendere omaggio alla figura del principe Antonio De Curtis, in arte Totò. Gli appuntamenti, presentati oggi a Palazzo dello Spagnuolo, a Napoli, prossima sede del Museo Totò, alla presenza della figlia Liliana De Curtis, dell'assessore alla Cultura del Comune di Napoli Nicola Oddati, dell'attore e ideatore del progetto Gianni Lamagna, del critico musicale Federico Vacalebre, e di Mauro Buttinelli di Rai Trade, prendono spunto da «Concerto per un principe chiamato Toto», evento che si tenne il 25 maggio 2007 al Maschio Angioino in occasione del quarantennale dalla morte di Totò.
E proprio a seguito del grande successo che ebbe il tributo musicale, quello stesso concerto diventa ora un cd realizzato con il contributo della Regione Campania e coprodotto da Raitrade e «Di Musica in Musica», in collaborazione con le associazioni «Antonio De Curtis» e «Progetto Oasi Onlus».
Il cd propone agli ascoltatori l'immagine di Totò nella sua veste più romantica, riflessiva e malinconica di poeta e paroliere. Tra i brani presenti, solo per citarne alcuni, Malafemmena, Core analfabeta, Felicità, Mergellina blu interpretati da Gianni Lamagna con le elaborazioni musicali dell'ensemble strumentale di Antonello Paliotti.
Ma a impreziosire ulteriormente il cd, la partecipazione della figlia del «principe della risata», Liliana De Curtis, che recita due componimenti del padre: «Ludovico e Sarchiapone», riflessione sulla vecchiaia e l'egoismo umano, e «Balcune e Logge» poesia per la sposa.
Ma il progetto musicale «Concerto per un principe chiamato Toto» è anche un omaggio agli artisti contemporanei di Totò, come Viviani, agli amici che lo accompagnarono durante la sua carriera come Peppino De Filippo e Nino Taranto e alle canzoni di suoi film celebri, come «La banda degli onesti» e «Carme».
Un evento, quello del 2007, che oltre a rivivere nel cd, sarà nuovamente riproposto nello spettacolo-concerto che si terrà al teatro San Ferdinando sabato 15 maggio. E proprio dalle stanze del Palazzo dello Spagnuolo, l'assessore Oddati ha annunciato la prossima conclusione dei lavori e la possibile apertura del Museo Toto «per l'autunno».
Il Palazzo nella zona dei Vergini, nel quartiere Sanità, inoltre, sarà come spiegato dall'esponente di Palazzo San Giacomo, una delle sedi in cui si svolgeranno gli eventi del Forum delle Culture in programma a Napoli nel 2013, evento da cui prenderà il via una mostra itinerante dal titolo «Totò l'italiano» che si sposterà nelle città menzionate e protagoniste dei film del celebre attore partenopeo.

articolo tratto da www.ilmattino.it

le foto ci sono state gentilmente concesse da Elena Musetta






"Concerto per un principe chiamato Totò"

Dopo tre anni precisi, era il 25 maggio del 2007, arriva il CD "Concerto per un Principe chiamato Totò" di Gianni Lamagna, voce recitante Liliana De Curtis, elaborazioni e direzione musicale Antonello Paliotti, frutto del concerto tenuto al Maschio Angioino nel quarantennale della morte di Totò. Dedicato a Totò, ai suoi amici, al suo Tempo.
Una produzione "di Musica in Musica" - Rai Trade.

Sabato 15 maggio 2010 ore 20,00
Teatro San Ferdinando Piazza E. De Filippo, Napoli
ingresso ad esaurimento posti.

Concerto per un Principe.
Frutto di un progetto pluriennale, che oggi diventa finalmente CD, Concerto per un Principe ci presenta Totò paroliere di canzoni, con elaborazioni e musiche originali di Antonello Paliotti. A proporle è uno degli artisti più significativi del panorama napoletano: Gianni Lamagna, accompagnato da un gruppo di eccezionali musicisti.

Ensemble strumentale dell’associazione “di Musica in Musica”

Gianni Lamagna (voce)
Liliana De Curtis (voce recitante)

Gennaro Cappabianca (violino)
Rosanna Truppa (viola)
Antonello Paliotti (chitarra)
Luigi Pettrone (clarinetto)
Fabio Soriano (flauto)
Armanda Desidery (pianoforte)
Agostino Oliviero (mandolino)
Gianpaolo Nigro (violoncello)
Dario Franco (contrabbasso)
Carmine Bruno (percussioni)
Roberto Bastos (percussioni)






"Totò premiato a La Terza Napoli"

Il prossimo 5 maggio all’allenatore del Napoli Walter Mazzarri verrà consegnato il premio “La terza Napoli: la città che eccelle” presso la sala Gemito all’interno della Galleria Principe di Napoli. Dopo averlo appreso verbalmente ed anche attraverso i vari mezzi stampa, il tecnico toscano a breve riceverà la lettera ufficiale d’invito all’evento in cui verrà premiato insieme alla figlia di Totò Liliana De Curtis e al cantante Gigi Finizio. Questa la motivazione per la quale Mazzarri sarà insignito di questo prestigioso premio: “Per la forza con la quale una squadra del cuore come il Napoli si è potuta trarre dai fondali del calcio riportandola a splendere”. (napolisport.net)

"La prima Napoli”, quella forse, più conosciuta al mondo, è fatta di immondizia, camorra e cattiva amministrazione.
Volendo chiamare “la seconda Napoli”, quella costituita da persone che lavorano nella quotidianità in maniera onesta, la Napoli meno conosciuta della prima, ma della quale si intuisce l’esistenza, va ricordato che esiste anche la “Terza Napoli” fatta da persone che eccellono a livello nazionale ed internazionale in vari settori.
Il Premio “La terza Napoli, la città che eccelle” nasce proprio con lo scopo di evidenziare l’esistenza di “eccellenze” che contraddistinguono la città di Napoli e a cui bisogna dare giusto riconoscimento. La premiazione è prevista per il giorno 5 maggio 2010 presso la sala Gemito nella Galleria Principe di Napoli , alle ore 17.00.
Presidente L'Emiciclo Onlus
Nicola Paone




" Camillorè a Roma al concerto del 1° maggio"

CAMILLORE'-IL REGNO DI SGHISGHIGNO
Una notte Re Camillo I, prima di allontanarsi nella terra dei sogni e perdersi nei cieli d’estate, consegnò, nelle mani di Davide Ciddì e Giacomo Stru-Stru,le chiavi della follia e le chitarre dell’ironia. Sotto le stelle e le nuvole speranzose, i due audaci Sognatori incontrarono nei piacevoli meandri del Bosco il Mala e Peblo,Jeanpierre,Luke e U'Baratt..e tantissimi altri indimenticabili Viandanti Musicanti dal Cuor Gentile. Da quella magica notte ,aedi e cantautori, mascalzoni e calzolai stralunati, guidati dal Principe de Curtis, detto Totò,dal Socratico Kazoo e dal Poeta Eduardo,si misero in marcia nel Fellinian Bosco..... UN'INFINITA CAROVANA COLORATA DI ANIME VAGANTI E CIRCENSI CHE GIUNSE NEL REGNO DI SGHISGHIGNO,DOVE TUTTO SI REALIZZA.... E DOVE UNICA REGOLA FU QUELLA DI SOGNARE, SCRIVERE E BRINDARE ALLA FELICE FANTASYA. Questo coloratissimo trenino prosegue ancora oggi il suo viaggio senza sosta...






"L'anteprima/ Totò, l'arte gigantesca e pura di un burattino con la lingua di fuoco"

NAPOLI (23 aprile) - Uscirà martedì prossimo il nuovo libro di Antonio Ghirelli, «Una certa idea di Napoli» (Mondadori, pagg. 152, euro 18), dal quale anticipiamo una parte dedicata a Totò. Si tratta di un viaggio nel «paradiso abitato da diavoli». Gesta, epidemie, speranze e sconfitte di un «popolo grande» come quello napoletano, rievocate con lo spirito di un flâneur appassionato e indomito. Tra le suggestioni di una storia antichissima, leggende popolari e atmosfere da Belle époque ormai sbiadite, Ghirelli ci ricorda che «una certa idea di Napoli» è quella fiamma sempre viva che ogni suo cittadino porta con sé. Tra parole e musica, diario intimo e acuta cronaca di costume, il ritratto romanzesco, ma tutto vero, di una città unica e magica.

L’arte di Totò è l’universalità del vicolo, la violenza buona e incontentabile del lazzaro, l’eternità di Pulcinella principe in sogno. È il golfo senza colera, la collina senza cemento, un pomodoro fresco schiacciato in mezzo alla palata di pane, uno sberleffo più libero e solenne della Marsigliese. È la ricchezza del morto di fame, una risata senza perfidia, una sensualità senza peccato. Ci deve essere una ragione del resto, perché perfino gli intellettuali del «Manifesto», perfino i rivoluzionari di «Lotta Continua» abbiano dedicato ai suoi film un elogio incondizionato, quando la critica colta – lui vivente – aveva stroncato senza pietà le porcheriole che gli facevano girare i produttori per sfruttare fino all’osso quella inesauribile macchina per far soldi.
Totò non si è sporcato neppure girando le idiozie e le assurdità. Totò non era avido: era, al contrario, generosissimo di sé e del suo denaro. La forza umana che si nascondeva in quel piccolo uomo senza cultura e senza repertorio, era tale che una donna giovane, intelligente, preparata e bella come Franca Faldini gli rimase fedele fino e oltre la morte. Di solito gli attori sono legati, reciprocamente, da un sentimento incoercibile di gelosia e di odio – un collante infame – che tiene insieme perfino i fratelli: ma Totò non fu mai odiato, Totò non fu mai oggetto di gelosia o di invidia. Il s’imposait comme un prince, s’imponeva come se fosse davvero un principe di stirpe reale (e forse lo era, che importa chiederselo?).
La sua grandezza era semplice com’è appunto semplice un burattino, una marionetta, un impasto di fili, di legno e di misero percalle. Viviani fu più sociale, Eduardo più drammatico, Peppino più esilarante: ma Totò, come Charlot, non può essere circoscritto da alcuna definizione: Totò è la natura che si disarticola, è un punto esclamativo che apre e chiude il discorso come nella grafia spagnola, è un fuoco d’artificio, una fanfara, un «movimento» che solca lo spazio come una lingua di fuoco.
Totò trattò la parola come l’avevano trattata i dadaisti, Marinetti, Majakovskij: solo che non se ne rese conto e non se ne rese conto perché non aveva bisogno di capire. Gli bastava di essere, di realizzarsi, come una castagnola lanciata contro un muro, che rimbalza sulla pietra vesuviana del selciato, scoppietta, rotola, frigge, si spegne, tra le risate degli scugnizzi e gli strilli di falsa paura delle commarelle.
Totò è così napoletano che in fondo alle sue smorfie non s’indovina neppure l’ombra delle lagrime che sottolineano la fine di Calvero e lo stupito declino di Buster Keaton. la vita, per lui, fu puro teatro, come lo è per tanti di noi. I suoi compagni di lavoro, sul set cinematografico, dovevano compiere sforzi crudeli per non ridere di fronte alla sua favolosa, inverosimile capacità di improvvisazione, in un’arte che atomizza e falsifica perfino una scena d’amore.
I lazzi e i fescennini dei nostri antichissimi padri osci convivevano in lui con l’eredità dei saltimbanchi medievali, delle maschere cinquecentesche, dei Cammarano, dei Petito, di Scarpetta. la sua recitazione si adattava a qualunque scenario: dal San Carlino al Madison Square Garden, dal Pallonetto al progetto Apollo. Dentro di noi, vecchi e ragazzi, napoletani e forestieri, passatisti e rivoluzionari, Totò è ancora, sarà sempre vivo. Purtroppo resta solo il cinema a restituircelo, ogni volta che è possibile, mentre il teatro, dove egli fu incomparabilmente più grande, è inabissato in fondo alla nostra memoria.
Anche se a far rivivere Totò hanno tentato in molti, chi non lo ha mai sentito come una presenza perduta è Franca Faldini che, in un libro scritto a quattro mani con Goffredo Fofi, ha dedicato ottanta dolcissime pagine agli anni vissuti accanto a lui. L’affascinante donna che ancora giovane strinse con Antonio un patto d’amore, racconta molti aneddoti sulla loro felice convivenza, ma la pagina più toccante è quella in cui rievoca la sera più drammatica nella vita del suo compagno: «Antonio divenne cieco in scena, sulle tavole del Politeama a Palermo, vestito da Napoleone, a tre passi da me... sottovoce pacato mi disse: non ci vedo, è buio pesto». In sala nessuno se ne accorse: «Accelerando i tempi, tagliando battute, con una vitalità selvaggia, scaricò se stesso in una mimica frenetica che fece delirare il pubblico, e tra le ovazioni di un teatro impazzito che urlava ”Totò sì ’na muntagna ’e zuccaro!”, si avviò a intuito verso le quinte».
Nella sua vita a parte Franca e la prima bellissima moglie, Diana, da cui finì per separarsi, c’è stata un’altra donna seducente e fatale, una celebre soubrette, Liliana Castagnola, che egli ha amato follemente in gioventù consumandosi di una gelosia asfissiante fino a staccarsene bruscamente per non soffrire più.
Distrutta dal suo abbandono, stravolta dalla solitudine in cui è piombata, Liliana ha finito per suicidarsi. Totò non è mai riuscito a dimenticarla e anzi con una incredibile, tenera decisione le ha dato sepoltura nella sua tomba di famiglia, ma questo non gli ha impedito di alternare nel tempo gli incontri più futili con altri appassionati innamoramenti, fino a quello ultimo per la Faldini.

articolo di Antonio Ghirelli tratto da www.ilmattino.it




"Gambe d'oro"

Venerdì 30 aprile 2010
Saletta Incontri ex Convento di San Francesco
Piazza della Motta - Pordenone
ore 21,00 Ingresso libero





" Addio a Vianello, è morto lo stesso giorno di Totò "

ROMA (15 aprile) - «Con Raimondo Vianello scompare per sempre un'intera generazione di comici, capeggiata proprio da mio nonno di cui oggi ricorre, è singolare, il 43/mo anniversario della morte: hanno girato insieme due film (Sua eccellenza si fermo a mangiare e Totò Diabolicus) e si sono voluti molto bene».

Lo dice Diana, la nipote del grande artista Totò, raggiunta al telefono della sua abitazione. «Nei racconti fatti in casa - prosegue la nipote - si è sempre parlato di un grande rispetto e una grande amicizia fra i due. Ma soprattutto quando hanno girato insieme, mi è stato raccontato di grandi risate». In 'Sua eccellenza si fermò a mangiarè, ultimo film di Totò con Mario Mattoli, forse neanche tra i più riusciti, oltre a Vianello c'era anche Ugo Tognazzi, che con l'attore scomparso oggi avrebbe poi costituito una celebre coppia.

articolo tratto da www.ilmessaggero.it




" Culturalmente a Scafati: incontro con Liliana De Curtis "

Una serata all’insegna dei ricordi quella che vedrà come ospite dell’ultimo incontro della rassegna Culturalmente a Scafati, Liliana De Curtis, autrice di “Malafemmena”.
Giovedì 15 aprile 2010, presso l’Auditorium della Biblioteca Comunale di Scafati, alle ore 18,00, l’autrice ed il presidente dell’associazione Mezzogiorno e Futuro, Salvo Iavarone, ripercorreranno la storia d’amore tra il principe della risata, Antonio De Curtis, in arte Totò, e sua moglie Diana, ispiratrice della sua canzone più famosa.
Una data importante il 15 aprile, che coincide con il 43esimo anniversario della scomparsa di uno dei più amati protagonisti del patrimonio culturale italiano, ricordato in una lettera dalla figlia Liliana De Curtis come “un uomo generoso, una persona perbene nel senso più ampio e nobile del termine”.
Ed è proprio l’ultimo verso della canzone “Malafemmena” a racchiudere l’essenza della vita sentimentale tumultuosa di Totò che, da autentico sciupafemmine, pur avendo conosciuto numerose donne, ne ha amato profondamente soltanto una: sua moglie Diana.
“Prima di raccontare la storia d’amore dei miei genitori, – racconta Liliana De Curtis nell’introduzione –ho riflettuto a lungo sull’opportunità di rivelare senza falsi pudori i segreti di famiglia. Alla fine, però, sono giunta alla conclusione che la verità vada detta comunque, con il merito, nel mio caso, di rendere finalmente giustizia a mia madre, Diana: è lei l’ispiratrice della canzone più famosa di mio padre, Malafemmena, scaturita dal suo dolore di averla perduta”.
Un legame intenso e passionale quello tra il principe De Curtis e sua moglie Diana, che portò entrambi a commettere follie e infrangere tabù. Un amore conflittuale avvelenato, tra liti e riconciliazioni, dalla gelosia di Totò al punto tale da spingerlo nel ’39, a causa del timore di essere tradito, a chiedere ed ottenere il divorzio in Bulgaria. Un amore struggente che, anche dopo la morte di Totò, Diana ha rimpianto amaramente fino all’anno della sua scomparsa, nel 2006.
Nel corso della serata sarà proiettato l’esclusivo documentario dal titolo “Un principe chiamato Totò”, una carrellata dei ricordi dei personaggi del mondo dello spettacolo che hanno conosciuto e amato il principe De Curtis.
“Si tratta di un appuntamento imperdibile e di grande levatura culturale. – ha dichiarato Pasquale Aliberti, Sindaco di Scafati – L’incontro con la figlia del grande Totò rappresenta un momento importante della rassegna ‘Culturalmente a Scafati’ che permetterà di conoscere una persona brillante e di grande carisma, profonda conoscitrice della vita e del carattere di suo padre nonché musa ispiratrice. Scrittrice ed autrice, Liliana De Curtis, saprà raccontare con grande minuzia le entusiasmanti vicende che hanno segnato la vita di suo padre e di conseguenza la sua”.

articolo tratto da www.ilgazzettinovesuviano.com




" Omaggio a Totò, Maschera, Principe e Poeta "

Omaggio a Totò, Maschera, Principe e Poeta
In data 15 aprile 2010 alle ore 10.30 si terra' in Napoli, presso la Basilica di Santa Maria della Sanita', nel quartiere che diede i natali a Toto' e in occasione del 43° anniversario della scomparsa, la presentazione del film documentario, dedicato ad Antonio de Curtis: “Omaggio a Toto', Maschera, Principe e Poeta” (dopo l’anteprima mondiale di Genova). La lavorazione del film ha avuto inizio nel quarantesimo anniversario della morte del Principe, si è protratta per oltre due anni e recentemente ha ottenuto il nulla osta per la distribuzione cinematografica dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali - Direzione Generale per il Cinema.

La manifestazione è organizzata da Alberto De Marco, poeta e scrittore di origine salernitana, Presidente dell’Associazione Amici di Totò… a prescindere! – Onlus di Roma, da Mario De Rossi, scrittore e giornalista, Delegato di Napoli, da Elisabetta Campelli, Rappresentante dell’Associazione Un Tetto Insieme e da Ermelinda Federico, Direttore - General Manager di INCIPIT centro studi e agenzia letteraria.

L’importante iniziativa si svolgerà con il Patrocinio Morale del Comune di Napoli - Assessorato alle Politiche Sociali. Ospite d’Onore l’attore Carlo Croccolo , per antonomasia l’erede artistico di Totò, che declamerà alcune poesie del Principe Antonio de Curtis.

In apertura, la presentazione dell’iniziativa culturale da parte dei curatori: Alberto De Marco, Mario De Rossi ed Ermelinda Federico. Previsto poi il saluto di Don Antonio Loffredo, Parroco della storica Basilica di Santa Maria della Sanità, nonché Direttore delle vicine Catacombe di S. Gennaro. Seguirà un intermezzo musicale della giovane cantante Diletta Pagano e di Paolo Pezzella già tenore dell'Accademia di Santa Cecilia in Roma, accompagnato dal violino di Elena Pezzella dell'Orchestra Giovanile di Santa Cecilia e, infine, una performance dell’artista di origine napoletana Gennaro Momo. Presenterà l’attore Angelo Blasetti. Interverrà Arnaldo Ninchi, il regista del film: l’attore, già Presidente del Teatro Stabile di Trieste, declamerà una memorabile pagina poetica di Antonio de Curtis dedicata a Napoli. Parteciperanno altresì: Tito Lucrezio Rizzo, Consigliere Capo Servizio della Presidenza della Repubblica, Presidente del Sindacato dei Funzionari del Quirinale; Lucia Marchi, Consulente letteraria del film e Coordinatrice dell’Ufficio Normative e Relazioni Internazionali del Diritto d’Autore presso il Ministero per i Beni e le Attività Culturali, Direzione Generale della Biblioteca; Giancarlo Giojelli, Vice Direttore di Rai International; Padre Rynkiewiez Lech, Responsabile Ufficio Promozione di Radio Vaticana; Antonio Scandola, Responsabile Commerciale del Proyecto Team Antorva; Luciano Somma, poeta e scrittore di canzoni, autore del brano inserito nella colonna sonora del film; Peter Ciani, arrangiatore ed interprete della stessa, di origine napoletana che vive in Australia ed ha ottenuto diversi riconoscimenti internazionali; Francesco D’Episcopo, Docente di Filologia moderna all’Università Federico II di Napoli; Giovanna Carfora, Presidente del Movimento Federativo, femminile donne d’Europa; Alberto De Marco, autore e sceneggiatore, nonché Vincenzo De Sio, special guest director.

Il film è arricchito da alcune immagini inedite di Totò, trovate a Roma dall’ideatore del film in modo rocambolesco nel mercato di “Porta Portese”. Durante la manifestazione saranno esposte alcune opere pittoriche dei Maestri: Irio Ottavio Fantini, il pittore del Vaticano, giornalista e autore di programmi di Radio Vaticana e Aniello Torretta, recentemente scomparsi, ai quali è dedicato il film documentario. Sarà presente Rai International con una troupe per riprendere l’evento: lo Special sarà trasmesso in diretta e in alcuni continenti in differita, in riferimento ai fusi orari.

Aperitivo a conclusione, offerto dalla D&D Ricevimenti di Sergio De Simone e fine pasticceria offerta dalla storica ditta Rescigno.

La partecipazione è libera e gratuita, previa registrazione all’indirizzo e-mail eventi@incipitweb.it oppure al telefono n° 3663596378.

L’iniziativa di presentazione a Napoli del film documentario “Omaggio a Totò, Maschera, Principe e Poeta” nasce dalla collaborazione tra INCIPIT centro studi e agenzia letteraria e l’Associazione Amici di Totò… a prescindere – Onlus, con l’intento culturale di favorire la conoscenza e lo studio della figura umana e artistica di Totò. Tale collaborazione è iniziata dal convegno di studi sull’arte poetica di Antonio de Curtis del 2007 a Napoli per il 40° anniversario della scomparsa.

INCIPIT, centro studi e agenzia letteraria, nata come osservatorio permanente interattivo sul settore editoriale, opera presso il Business Innovation Centre di Città della Scienza ove svolge talent scouting, attività di consulenza per autori e editori, valutazione di testi inediti, editing e revisione critica, traduzioni e proof reading, studio di soluzioni editoriali e intermediazione. Impegnata nell'alta formazione, INCIPIT progetta seminari e coordina workshop. Organizza eventi di promozione culturale e sperimenta forme innovative di comunicazione basate sulla Information and Communication Technology. È membro dell'Humanistic Management, movimento internazionale per lo sviluppo qualitativo della vita imprenditoriale.

L’Associazione Amici di Totò… a prescindere! – Onlus organizza ogni anno il Concorso Internazionale Antonio de Curtis, Totò, giunto alla XIII Edizione, in collaborazione con INCIPIT centro studi e agenzia letteraria e con altri importanti enti: la prestigiosa Rivista del Made in Italy “Lifestyle.it”, la Direzione Regionale Inail del Lazio, l’Associazione Aditus (Tutela e Promozione Sociale); Hermes 2000 con il Tavolo della Solidarietà; Los Ninos del Mar; U.N.V.S. (Unione Nazionale Veterani dello Sport); Ancis International Association; UN.I.A.C. (Unione Italiana Associazioni Culturali); Mondoconsumatori; Movimento Internazionale Neoumanista; DIMOS (Associazione Italiana Donatori di Midollo Osseo; Moto For Peace e AISA (Associazione Italiana per la lotta alle sindromi atassiche), etc. Il Concorso si svolge, inoltre, con l’adesione del Presidente della Repubblica e con il Patrocinio della Presidenza del Consiglio dei Ministri, del Ministero per i Beni e le Attività Culturali, del Senato della Repubblica, della Camera dei Deputati, di Radio Vaticana, di RAI senior (Associazione Nazionale Seniores Rai); della Regione Lazio, della Provincia di Roma, etc.; di prassi vengono assegnati vari Premi alla Carriera a personaggi della cultura e dello spettacolo: la medaglia della Presidenza della Repubblica, la medaglia del Senato della Repubblica, la medaglia d’argento della Camera dei Deputati...

Lo scorso dicembre si è tenuta a Roma presso la “Sala Conferenze” della Camera dei Deputati, in collaborazione con l’Agenzia Stampa Internazionale “Fidest”, la Conferenza Stampa di presentazione pubblica del film documentario “Omaggio a Totò, Maschera, Principe e Poeta”, nella quale è stata ufficialmente resa nota la finalità sociale: il ricavato ottenuto dalla distribuzione del film documentario nelle sale cinematografiche del territorio nazionale e internazionale sarà devoluto integralmente dal produttore “Associazione Amici di Totò… a prescindere! - Onlus”, unitamente al 5 X 1000 della prossima dichiarazione dei redditi a favore della Onlus, ad un progetto di solidarietà che nascerà in sinergia con l’Associazione “Un Tetto Insieme” per contrastare il disagio mentale attraverso la realizzazione di una Community Housing per sofferenti psichici, che possa garantire ad essi una residenza protetta, cure e riabilitazione, reinserimento sociale e lavorativo; le procedure saranno sottoposte al controllo di un Comitato di garanti composto di personaggi autorevoli, distintisi per alta moralità e impegnati da tempo in attività culturali e sociali. La Conferenza Stampa di Roma si è giovata delle Relazioni di importanti rappresentanti di Istituzioni pubbliche e personalità di Enti di maggior spicco nella ricerca medica specialistica internazionale: “Centro di Terapia Strategica” di Arezzo, Scuola di Specializzazione in Psicologia Clinica dell’Università di Siena, Università “La Sapienza”, Presidenza della XII Commissione Affari Sociali – Sanità…

Il programma di promozione del film documentario “Omaggio a Totò, Maschera, Principe e Poeta” include tappe nazionali e internazionali: in America, in Australia, etc. Successivamente alle celebrazioni di Napoli, seguirà sul territorio italiano la presentazione del film a Roma nel prestigioso Teatro “Salone Margherita”.






"Napoli, tomba di Totò a rischio. Nel mirino un muro abusivo "

Non sono partiti gli interventi di ripristino dopo la frana al cimitero del Pianto. Per adesso si indagano ancora le cause: una delle più plausibili riguarda la scoperta di un abuso edilizio. Per evitare infiltrazioni d’acqua, venne eretto un muro di contenimento, abusivo, che isolò una serie di cappelle che si trovano al di sotto della strada spaccata.
Il muretto impedì lo scorrimento dell’acqua che iniziò ad appantanarsi nelle cappelle. Della situazione si accorsero gli addetti cimiteriali quando notarono che alcune casse avevano cominciato a galleggiare e a risalire verso l’alto spinte dall’acqua che aveva trasformato le cappelle in vere e proprie piscine.
Nel frattempo, ieri Liliana De Curtis, la figlia di Totò, ha fatto un blitz al cimitero del pianto per capire qual è la reale situazione. Si è soffermata a lungo nella cappella del padre, poi ha chiesto di essere accompagnata a vedere i danni provocati dalla frana che sta facendo crollare la parte bassa del cimitero. La figlia del principe De Curtis si è mostrata preoccupata.
Per adesso la tomba di Totò, così come quelle di Nino Taranto e del grande tenore Enrico Caruso, non hanno subito danni, ma Liliana ha insistito sulla necessità di intervenire: «Ribadisco il messaggio lanciato tre giorni fa, quando, però, non avevo ancora visto quel che era accaduto: fate in fretta, non permettete che questo luogo vada in rovina.
Ora che ci sono venuta di persona, e ho visto le strade spaccate e le cappelle che stanno per crollare, sono ancora più convinta che sia urgente un intervento». Liliana De Curtis è decisa a fare qualcosa per il cimitero del Pianto, anche per dare seguito a un segnale premonitore contenuto in un sogno, del quale lei stessa racconta nella prima pagina del nostro giornale, in cui proprio i morti di quel cimitero si rivolgevano al padre per essere salvati dal crollo.
Fra quattro giorni cade l’anniversario della morte di Totò, sono passati 43 anni, ma l’amore della città per il principe non s’è mai spento: così la preoccupazione per la sorte della sua tomba tiene con il fiato sospeso tutta Napoli. C’è preoccupazione anche per la sorte di tutte le altre cappelle del cimitero. Nuovi segnali di cedimento vengono notati ogni giorno, da quando il Mattino ha dato notizia della frana. Dai sopralluoghi è stata riscontrata una profonda crepa nel muro di tufo che sostiene la parte bassa della collina di Totò.
È una frattura (la vedete anche in una delle foto di questa pagina), che parte dall’alto e scivola fino alla base del muro. Potrebbe rivelarsi come punto debole e diventare la causa del definitivo cedimento delle cappelle. Anche in basso, nel terrapieno sottostante il cimitero, il muro di contenimento di tufo sembra malmesso. È completamente «spanciato», significa che si è creata una immensa rigonfiatura giusto al centro.
È un segnale che indica una forte pressione da parte del terreno retrostante, sui mattoni di tufo. Per via della pressione il tufo si spinge verso l’esterno e, prima o poi, rischia di cedere. Proprio questi ultimi due segnali spostano l’allarme verso la cava greca, che si trova esattamente sotto al punto in cui si è verificata la frana. Se venisse giù di schianto la collina, inevitabilmente provocherebbe un crollo di quella grotta che resiste da 2.500 anni e che solo venti anni fa, scoperta dallo speleologo Enzo Albertini, ha mostrato i segni lasciati dai cavatori, incisi in un alfabeto che ancora nessuno è riuscito ad interpretare.

articolo di Paolo Barbuto tratto da www.ilmattino.it




" Totò,la frana e il sogno della Livella "

Ieri sono stata al cimitero del Pianto a dire una preghiera sulla tomba di Totò, il mio papà. Ho potuto vedere di persona la frana che ha aggredito quella bella collina, e sono rimasta attonita. Anche se l'emozione più profonda me l'ha data un racconto che voglio condividere con tutti i napoletani.
Padre Giuseppe Garofalo, il sacerdote del cimitero, due mesi fa ha fatto uno strano sogno, che solo ieri mi ha confidato e che io adesso vi svelo.
Nel sogno era notte fonda, e padre Giuseppe sentiva il rumore di una folla che si agitava nel cimitero del Pianto. Per capire cosa stesse accadendo, ha scavalcato il muro di cinta. Davanti agli occhi uno spettacolo incredibile: una moltitudine di persone che si accalcava davanti alla tomba di mio padre e lo chiamava insistentemente. "Esci Totò, vieni a vedere che succede". Totò si è presentato sulla porta della sua cappellina e ha chiesto di essere lasciato a riposare in pace. La moltitudine, allora, gli ha risposto: "Anche noi siamo morti come te e dormiamo in questo cimitero. Solo che noi non possiamo riposare in pace. Stiamo laggiù e stiamo male: le casse sono rotte, le ossa stanno rotolando a terra. Aiutaci". Così Totò si è voltato, ha fatto un cenno come per dire, aspettate un momento, e ha detto "Piglio 'a casciulella cu 'e qquatt'osse e vengo con voi".
Il racconto finisce qui. Non so voi cosa pensiate dei sogni premonitori, ma quando ho ascoltato la storia del sacerdote, mi sono venuti i brividi. Ho pensato subito a quel che sta succedendo, oggi, in quel cimitero che frana; ho riguardato le fotografie pubblicate sul Mattino, quelle con le bare scoperchiate dentro alla chiesa. Io sono convinta che erano proprio loro, i morti abbandonati, quelli che si rivolgevano a mio padre, a Totò.
Ora che ho visto con i miei occhi ciò che sta avvenendo, ribadisco l'appello che ho lanciato due giorni fa proprio sul Mattino: per piacere fate qualcosa, intervenite per cancellare i segni del degrado, dell'abbandono e della frana. Per adesso, comunque, voglio rassicurare tutti: la tomba di mio padre non è stata lesionata. Non ancora. Ma lo stato di abbandono che c'è in quel luogo mette tanta tristezza.

lettera di Liliana de Curtis al www.ilmattino.it




" La tomba di Totò rischia di sprofondare
Frana la collina del cimitero di Napoli "

La figlia: «Intervenite, salviamo tutti i nostri morti
Per me la livella è reale, non è una poesia»
NAPOLI - Rischia di crollare la tomba di Totò. Una frana sta travolgendo la zona del cimitero di Napoli e le cappelle dell’area dove è sepolto il principe De Curtis.
«Lancio un appello: intervenite subito, bloccate la frana, evitate che i nostri morti subiscano questo tormento». La figlia di Totò sostiene di non essere al corrente delle condizioni del cimitero e aggiunge di non parlare solo per suo padre: «Per me la livella è reale, non è una poesia. Non esistono morti più importanti di altri. Bisogna avere rispetto di tutti».
Poesia e realtà. Proprio nei versi ricordati da Liliana de Curtis, il principe della risata aveva immaginato una paradossale scena nel cimitero di Napoli: il povero don Gennaro rimproverato aspramente da un marchese che non sopportava la vicinanza di un defunto di basso rango. «Si fosse vivo - recita La livella - ve farrei cuntento, pigliasse 'a casciulella cu 'e qquatt'osse e proprio mo, obbj'...'nd'a stu mumento mme ne trasesse dinto a n'ata fossa». Quella di Totò al cimitero di Santa Maria del Pianto non è una «casciulella» (piccola cassa) ma una cappella nobiliare, eppure le sue «qquatt'osse» omaggiate tutto l'anno dai fedeli del culto comico, non trovano pace.
La Collina del Paradiso, infatti sta franando, trascinando giù anche le cappelle del cimitero e la chiesa seicentesca di Santa Maria del Pianto. Le strade si spaccano a metà, come documenta un reportage, le lastre di marmo si staccano dalle tombe e dai loculi spuntano resti umani. Vent’anni fa fu predisposto un sostegno per salvare la collina, un muro di cemento; dal novembre scorso, però, il supporto non ha retto.

articolo tratto da corrieredelmezzogiorno.corriere.it




" iTotò: la prima e unica applicazione per iPhone e i Pod Touch dedicata al grande Totò! "

Il grande Totò, il più amato comico italiano di tutti i tempi è finalmente arrivato su iPhone e iPod Touch! iTotò è la prima e unica applicazione interamente dedicata al Principe della risata e alle sue battute memorabili. iTotò è l'unica applicazione in grado di strapparvi una risata ovunque e in qualunque momento. Basterà agitare l'iPhone o l'iPod Touch per generare diverse centinaia di battute pronunciate nell'arco della sua carriera cinematografica e teatrale. Ridere non è mai stato così semplice e veloce! iTotò è anche l'unica applicazione che permette di condividere le divertenti battute con i propri amici! Basterà cliccare il tasto Pubblica su Facebook per scrivere sul proprio profilo Facebook e far morire dal ridere tutti gli amici! Infine, la colonna sonora composta in esclusiva per iTotò e dal Principe stesso che accompagna ogni frase con le sue tipiche esclamazioni vi regaleranno ore di allegria!

Prezzo al pubblico: GRATIS

iTotò è disponibile all'indirizzo:
http://itunes.apple.com/it/app/id364610214?mt=8

Scheda tecnica:
http://www.kiwistudio.net/itoto.html

Note sull'autore:
Giacinto Attanasio è uno sviluppatore indipendente di applicazioni per iPhone e iPod Touch. Tra le sue applicazioni di maggior successo figurano "iLatitanti", "Ueué" e "La Fattoria Parlante", queste ultime best seller nelle rispettive categorie e in quelle generali.






" A prescindere "

L’Associazione Culturale “OPERA” con sede in Marina di Camerota alla Via S.Domenico –snc- Apolitica,aconfessionale e senza scopo di lucro svolgerà attività di promozione,divulgazione,distribuzione nel campo teatrale,musicale,cinematografico,televisivo,editoriale,intende promuovere,sviluppare e diffondere la cultura musicale e culturale,gli artisti operanti in tutto il mondo,valorizzandone l’opera, l’immagine e l’ingegno in Italia e all’Estero. Tutto ciò senza discriminazioni di spazio, di tempo di tendenza e di stile,favorendo,nel mondo più completo possibile , la diffusione, la produzione e la distribuzione della loro opere mediante la divulgazione,la valorizzazione artistica e d’immagine con creazione di iniziative e servizi,anche rivolti a terzi,nei settori della cultura, del turismo, dell’arte e dello spettacolo. Per la realizzazione di quanto su esposto l’Associazione si prefigge la qualificazione,il miglioramento professionale,sociale ed artistico dei soci e dell’ambito territoriale in cui svolgerà le proprie attività.In particolare rivolgerà le proprie specifiche competenze ai campi:della cultura,dello spettacolo,del turismo,dell’animazione,della comunicazione,del recupero e salvaguardia delle tradizioni e dell’arte in generale. Inoltre con determina del 17-02-2010 del Ministreo dello Sviluppo Economico Dipartimento Comunicazioni – Direzione Generale per i Servizi di Comunicazione Elettronica e di Radiodiffusione l’Associazione Culturale “ OPERA “ è anche Tv con il marchio “ CILENTO TV “ prossimamente in onda sul Digitale Terrestre.

Alla luce di quanto esposto, questa Associazione da inizio ai lavori con un primo evento denominato:
“ A PRESCINDERE… ” arte, cultura, spettacoli, mostre in programma il prossimo giugno c.a. nei giorni 4 – 5 – 6 conduce: Gianni Parisi
La manifestazione al suo primo anno di vita, presenta un personaggio triste comico ancora oggi amato da tutti, ragazzi, giovani e meno giovani “ ANTONIO DE CURTIS in arte TOTO’ “
E’ noto che la città di Marina di Camerota ospita nel periodo estivo moltissimi turisti che affascinati dalle bellezze naturali e dalla cultura campana sono lieti di passare le vacanze estive in questi luoghi. Ci sembra molto efficace ed interessante offrire nell’arco di un fine settimana una serie di eventi di grande cultura ed originalità, di cui alleghiamo il programma, eventi che vedranno protagonisti importanti professionisti dello spettacolo nazionale ed internazionale.






" Totò terzo uomo "

L’Associazione culturale TerrAurunca, il Comune di Formia, con il patrocinio del Parco regionale dei monti aurunci sono lieti di presentare la rassegna cinematografica dal titolo “La terra del cinema” che si terrà dal 01/04/10 al 13/05/10 a Formia (LT), con frequenza settimanale presso la sala comunale di Formia "Archivio Comunale". La rassegna cinematografica, dal titolo “La terra del cinema”, vuole proporre al gentile pubblico una serie di film girati nel comprensorio e perciò strettamente legati con l’identità e il costume di questa terra.
Il Programma (che potrà subire modifiche) prevede la proiezione di 5 film+1 Documentario tra cui:

TITOLO FILM REGISTA ANNO LOCATIONS
Totò terzo uomo - Mario Mattoli 1951 Formia-Minturno
Giorni d'amore - G.De Santis 1954 Fondi
A 30 milioni di km dalla terra - N. Juran 1957 Sperlonga
Bluff - S.Corbucci 1976 Gaeta
Scipione detto anche l'africano - Magni 1971 Itri
Al termine del cineforum verrà proiettato in anteprima il documentario: "(H)olivewood" di Luca Corretti, alla presenza dell’autore. Alle proiezioni saranno presenti critici e autori cinematografici che introdurranno il pubblico alla visione dei film.
Il presidente
Daniele Iadicicco
Pubblicato da La terra del cinema






" Risate di gusto, una Pasqua in nome di Totò "

A SORRENTO, TUTTI PAZZI PER CIOCCOLATOTÒ

Venerdì 26 marzo, in corso Italia, festa golosa ideata dal pasticciere dei Vip Antonio Cafiero, dedicata al Principe della Risata, Antonio De Curtis. A fine serata, spaghettata da record in omaggio al film “Miseria e Nobiltà” Si scrive “CioccolaTotò” si legge serata gustosa dedicata al Principe della Risata, Antonio De Curtis. Una festa stuzzicante, ideata dal pasticciere dei Vip Antonio Cafiero, che venerdì 26 marzo prenderà forma e sapore in corso Italia, a Sorrento, a partire dalle 20. Per l’occasione, negli open space della gelateria “Primavera”, si potranno ammirare uova di cioccolato extralarge, tutte dipinte a mano, ispirate ai film più noti del mitico Totò. Da “Gli onorevoli” a “L’imperatore di Capri” passando per “La banda degli onesti” e “Signori si nasce”. Una sfilza di prelibatezze abbinata alla tipica bombetta che l’attore amava indossare nelle sue pellicole realizzata, nelle misure più disparate, con cioccolato al latte e fondente. Stessa materia prima utilizzata per plasmare il busto di Totò, tutto da sgranocchiare, del peso di oltre 100 chili, che domina la sala principale del frequentatissimo ritrovo sorrentino. L’appuntamento, che aprirà ufficialmente i festeggiamenti per la Pasqua 2010, vedrà la partecipazione anche della nipote del grande artista partenopeo Diana, figlia di Liliana De Curtis. L’evento si concluderà in strada, alle 21.30, con una spaghettata da record “aglio, olio e peperoncino” pronta a deliziare le centinaia di avventori che si ritroveranno in corso Italia per un ghiotto tributo all’indimenticabile scena del film “Miseria e Nobiltà” trasmesso su maxi schermo. Momento goloso reso possibile, oltre che da Antonio Cafiero, anche dai titolari dei ristoranti “Ciao Totò” di Sant’Agnello e “Donna Sofia” e “La Lanterna” di Sorrento.

www.primaverasorrento.it






" Cinema: riflettori su Napul'e'a Capri "

(ANSA) - NAPOLI, 22 MAR - Prende il via a Capri una nuova rassegna cinematografica organizzata dall'Assessorato al Turismo del Comune di Capri: ''Napul'e'''. Una rassegna sul cinema umoristico napoletano che andra' in scena a partire dal 25 Marzo alle ore 18.00 nell'Auditorium del Centro congressi con Toto' a Colori. Nelle successive settimane verranno proiettati altri classici come Carosello Napoletano, Ieri Oggi e Domani, L'Oro di Napoli, Mi Manda Picone, Cosi' Parlo' Bellavista e Scusate il ritardo.






" Mala femmena "

Chi fosse la vera musa ispiratrice della canzone Malafemmena si è saputo solo di recente grazie alle dichiarazioni di Liliana de Curtis, figlia del principe Antonio de Curtis, in arte Totò. Fu infatti lui nel 1951 a comporre la canzone, scrivendone parole e musica, senza peraltro essere né musicista, né paroliere. Eppure, Totò non la incise mai, né mai la cantò in pubblico, limitandosi a seguirne il successo da lontano. Il primo a inciderla su un 78 giri fu infatti Giacomo Rondinella, e il lancio ufficiale avvenne ad opera di Mario Abbate in occasione del Festival di Piedigrotta. Da allora la canzone conobbe un’ondata montante di popolarità, tanto in Italia che all’estero, e ben presto si guadagnò l’aurea di un classico. Ancora oggi è al centro del repertorio di grandi nomi della musica italiana, uno fra tutti Renzo Arbore, che la porta in giro per il mondo con la sua Orchestra Italiana, come simbolo di una lunga tradizione. Il testo in napoletano non ha impedito alla canzone di parlare un linguaggio universale, espresso da una melodia di particolare forza e qualità. Solo un grande amore – e burrascoso – come quello tra Antonio de Curtis e la moglie Diana Rogliani poteva dunque ispirare una canzone tanto popolare come Malafemmena, con buona pace dei paparazzi… Dai gossip alla ricostruzione fedele, il libro racconta storia e retroscena di una leggenda musicale

L'autore
Lorenza FRUCI
Lorenza Fruci, giornalista, si occupa di cultura, costume e eros per varie testate, tra cui «Cultumedia.it», «Blue» e «Terza Pagina». In tv lavora come inviata e opinionista per la Rai e per canali Sky.

www.lorenzafruci.it




"Totò lascia o raddoppia?"

Venerdì 26 marzo
Saletta Incontri ex Convento di San Francesco
Piazza della Motta - Pordenone
ore 21,00 Ingresso libero





"Dadàdodecafonica, personale dell’artista Andrea Petrone "

Mostra: “ Dadàdodecafonica”, personale dell’artista Andrea Petrone.
Luogo: Mediamuseum, p.zza Alessandrini, 34 - 65127 Pescara-
tel. + 39(0)85 4517898.
Inaugurazione: mercoledì 17 marzo 2010, alle ore 18.00.
Durata: 17 marzo-25 marzo 2.010.
Orari: dal lunedì al sabato ore 10.30-12.30-17.00-19.00.
Ingresso libero.
www.myspace.com/andreapetrone
www.premiflaiano.it
info@premiflaiano.it

Andrea Petrone, napoletano di origini abruzzesi, avviatosi alla pittura nello studio dello zio, Tommaso Cascella e del padre Mario, anch’egli pittore, rimane fedele a quest’arte interpretandola nello spirito più contemporaneo. La sua produzione artistica più importante è costituita prevalentemente da ritratti di personaggi noti, quali Massimo Troisi, Totò, Lucio Dalla, ecc, che egli spesso accosta “a memorie del suo vissuto personale, in pose dove, con felice e lucida immaginazione, l’artista è in grado di gettare luce su angoli riposti e per questo autentici della loro personalità, elevandoli dalla condizione di singolarità a quella di archetipo” (E. Di Mauro). E grazie alla qualità del suo lavoro Lucio Dalla, nel 2002, per la copertina della sua compilation “Caro amico, ti scrivo” volle utilizzare un suo ritratto realizzato da Petrone.
Riguardo alla sua produzione più recente così ha scritto Roberto Serino:
“Attraverso ed oltre la rappresentazione -necessaria- si intravede, nel suo lavoro contemporaneo, l’accesso a quella dimensione intrigante che autorizza lo stupore rinnovato di fronte all’opera picta. Il lavoro recente di Petrone sembra intensamente attratto da questa doppia trascrizione: della sospensione e della provocazione e lo realizza attraverso l’applicazione del colore ben consapevole di come la superficie colorata possa decostruire lo spazio da ogni presunta naturalità e di come, nel contempo, possa offrirsi come puro “mundus imaginalis” in cui ogni cosa sembra perdere la sua linearità temporale e riconfigurarsi con altra geometria”.

Giovedì 25 marzo 2010, sarà l'ultimo giorno utile per visitare la mostra personale del maestro Andrea Petrone, in corso di svolgimento nelle prestigiose sale del Mediamuseum di Pescara. Inaugurata lo scorso mercoledì 17 marzo, "Dadàdodecafonica", dalla Prof.ssa Gabriella Ciaffardini, ha interessato ed entusiasmato una grande folla di appassionati e visitatori. Si sottolinea la stretta connessione tra Totò e l'analisi critica di Ennio Flaiano: infatti la mostra riporta personaggi e film alla memoria attraverso queste infinite trasformazioni del grande Principe della risata che Flaiano amò moltissimo affermando che Totò aveva scritto "l'autobiografia degli italiani". Nelle tre sale sono esposte 70 opere, tra tele e disegni, alcune sculture ed un busto in bronzo raffigurante il Principe De Curtis.






" Il teatro sul grande schermo "

“Scenario Movie” chiude a Sacile (Pordenone) la Stagione del Piccolo Teatro
Grandi film tratti dal repertorio napoletano tutti i giovedì di marzo presso la sede Ute di Palazzo Ettoreo a Sacile
Dopo il successo degli spettacoli proposti al teatro Ruffo, alla conclusione della lunga Stagione proposta a Sacile dal Piccolo Teatro manca ancora un ultimo segmento, che sarà dedicato, durante il mese di marzo, alle iniziative collaterali di formazione e approfondimento, realizzate già da qualche anno in sinergia con l'Università della Terza Età e degli Adulti.
Tutti i giovedì di marzo gli iscritti ai Corsi dell'Ute potranno seguire nel pomeriggio le lezioni di Storia del Teatro tenute dalla presidente del Piccolo Teatro Chiara Mutton presso la sede di Palazzo Ettoreo a Sacile sul tema del teatro napoletano, con argomenti e brani video da opere di Scarpetta, dei fratelli De Filippo, ma anche di autori contemporanei, come Vincenzo Salemme.
In serata, alle 20.30, la stessa sala dell'Ute ospiterà il ciclo di proiezioni di “Scenario Movie”, con una selezione di divertenti pellicole tratte da famose commedie del repertorio partenopeo, proposte ad ingresso libero.

Si comincia giovedì 4 marzo con “Miseria e nobiltà”, celebre film girato nel 1954 da Mario Mattoli, dall'altrettanto nota commedia di Eduardo Scarpetta. Sophia Loren, Franca Faldini, Carlo Croccolo e Valeria Moriconi sono tra gli acclamati interpreti della pellicola, nella quale il ruolo assoluto di mattatore è affidato a Totò, perfetto nei panni di Felice Sciosciammocca, che Scarpetta inventò come sorta di “maschera” moderna intorno alla quale costruire gli esilaranti intrecci delle sue farse dialettali.

A seguire il programma dedicherà due appuntamenti al teatro di Eduardo e dei fratelli De Filippo, a cominciare giovedì 11 marzo con il film “Non mi muovo”, interpretato nel 1943 da Titina, Peppino e dallo stesso Eduardo, che ne curò anche la sceneggiatura da una commedia di Diego Petriccione; si prosegue quindi giovedì 18 con “Matrimonio all'italiana”, pellicola del 1964 firmato da Vittorio De Sica, con la grande coppia Loren-Mastroinanni nei panni di Filumena Marturano e Domenico Soriano, protagonisti del capolavoro che Eduardo scrisse circa vent'anni prima per la sorella Titina De Filippo.

Ultimo appuntamento giovedì 25 marzo con uno degli autori più seguiti del teatro napoletano contemporaneo: Vincenzo Salemme è infatti autore, regista ed interprete della spassosa commedia “L'amico del cuore”, film che nel 1998 portò al cinema l'omonima pièce interpretata dal gruppo di suoi fedelissimi compagni di palcoscenico, ovvero Carlo Buccirosso, Maurizio Casagrande e Nando Paone, affiancati per l'occasione dalla conturbante bellezza di Eva Herzigova.

articolo tratto da www.ilfriuli.it




"Totò, il mio Principe "

Totò, il mio Principe
TG1 Persone martedì 2 marzo ore 8,20 RaiUno e in replica Tg1 notte

Diana De Curtis e' la nipote di Toto'. Al mondo del suo celebre nonno dedica da anni tanta passione e impegno continuo. Benche' fosse poco piu' che una ragazzina quando il Principe della Risata mori', nel 1967, Diana conserva ricordi vivissimi di Antonio De Curtis nelle sue vesti familiari, lontano da quelle scene che pure furono gran parte della sua vita. Basta passare qualche ora nell'abitazione romana di Diana per trovare le tracce di un profondo legame: tutto parla di Toto' fra quelle mura, Toto' e' nella collezione di oggetti a lui dedicati, nelle foto, negli scritti autografi. Nonostante la sua straordinaria popolarita' il grande attore comico non ebbe vita facile con la critica italiana: a rileggere oggi certi giudizi c'e' proprio -e' il caso di dirlo- da ridere. Gli si rimproverava una comicita' banale, dice lo storico del cinema Orio Caldiron. Tante recensioni erano condizionate dai preconcetti, aggiunge Diana De Curtis. Per fortuna con gli anni Settanta cambia l'atteggiamento verso il genere comico e a Toto' viene accordato dagli specialisti quello che il pubblico gli aveva gia' riconosciuto da tempo: lo status di Principe dello spettacolo comico.

video sul sito di RaiUno




"Lo sguardo dietro le quinte di Malafemmena"

Papyrus Caffè stasera la presentazione con Lorenza Fruci.
Entrare dietro le quinte di Malafemmena, la fortunata canzone scritta da Totò, appare un'impresa impossibile.
Del resto le contraddizioni che caratterizzavano la vita del Principe hanno sempre reso incomprensibile il significato vero di Malafemmena. Lorenza Fruci, giornalista e scrittrice, ha scavato dietro un mito per ricostruirne la storia. La sua ricerca parte da una tormentata storia d'amore, quella tra Antonio de Curtis e la moglie Diana Rogliani. Il libro, edito da Donzelli editore, verrà presentato stasera al Papyrus Caffè di Roma e racconta, attraverso il testo della canzone, un lato fino ad oggi sconosciuto di Totò. La prefazione di Renzo Arbore ricorda i primi passi di Malafemmena, raccontando di quando, nella versione cantata da Giacomo Rondinella, venne bollata da lui e da tutto il mondo della musica colta. Ma presto lo stesso Arbore si dovette ricredere tanto da farla divenire un pezzo immancabile del suo repertorio.

articolo del 27 febbraio tratto da www.iltempo.ilsole24ore.com




"47 morto che parla"






"Omaggio a Totò - Maschera, principe e poeta "

Venerdì 26 Febbraio, alle 16 al teatro cinema Sivori di Genova prima nazionale del film documentario "Omaggio a Totò, Maschera, Principe e Poeta", dedicato ad Antonio de Curtis, “Totò”.Colonna sonora del film la canzone TOTO' testo di Luciano Somma, musica arrangiamento e canto di Peter Ciani. Il ricavato ottenuto dalla distribuzione del film nelle sale cinematografiche, unitamente al 5 per mille della prossima dichiarazione dei redditi destinato all’Associazione Amici di Totò…a prescindere! – Onlus, saranno devoluti integralmente dal produttore “Associazione Amici di Totò… a prescindere! - Onlus” alla realizzazione di una Community Housing per sofferenti psichici allo scopo di garantire una residenza protetta; cure e riabilitazione; reinserimento sociale e lavorativo.

Il film documentario "Omaggio a Totò Maschera, Principe e Poeta" nasce nel 2007 da un'idea di Alberto De Marco, Presidente dell'Associazione Amici di Totò… a prescindere! - Onlus nel 40° anniversario della scomparsa di Totò. E' un viaggio nella vita del grande Artista Antonio de Curtis. Ad accompagnare lo spettatore c'è una galleria di immagini curata dal grande fotografo della “Dolce Vita”, Carlo Riccardi e con dei filmati inediti del grande Totò. Il film la cui lavorazione è terminata nel 2009 si articola in otto parti fondamentali:


Impreziosisce il film una colonna sonora di noti cantautori quali : Renato Zero, Vincenzo Incenzo, Peter Ciani e Orazio Roberti. Da sottolineare inoltre che l'incasso del film sarà devoluto da parte dell'Associazione Amici di Totò… a prescindere! - Onlus per un progetto di solidarietà riguardante il disagio mentale.

The documentary film “A Tribute to Totò: Masque, Prince and Poet ” germinated in 2007, on Totò’s 40th death anniversary, from an idea of Alberto De Marco, President of the Association Totò’s Friends... Independently of Anything. It is a journey in the life of the great artist Antonio de Curtis. A gallery of pictures assembled by Carlo Riccardi, the great photographer of Fellini’s Dolce Vita will accompany the spectator, alongside with some previously unreleased footage on the great Totò. The documentary film was finished in 2009. It is composed of eight main parts:

A soundtrack contributed by famous Italian songwriters, such as Renato Zero, Vincenzo Incenzo, Peter Ciani e Orazio Roberti, embellishes and adds to the interest of this film. Moreover, it must be underlined that all proceeds will be given to charity by the Association Amici di Totò… a prescindere!, to benefit a project concerning mental illness.

Credits

Titolo: “Omaggio a Totò Maschera, Principe e Poeta”
Produzione: Associaziona Amici di Totò....A Prescindere! - Onlus
Genere: Film Documentario
Durata prevista: 108 min. circa
Formato : 4:3 Colore/Bn
Lingue: Italiano
Sottotitoli: non presenti
Regia : Arnaldo Ninchi
Aiuto regia : Alberto De Marco
Sceneggiatura : Alberto De Marco
Fotografia : Vincenzo De Sio
Montaggio : Vincenzo De Sio
Mixaggio audio : Vincenzo De Sio
Colonna sonora : Renato Zero,Vincenzo Incenzo,Peter Ciani e Orazio Roberti
Cast artistico : Totò, Mario Castellani (il film si compone di immagini e filmati di archivio)

[ Alberto De Marco ] [ Michela Grigoli ] [ Vincenzo De Sio ] [ Arnaldo Ninchi ]






"Cinema Trevi: "L’assoluto naturale. Il cinema di Mauro Bolognini"

Il Centro Sperimentale di Cinematografia dedica un omaggio a Mauro Bolognini,
grande autore del nostro cinema ed ex allievo del corso di scenografia.
17-24 febbraio 2010

Mauro Bolognini nasce a Pistoia nel 1923. Frequenta il liceo Classico "Forteguerri", quindi intraprende gli studi di architettura che non poco lo influenzeranno nella propria concezione del cinema. Perfeziona poi le sue spiccate attitudini figurative durante il Corso di scenografia al Centro Sperimentale di Cinema, diventando aiuto-regista di Luigi Zampa, figura di rilievo del neorealismo e anche di cineasti transalpini come Yves Allegret e Jean Delannoy. L'approdo al lungometraggio avviene con Ci troviamo in galleria che, se non altro, rivela in una piccola parte una giovanissima Sophia Loren. Seguono un paio di commedie [...] fino a Gli innamorati, del '55, che è un risultato interessante sia per la leggerezza con cui si raccontano gli amori di diverse coppie sia per l'abilità nella direzione di un manipolo di promettenti giovani attori: è questo certamente uno dei pregi più rimarchevoli del regista pistoiese. Guardia, guardia scelta, brigadiere e maresciallo - titolo chilometrico di almeno quindici anni in anticipo su quelli wertmulleriani - è anch'essa una commedia divertente sorretta dalle robuste spalle dei migliori attori comici nostrani: Sordi, Peppino De Filippo, Aldo Fabrizi, Gino Cervi, Nino Manfredi [...]. Non banali ritratti dell'Italia della ripresa appaiono anche Marisa la civetta, con un'Allasio scintillante, I giovani mariti e Arrangiatevi!, film in cui Bolognini incontra "il principe della risata" Totò, una riflessione pungente all'indomani della legge Merlin.
Con La notte brava, per alcuni uno dei suoi esiti migliori, Bolognini descrive il degrado delle borgate della periferia romana che Pasolini, non a caso qui co-sceneggiatore, aveva tanto acutamente descritto nel dittico romanzesco Ragazzi di vita e Una vita violenta. Nel 1960, con Il Bell'Antonio, si apre una nuova maniera nel viatico dell'artista giacché egli si sofferma con maggiore accuratezza sulla resa formale e la confezione dei suoi lavori, da qui in avanti, conoscerà una raffinatezza più ricercata - che talvolta sarà accusata, non sempre con ragione, di calligrafismo. Inoltre Il Bell'Antonio assume un'importanza primaria nella carriera bologniniana poiché si tratta del suo primo grande lavoro tratto da un'opera letteraria, il bellissimo romanzo di Vitaliano Brancati, che il regista trasporta dall'epoca fascista a quella in cui il film è girato ovvero a cavallo fra il decennio dei Cinquanta e dei Sessanta. L'"istanza di attualizzazione" (Simona Costa) attira più volte Bolognini, ad esempio ne La Viaccia, in cui il regista rilegge con molte varianti il romanzo d'impronta verista dell'amiatino Mario Pratesi, L'eredità, dimostrandosi comunque "uno dei più fini metteur en-scene" del cinema italiano" (Maurizio Del Vecchio). Succede lo stesso nello sveviano Senilità, in cui il tempo della storia viene fatto slittare da quello post-risorgimentale del romanzo a quello tra le due guerre del film.
Con La giornata balorda il regista opera una sorta di approfondimento dei temi già filmati ne La notte brava, con Agostino si confronta per la prima volta con un lavoro di Alberto Moravia, uno dei suoi referenti letterari più frequenti (girerà per la televisione, addirittura, un suo libro, Gli indifferenti).
La corruzione è l'ultimo lungometraggio prima della lunga parentesi dedicata ai film a episodi, tanto in voga allora. [...]. Usufruisce poi di un cast internazionale, come sovente gli accade, per Arabella e di una diva del calibro della Lollo per Un bellissimo novembre dopodiché firma forse il suo film più bello e giustamente più celebre, Metello, opera anch'essa di stretta matrice letteraria perché tratta dall'omonimo romanzo di Vasco Pratolini che, dopo qualche titubanza, apprezzò molto la riduzione cinematografica. Ottavia Piccolo, per questo film, ottenne il premio di migliore attrice al Festival di Cannes, così come accadrà sei anni più tardi alla Dominique Sanda de L'eredità Ferramonti, esito non trascurabile di un modesto romanzo di fine Ottocento del massese trapiantato a Roma Gaetano Carlo Chelli. Bolognini s'infiltra in uno scandalo felsineo di inizio Novecento in Fatti di gente perbene e pone il suo sguardo, sempre garbato, sul ventennio fascista in Libera, amore mio, quarto ed ultimo sodalizio con Claudia Cardinale. Vira poi al grottesco e macabro (insieme ai coevi Brutti, sporchi e cattivi di Scola e Casotto di Sergio Citti) con Gran bollito, anche se la stagione più felice sembra ormai conclusa. Nondimeno riesce sempre a impiegare attori di rango internazionale, come Isabelle Huppert in La storia vera della signora delle camelie e Liv Ullmann in Mosca addio - fatto sintomatico del prestigio di cui ancora Bolognini gode all'interno dell'industria cinematografica. [...] Non può essere dimenticata, ché farebbe torto alla poliedricità dell'autore, l'attività teatrale e lirica di Bolognini che, in tal senso, dev'essere ritenuto regista di prim'ordine, al fianco di Ingmar Bergman e Zeffirelli» (Francesco Sgarano - Centro Mauro Bolognini). Le citazioni presenti nelle schede sono in buona parte estrapolate dal Castoro su Bolognini di Pier Maria Bocchi e Alberto Pezzotta (2008).

Questi i film con Totò in programmazione:

Giovedì 18 febbraio ore 21,00 Arrangiatevi
Martedì 23 febbraio ore 17.00 Le streghe

Programma completo e info Centro Sperimentale di Cinematografia




"Mariti maltrattati"

La Compagnia del Principe presenta:

"Mariti maltrattati"
commedia in due atti ispirata dal Principe Antonio de Curtis e scritta da Renzo Palermo

Sabato 13 e domenica 14 febbraio 2010 ore 20,30
Cinema Teatro Italia - Roggiano Gravina (CS)

Il blog di Mariti maltrattati

Clicca qui per vedere una riduzione di circa 40 minuti della commedia






"Festa del Libro con la poesia dei classici napoletani"

MARCIANISE. La poesia dei classici napoletani sarà al centro del nuovo appuntamento di “Festa del libro…parliamone”, che si terrà il prossimo giovedì 11 febbraio nella sala polifunzionale della biblioteca comunale.
Lo spunto letterario su cui si impernierà il dibattito sarà fornito da “Le poesie di Eduardo”, testo del mai compianto Eduardo De Filippo. Madrine della serata saranno le associazioni Coniucto, e Personae, rappresentate al tavolo dei relatori rispettivamente da Giuseppe Luigi Esposito e Isaia Fuschetti. Modera Caterina Vesta dell’associazione “Amici del libro”, che sta collaborando con l’amministrazione comunale nella realizzazione del progetto. Per quest’ultima, saranno presenti il sindaco Antonio Tartaglione e il consigliere comunale, nonché presidente della commissione cultura, Domenico Delle Curti.

Quello proposto è un viaggio entusiasmante attraverso i versi di celeberrimi autori quali Eduardo, Salvatore Di Giacomo, Totò, Raffaele Viviani e simili che, attraverso le loro poesie, hanno inteso raccontare la vera Napoli, allontanandosi dalle stereotipate immagini che ne facevano un’idillica città, caratterizzata unicamente dalla presenza del mare e dalla mitezza del clima. La loro capacità di penetrare la realtà partenopea, portando alla luce le difficili dinamiche che l’hanno attraversata, viene valorizzata dall’uso della lingua dialettale, variamente attinta dal repertorio popolare.

articolo tratto da www.pupia.tv




"IL ROMANZO OLFATTIVO...Malafemmena e Antonio De Curtis, una storia d’Amore. "

Femmena, Tu si na malafemmena Chist'uocchie 'e fatto chiagnere Lacreme e 'nfamità ... Femmena, Si ddoce comme 'o zucchero però sta faccia d'angelo te serve pe 'ngannà ... Così inizia a melodia di Totò dedicata alla moglie Diana ma non solo Malafemmena è anche oggi un Profumo.
Queste parole descrivono un rapporto fatto di attrazione, complicità, tenerezza, ma anche pieno di conflitti per la gelosia di Totò nei confronti della bellissima moglie Diana, come racconta Liliana De Curtis nel suo romanzo Malafemmena. Da qui l'ispirazione di Simona e Massimo Scalella che, nella loro continua ricerca di fragranze singolari, hanno voluto scrivere un “romanzo olfattivo”.

L’azienda Mansfield, partendo da un vecchio flacone appartenuto proprio a Totò, ha riportato in vita la colonia che il Principe utilizzava nel suo quotidiano: il profumo Antonio De Curtis Uomo, piccante nelle note di testa, dolce nel cuore e dal fondo speziato, è accompagnata da un album di ricordi in cui “o’rre” si racconta nelle sue più intime abitudini, manie, paure, emozioni e affetti.
La famiglia Scalella ha scelto, poi, di creare una fragranza complementare alla colonia maschile, un'essenza in grado di racchiudere il mondo segreto di Diana. Nasce così Malafemmena, profumo dalle note orientali e speziate che rispecchia questa donna carismatica e che, anche ad occhi chiusi, sa rievocare l'immagine dell'unico, vero, grande amore del Principe De Curtis. “Per una donna audace e di carattere” afferma Massimo Scalella “che non ha paura di indossare una fragranza capace di far voltare gli uomini”. Il profumo è racchiuso in un elegante flacone rosso rubino con un tappo impreziosito da arabeschi serigrafati, il tutto in un cofanetto molto raffinato. “Abbiamo pensato al colore rosso perchè l'anima della donna che porta Malafemmena è profonda e passionale, come l'amore sfrenato che ha legato questa coppia” afferma Simona Scalella “siamo stati letteralmente rapiti da questa tormentata storia d'amore e dalla personalità di una grande donna che è rimasta sempre dietro le quinte di una relazione in bilico tra gioia e dolore, le due facce raccontate proprio nella canzone che il marito le dedicò”.

articolo tratto da www.sfilate.it




"Votantonio....votantonio "

Televota Totò , il 10 febbraio 2010, alle ore 21, su RAIDUE, si svolgerà la finalissima de 'Il Più Grande'...
Totò è uno dei 10 finalisti in gara.
Si voterà con il televoto (0,75 cent iva inclusa)
48444 DA MOBILE (inviando un SMS con il numero di identificazione del personaggio scelto)
894.222 DA FISSO (bisogna attendere che il messaggio telefonico di risposta pre-registrato richieda di digitare il numero di identificazione del personaggio scelto, e digitare infine la doppia cifra collegata a Totò ) per conoscere la doppia cifra collegata a Totò bisogna aspettare la puntata de 'Il Più Grande' di mercoledì prossimo, 10 febbraio.
Si potrà votare fino a 10 volte da mobile, e fino a 10 volte da fisso.

info www.ilpiugrande.rai.it




"Sotto il cielo di Fred"

I RE DELLA MALAVITA
Rassegna cinematografica
4, 5, 8, 9, 10, 11 Febbraio – sala Il Movie - Cineporto (via Cagliari 42)-Torino

Il rapporto tra Fred Buscaglione e il cinema attraverso la proiezione di film gangster a cui si ispirò per la costruzione del suo personaggio e di filmati d’epoca in cui fu protagonista.
La rassegna - curata da Francesca Lonardelli dell’Associazione culturale F.E.A., in collaborazione con Gabriele Diverio, Alessandro Gaido e Vittorio Sclaverani dell’Associazione Piemonte Movie - si divide idealmente in due sezioni. La prima sezione è dedicata alla presenza diegetica, ma soprattutto extradiegetica, di Buscaglione nel cinema italiano. Un esempio su tutti: “Noi duri” di Camillo Mastrocinque, dove nello stesso film si alternano i caratteristi Paolo Panelli, Bice Valori ed Elio Pandolfi e, in particolare, il Principe Antonio De Curtis, alias Totò l’Algerino insieme a Fred Buscaglione.
La seconda sezione, invece, è incentrata sul titolo della rassegna “I re della malavita” e sui film noir, in particolare, che si contraddistinguono per la presenza di gangster, pistole, femme fatale e morti violente. Non è difficile, infatti, immaginare quanto piacessero a Fred Buscaglione i protagonisti di tali film: personaggi carismatici, di successo, belli anche se di brutto aspetto, ammirati anche se autori di atti deplorevoli. Il suo amore per Clark Gable e per gli attori di genere americano è riscontrabile non solo nell’abbigliamento – doppiopetto gessato e cappello a larghe falde – ma anche negli atteggiamenti da duro che adottò per la costruzione del suo mito. Una breve parentesi è dedicata ai film che hanno condizionato il giovane spettatore Fred, con la ricostruzione della programmazione ideale dei cinema nella Torino del dopoguerra, quando in pochissimi anni gli italiani recuperarono i film (americani e francesi, soprattutto) censurati dal ventennio fascista.
La rassegna dedicata a Fred Buscaglione, inoltre, avrà un’importante appendice all’interno del Piemonte Movie gLocal Film Festival (www.piemontemovie.com), in programma a Torino e a Moncalieri dal 4 al 12 marzo.

Venerdì 5 febbraio ore 21,30 Noi duri

programma completo e info www.sottoilcielodifred.it




"Su App Store 12000 aforismi in cornice, da Wilde e Totò"

Su App Store sbarca Aforismi Incorniciati, una nuova applicazione che contiene 12000 frasi di 900 differenti autori, da Oscar Wilde e Totò. Un utile strumento per riflettere, sorridere e da sfoderare nel momento opportuno. In vendita a 3,99 euro.
12.000 aforismi di 900 autori. Ecco il succo di "Aforismi incorniciati", una nuova applicazione creata da Horizon Software e rilasciata nel corso della giornata di oggi su App Store.
Il programma per iPhone e iPod touch è esattamente quello che... promette. Una enorme raccolta (probabilmente la più grande in assoluto per il negozio di Apple) di proverbi e frasi famose di praticamente tutti gli autori del mondo, da Platone ad Aristotele, passando per Einstein, Oscar Wilde, Nietzsche e via di seguito fino a quelle di personaggi come Totò, che appaiono in una cornice (sempre diversa) e a pieno schermo. "La scelta di mettere le frasi in cornice - dice ad Horizon Software - vuole essere una sottolineatura del fatto come questi pensieri in molti casi sono un'autentica opera d'arte meritevoli di una cornice".
Aforismi incorniciati apre un aforisma a caso ad a ogni lancio del programma, poi funziona "a scuotimento". Basta agitare l'iPhone o l'iPod e l'applicazione ne visualizza un'altra, ovviamente, diversa. Inoltre, premendo il pulsante "Impostazioni" (raffigurato da un piccolo ingranaggio) compare l'elenco di tutti gli autori presenti e se selezionandone uno è possibile leggerne tutti i suoi scritti .
Aforismi Incorniciati è in grado di far trascorrere piacevoli momenti leggendo frasi e concetti che possono far pensare, riflettere, sorridere e anche commuovere. Inoltre è un'ottima risorsa per imparare frasi di grande effetto da sfoderare in particolari occasioni della vita di tutti i giorni, lasciando sbalorditi i tuoi interlocutori e dimostrando di avere una profonda cultura letteraria.
Il servizio è a pagamento

articolo tratto da www.macitynet.it




"Animali pazzi"






"Noblesse oblige"

Il Totò Fan Club di Pordenone rende noto il calendario dei film di Totò
in proiezione da gennaio a maggio l'ultimo venerdì del mese.

info www.cinemazero.org




"Totò per sempre"

Totò finì la sua vita quasi con la consapevolezza di essere dimenticato, noi che stiamo ancora qui ci accorgemmo che i posteri decretarono TOTO' PER SEMPRE.

Rielaborazione per 2 mandolini delle musiche delle colonne sonore dei film e delle canzoni di quella maschera che per un miracolo della natura nacque a Napoli e assunse forma umana.

mandolini:
Pierangelo Fevola
Alessandro Pignalosa

Totò è sempre vivo, e il tempo non consuma la sua maschera, ma la rende più definita. Il cinematografo ha preservato la sua arte contribuendo alla immortalità dell'attore, riportandola fino ai nostri giorni, non facendo verificare il triste bilancio della sua arte scritto di suo pugno, che non trovò riscontro ai risvolti del suo operato che immaginava senza storia dopo la sua morte. Come disse di Petrolini Totò si definiva venditore di chiacchiere e quindi prossimo a perdersi nel dimenticatoio, per questo diceva di non essere un artista. Se Totò non avesse avuto la fortuna di vivere nell'era del cinema allora anche di lui non se ne saprebbe molto. Difatti tutta la sua produzione teatrale fatta di improvvisazioni esilaranti, quelle delle riviste e dell'avanspettacolo a noi non è pervenuta perché non ne rimane alcuna testimonianza su pellicola, e un racconto delle sue gesta teatrali da spazio solo a una storia filtrata dall'immaginazione. Quindi è grazie alla cinepresa che il suo genio rivive e può essere sempre apprezzato e rispolverato nell'analisi delle sue sfumature, perché quelle "chiacchiere" che lui diceva sono rimaste scritte nel libro della sua arte per mezzo dei suoi film. Nel bilancio dei posteri invece, si può dire che Totò non è stato mai dimenticato e che le sue chiacchiere hanno preso forma nell'immaginario collettivo, si sono rivelate battute immortali e vocabolario quotidiano dei napoletani e degli italiani. Ha chiuso la sua carriera non in fallimento come anche scrisse, ma in un modo sorprendente, perché nacque marionetta al teatro e finì marionetta al cinema, interpretando la sua morte nell'ultima sua pellicola nel cortometraggio di Pasolini: Che cosa sono le nuvole? tratto dal film: Capriccio all'italiana, dove il commento musicale della scena teatrale è affidato a due mandolini. Quei due mandolini che accompagnarono la fine della marionetta, oggi ripercorrono la sua vita.

Tutto questo si fonde in poesia, e diventa TOTO' PER SEMPRE. Un racconto ricamato dai suoni di due mandolini moderni, che in forma contemporanea cantano con la voce di oggi, sottolineando in questo l'attualità dell' artista nonostante il cambiamento generazionale. I mandolini intessono un elegante tessuto attorno alla figura di Totò uomo e maschera, girandogli attorno con un fare reverenziale, senza mai toccarlo, rielaborando forma e armonie in un leggero acquerello attraverso le melodie dei suoi film e delle sue canzoni.

Sabato 23 gennaio 2010 ore 20,00
Bottega "Anema e Corde" - Nuova liuteria napoletana - Via Port'Alba, 30 - 80134 Napoli - Cell. 389 5141352






"Totò tocchi e ritocchi”"

Get the Flash Player to see this player.

Totò. Tocchi e ritocchi, Il Raggio Verde edizioni, 2009
20 gennaio 2010 ore 16,30 – Napoli, Maschio Angioino, anti-sala dei Baroni
E’ stato invitato ad aprire la manifestazione il Sindaco Rosa Russo Iervolino
Ospite d’onore Diana de Curtis, nipote di Totò

Introduzione: Dino Cofrancesco, docente di Storia del pensiero politico – Università di Genova Interventi: Marisa Forcina, docente di Storia del pensiero politico - Università del Salento Maurizio Nocera, docente di Antropologia culturale – Università del Salento Giancarlo Montelli, illustratore e direttore artistico Ladif Roma Coordina Antonietta Fulvio, giornalista – direttore editoriale Il Raggio Verde Lecce

Gli autori: Ferruccio Bertini, Dino Cofrancesco, Liliana De Maria, Marisa Forcina, Antonietta Fulvio,
Giovanni Invitto, Giancarlo Montelli, Michela Nacci, Peppino Ortoleva.

Totò. Tocchi e ritocchi. Un libro, completamente illustrato con le prove d’autore del maestro romano Giancarlo Montelli, per celebrare uno dei protagonisti della cultura del Novecento, Antonio De Curtis in arte Totò. Dopo la presentazione, lo scorso 18 novembre 2009, nelle sale del Museo Provinciale “Sigismondo Castromediano” di Lecce, il libro edito dalla casa editrice Il Raggio Verde sarà presentato a Napoli mercoledì 20 gennaio, ore 16,30, presso l’anti-sala dei Baroni del Maschio Angioino. E non poteva che essere il Maschio Angioino, luogo emblematico della Cultura e della Storia partenopea, la sede ideale per una serata interamente dedicata all’artista che è “uno dei beni culturali di Napoli”. Già straordinaria location della mostra monografica “Un principe chiamato Totò” (realizzata in occasione del quarantennale della morte e curata dalla figlia Liliana de Curtis dal 24 aprile al 26 maggio 2007), l’anti-sala dei Baroni ospiterà la presentazione del libro “Totò. Tocchi e ritocchi” con un ospite d’eccezione: Diana de Curtis, nipote del Principe Antonio de Curtis in arte Totò.

A Dino Cofrancesco, docente di Storia del pensiero politico presso l’Università di Genova, sarà affidata la relazione introduttiva della conferenza, che registrerà anche gli interventi di Marisa Forcina, docente di Storia del pensiero politico dell'Università del Salento, di Maurizio Nocera, docente di Antropologia culturale dell'Università del Salento, del maestro romano Giancarlo Montelli, illustratore e direttore artistico della Ladif (Agenzia della illustrazione e della fotografia di Roma), autore delle illustrazioni che impreziosiscono il volume: un’autentica galleria d’immagini che si soffermano sull’uomo e la maschera Totò.

Il Progetto
L’attenzione che suscita il Principe, ad oltre quarant’anni dalla morte, è del resto segno della straordinarietà della sua vita e del suo pensiero. Oggetto di celebrazioni e convegni in tutto il mondo, non ultimo quello svoltosi nell’autunno 2007 a Santa Margherita Ligure, organizzato dal Centro Internazionale di Studi italiani dell’Università di Genova, promosso e coordinato dallo stesso Dino Cofrancesco (il cui saggio nel libro si unisce a quelli di Ferruccio Bertini (Docente di Letteratura Latina Università di Genova), Marisa Forcina (Docente di Storia del pensiero politico Università del Salento), Giovanni Invitto (Docente di Filosofia Teoretica Università del Salento), Michela Nacci (Docente di storia del pensiero politico università di L’Aquila), Peppino Ortoleva (Docente di Storia della comunicazione Università di Torino).
Completano la raccolta i testi di Antonietta Fulvio, giornalista e direttore editoriale della casa editrice “Il Raggio Verde”, e di Liliana De Maria, responsabile di associazioni culturali giovanili. Nelle 140 pagine del volume, impreziosite dai disegni del maestro romano Giancarlo Montelli, Totò è raccontato da diversi e intriganti punti di vista. Peppino Ortoleva nel suo saggio mette a confronto la comicità di Chaplin e quella di Totò, argomentando con rigore e ricchezza di particolari i punti di confluenza ma, soprattutto, la diversità tra i due comici. Totò interprete plautino è il fulcro del testo di Ferruccio Bertini, che accosta “il Principe della risata” al celebre autore latino, mentre Dino Cofrancesco analizza soprattutto il contesto sociale e politico dell’epoca in cui è vissuto e ha operato il principe de Curtis. Aspetto indagato anche da Michela Nacci, che nel suo testo delinea Le due Italie dell’italiano Totò, aristocratico e plebeo: quella formale di Roma, delle istituzioni e del perbenismo in contrapposizione a quella popolare di Napoli, del buon senso, dello sberleffo. Un attraversamento nel cinema e nel rapporto tra Totò e il genere femminile è il tema del saggio di Marisa Forcina, che suggerisce originali riflessioni sull’autore di Malafemmena. Altrettanto ricche di spunti e di riflessioni sono le schede di Giovanni Invitto, il quale pone l’accento su Totò e la filosofia dell’esistenzialismo inteso in un’accezione amplissima, quale modo di concepire la vita e la morte, e la sua particolare visione degli uomini, dei caporali e della società. La napoletanità di Totò è invece l’aspetto sul quale si sofferma Antonietta Fulvio: un rapporto con la città d’origine delineato attraverso gli scritti, le poesie le canzoni. La figura dell’artista Totò così come viene percepito dai giovani d’oggi è invece argomento del saggio di Liliana De Maria che chiude il libro, precedendo la galleria con i disegni del maestro Giancarlo Montelli , che regala un vero e proprio compendio per immagini del grande artista napoletano.

Il libro “Totò tocchi e ritocchi” è realizzato anche grazie alla sinergia della casa editrice “Il Raggio Verde edizioni” e la Essecci s.r.l. (agenzia di organizzazione eventi , promozione pubblicitaria e media), nelle persone di Carmelo Sergi e Ilio Tarantini, due realtà imprenditoriali che hanno unito in questo progetto editoriale ed espositivo le reciproche competenze, dando vita ad un evento di altissimo spessore culturale di carattere itinerante; dopo Lecce e Napoli sarà la volta di Genova, Bari, Roma.
Un vivo ringraziamento alle aziende partner che sostengono l’iniziativa: il Gruppo GENERAL CONSTRUCTION, società leader nel settore energetico, Piemme Matacena , azienda leader nel settore della sicurezza e antincendio; la società edilizia RAMIREZ GROUP, la società Cog srl e la società Cog heat exchangers nel settore metalmeccanico

Un libro nel libro.
Trenta tavole originali nel segno di Montelli che racconta il grande Totò. “Giancarlo Montelli è un grafico di riconosciuto valore internazionale” – scrive nel libro Giovanni Invitto, curatore della stessa collana Ris-volti. “La sua produzione ha sempre avuto una forte carica culturale e politica e il suo tratteggio non è quasi mai divertissement e certamente mai ironia gratuita”. All’interno di un libro di discorsi su Totò i disegni di Giancarlo Montelli fissano alcune “maschere” che hanno caratterizzato la lunga attività cinematografica di Totò, e si insinuano tra gli scritti costituendo alla fine un libro nel libro. “Perché Totò è soprattutto immagine, smorfia, atteggiamento che sono sincronici a parole, frasi, motti, sberleffi, dialoghi... “Assecondando la filosofia editoriale del Raggio Verde, che presta nei suoi libri sempre particolare attenzione alle connessioni tra immagine e parola. Non poteva essere diversamente per questa nuova collana – Ris-volti – finalizzata a presentare al lettore una serie di discorsi su personaggi che hanno segnato con la propria arte il Novecento. Ris-volti, come la vecchia consuetudine di ripiegare la pagina di un libro che troviamo particolarmente interessante, poiché l’intento è potersi soffermare sui volti, sui diversi aspetti della personalità degli artisti trattati nella collana offrendo nuovi spunti di lettura e riflessione.

La collana
Il titolo del volume, Totò. Tocchi e ritocchi che apre la collana Ris-volti, sta ad indicare la natura della stessa e le intenzioni degli autori: offrire spunti di lettura del fenomeno sociale e culturale rappresentato da Totò e dai suoi film dopo oltre quarant'anni dalla sua morte.






"50 film di Totò in edicola con la Gazzetta"

Info e piano dell'opera su www.gazzetta.it





"Alla Locanda dei Messapi questa sera “Cena di Totò”"

Questa sera 15 gennaio, alle ore 20.30, a Mesagne (Brindisi) presso la Locanda dei Messapi, in via Castello, nel centro storico, “La cena di Totò”. L’iniziativa voluta dal titolare Uccio Denitto in collaborazione con Mario Cutrì, presidente della “Bottega del Teatro”, vedrà la partecipazione e l’animazione di Claudia e Antonio Ribezzi che canteranno stornelli e canzoni napoletane. “E’ una delle tante iniziative che negli ultimi anni stiamo organizzando per vivacizzare il nostro centro storico da troppo tempo abbandonato a se stesso”, ha dichiarato Uccio Denitto, non nuovo ad iniziative del genere. Naturalmente lo chef della Locanda dei Messapi ha preparato una particolare “Cena di Totò”, considerato che il marchese Antonio de Curtis, in arte Totò, amava mangiare ed aveva il culto della buona tavola. “Ogni cibo, secondo Totò, andava curato nella sua semplicità”, ricorda Liliana de Curtis, figlio dell’indimenticabile comico nato a Napoli nel rione Sanità. “Se decideva di mangiare pane e olio – aggiunge la signora Liliana – entrambi gli ingredienti dovevano essere di prima scelta e consumati ad una tavola ben apparecchiata perché l’occhio e lo stomaco hanno eguali diritti”. Nel corso della serata Mario Cutrì declamerà alcune poesie dialettali di Totò.

articolo tratto da www.mesagnesera.mesagne.me




"Cinema Trevi: "L’assoluto naturale. Il cinema di Mauro Bolognini"

Il Centro Sperimentale di Cinematografia dedica un omaggio a Mauro Bolognini,
grande autore del nostro cinema ed ex allievo del corso di scenografia.
2-22 gennaio 2010

Mauro Bolognini nasce a Pistoia nel 1923. Frequenta il liceo Classico "Forteguerri", quindi intraprende gli studi di architettura che non poco lo influenzeranno nella propria concezione del cinema. Perfeziona poi le sue spiccate attitudini figurative durante il Corso di scenografia al Centro Sperimentale di Cinema, diventando aiuto-regista di Luigi Zampa, figura di rilievo del neorealismo e anche di cineasti transalpini come Yves Allegret e Jean Delannoy. L'approdo al lungometraggio avviene con Ci troviamo in galleria che, se non altro, rivela in una piccola parte una giovanissima Sophia Loren. Seguono un paio di commedie [...] fino a Gli innamorati, del '55, che è un risultato interessante sia per la leggerezza con cui si raccontano gli amori di diverse coppie sia per l'abilità nella direzione di un manipolo di promettenti giovani attori: è questo certamente uno dei pregi più rimarchevoli del regista pistoiese. Guardia, guardia scelta, brigadiere e maresciallo - titolo chilometrico di almeno quindici anni in anticipo su quelli wertmulleriani - è anch'essa una commedia divertente sorretta dalle robuste spalle dei migliori attori comici nostrani: Sordi, Peppino De Filippo, Aldo Fabrizi, Gino Cervi, Nino Manfredi [...]. Non banali ritratti dell'Italia della ripresa appaiono anche Marisa la civetta, con un'Allasio scintillante, I giovani mariti e Arrangiatevi!, film in cui Bolognini incontra "il principe della risata" Totò, una riflessione pungente all'indomani della legge Merlin.
Con La notte brava, per alcuni uno dei suoi esiti migliori, Bolognini descrive il degrado delle borgate della periferia romana che Pasolini, non a caso qui co-sceneggiatore, aveva tanto acutamente descritto nel dittico romanzesco Ragazzi di vita e Una vita violenta. Nel 1960, con Il Bell'Antonio, si apre una nuova maniera nel viatico dell'artista giacché egli si sofferma con maggiore accuratezza sulla resa formale e la confezione dei suoi lavori, da qui in avanti, conoscerà una raffinatezza più ricercata - che talvolta sarà accusata, non sempre con ragione, di calligrafismo. Inoltre Il Bell'Antonio assume un'importanza primaria nella carriera bologniniana poiché si tratta del suo primo grande lavoro tratto da un'opera letteraria, il bellissimo romanzo di Vitaliano Brancati, che il regista trasporta dall'epoca fascista a quella in cui il film è girato ovvero a cavallo fra il decennio dei Cinquanta e dei Sessanta. L'"istanza di attualizzazione" (Simona Costa) attira più volte Bolognini, ad esempio ne La Viaccia, in cui il regista rilegge con molte varianti il romanzo d'impronta verista dell'amiatino Mario Pratesi, L'eredità, dimostrandosi comunque "uno dei più fini metteur en-scene" del cinema italiano" (Maurizio Del Vecchio). Succede lo stesso nello sveviano Senilità, in cui il tempo della storia viene fatto slittare da quello post-risorgimentale del romanzo a quello tra le due guerre del film.
Con La giornata balorda il regista opera una sorta di approfondimento dei temi già filmati ne La notte brava, con Agostino si confronta per la prima volta con un lavoro di Alberto Moravia, uno dei suoi referenti letterari più frequenti (girerà per la televisione, addirittura, un suo libro, Gli indifferenti).
La corruzione è l'ultimo lungometraggio prima della lunga parentesi dedicata ai film a episodi, tanto in voga allora. [...]. Usufruisce poi di un cast internazionale, come sovente gli accade, per Arabella e di una diva del calibro della Lollo per Un bellissimo novembre dopodiché firma forse il suo film più bello e giustamente più celebre, Metello, opera anch'essa di stretta matrice letteraria perché tratta dall'omonimo romanzo di Vasco Pratolini che, dopo qualche titubanza, apprezzò molto la riduzione cinematografica. Ottavia Piccolo, per questo film, ottenne il premio di migliore attrice al Festival di Cannes, così come accadrà sei anni più tardi alla Dominique Sanda de L'eredità Ferramonti, esito non trascurabile di un modesto romanzo di fine Ottocento del massese trapiantato a Roma Gaetano Carlo Chelli. Bolognini s'infiltra in uno scandalo felsineo di inizio Novecento in Fatti di gente perbene e pone il suo sguardo, sempre garbato, sul ventennio fascista in Libera, amore mio, quarto ed ultimo sodalizio con Claudia Cardinale. Vira poi al grottesco e macabro (insieme ai coevi Brutti, sporchi e cattivi di Scola e Casotto di Sergio Citti) con Gran bollito, anche se la stagione più felice sembra ormai conclusa. Nondimeno riesce sempre a impiegare attori di rango internazionale, come Isabelle Huppert in La storia vera della signora delle camelie e Liv Ullmann in Mosca addio - fatto sintomatico del prestigio di cui ancora Bolognini gode all'interno dell'industria cinematografica. [...] Non può essere dimenticata, ché farebbe torto alla poliedricità dell'autore, l'attività teatrale e lirica di Bolognini che, in tal senso, dev'essere ritenuto regista di prim'ordine, al fianco di Ingmar Bergman e Zeffirelli» (Francesco Sgarano - Centro Mauro Bolognini). Le citazioni presenti nelle schede sono in buona parte estrapolate dal Castoro su Bolognini di Pier Maria Bocchi e Alberto Pezzotta (2008).

Questi i film con Totò in programmazione:

Mercoledì 13 gennaio ore 19,00 Arrangiatevi
Domenica 17 gennaio ore 17.00 Le streghe
Martedì 19 gennaio ore 17.00 Capriccio all'italiana

Programma completo e info Centro Sperimentale di Cinematografia




"Aperitivo con mostra su Totò "

01 Gennaio 2010 / 31 Gennaio 2010 dalle 09.00 alle 02.00
Vinoteca Trinca - Via Balilla 14 - Frascati

Dal mese di Dicembre 2009 presso la Vinoteca Trinca è possibile vedere una serie di mostre legate ad un aperitivo a base di ostriche e prosecco. Il mese di Gennaio è dedicato a Totò con foto, musiche e abiti di scena.
"Il principe ci invita alla risata, ritratto o fotografato nelle sue innumerevoli interpretazioni a teatro e al cinema e con alcuni preziosi oggetti del suo camerino"
Tutti i sabato dalle 18:00 fino alle 21:00 e tutte le domeniche dalle 11:00 alle 21:00 sarà possibile prendere un aperitivo a base di ostriche, sushi, salmone e prosecco a soli € 10,00 e soltanto in questi due giorni della settimana sarà possibile acquistare libri e altri prodotti del Principe della risata.
Info: 0694010266 - 9456816 - 3341096084 - aziendavinicolatrinca@virgilio.it






"Concerto dei Camillorè al Klab Kestè a Napoli"

Napoli, 9 gen. (Adnkronos) - Il Klab Keste' Laboratories presenta domani sera Camillore' live ''Il Regno di Sghisghigno''. Il tour della band barese fa tappa al Keste' Napoli per presentare un coloratissimo spettacolo in musica, dalle funamboliche fantasie, quasi circensi. Un viaggio nel fantastico regno di ''sghisghigno'', dove si trova una carrellata di strambi personaggi magici e melanconici, ognuno con una storia diversa da raccontare, in questa trasfigurazione metaforica della nostra realta'. Ormai da parecchio tempo sulla scena con centinaia di concerti, importanti festival vinti e con il nuovo album ''Non mordete le ali alla cicogna'', i Camillore', fondono, in maniera del tutto personale, generi antautori ali, rock, ska e folk, in perfetta armonia con la performance scenica. Interpretati con maestria dal cantante Ceddia, che con la sua voce da' vita ad originali guitti surreali, le figure del regno si muovono in un mondo dove tutto e' possibile, ma poco e' realizzabile.
Tra malumori, speranze, illusioni e pentimenti, come in un gioco al massacro, un falo' di vanita', il sound sferzante della band incalza in un continuo di suoni che spazia dallo ska alla bossanova, dal rock al folk, dall'etnica ai toni piu' ritmati del blues, per un viaggio musicale eseguito con una tecnica e un affiatamento davvero poco comuni. Lo spettacolo dei Camillore' ha come obiettivo il raggiungimento di un traguardo comune tra loro e lo spettatore: il Regno di Sghisghigno, il bosco dove nascono i nostri sogni. Numerosi sono gli omaggi scenici e le canzoni inedite dedicate al Principe Totò, i riferimenti ai grandi del nostro teatro e del cinema come Fellini e Eduardo.

Camillorè - Il regno di Sghisghigno
Un giorno Re Camillo I di Sghisghigno , prima di allontanarsi nella terra dei sogni e perdersi nei cieli d’estate, consegnò nelle mani di pochi audaci musicanti le chiavi della follia e le chitarre dell’ironia metaforica; poi chiese loro di proteggere il regno fino al suo ritorno…molto molto vicino… Da quella magica notte ai musicanti s’aggiunsero carrozzoni,cantastorie,eroi e furfanti in cerca di salvezza,cantautori,mascalzoni e calzolai di Paris….Un caldo mattino di giugno,il socratico kazoo svegliò la strimpellante comitiva che,guidati dal suo “pernacchioso”ma affascinante suono, giunsero in una grotta dove conobbero e amarono per sempre il Principe Antonio De Curtis di Sghisghigno…amorevolmente detto Totò. Da allora ebbero una fonte d’ispirazione…si sentirono felici e protetti….Camillo tornerà e brinderemo all’allegria della vita e della musica……

www.camillore.it




"Recital al teatro Bolivar. Mario Cavallini canta la sua passione per Napoli"

Napoli - "Passione mia - canto d'amore per Napoli", è il recital che Mario Cavallini porta in scena il 6 gennaio al teatro Bolivar di Napoli. Un binomio vincente di melodie e tradizioni napoletane, per la direzione artistica di Enzo Ottieri.
Cavallini propone il suo repertorio di musica napoletana, facendo rivivere la Napoli dei bei tempi andati. Il titolo dello spettacolo, s'ispira alla celebre canzone di Totò: "A passione mia erano e 'rrose", più che una canzone una poesia in musica; ma a fare da protagoniste della serata, non saranno le rose. La protagonista sarà una sola: Napoli, con la sua musica, le sue tradizioni e l'amore che Cavallini ha per la città, a cui si sente sempre più legato, nonostante i tempi difficili.
Mario Cavallini reinterpreterà con la sua spontaneità e le sue doti canore, diversi pezzi della tradizione della musica partenopea. Da "A cchiù bella", per restare su Antonio De Curtis, passando per "Maruzzella", di Enzo Bonagura e Renato Carosone, "O guapp' 'nnammurat'", di Raffaele Viviani, "Tu si' 'na cosa grande", di Roberto Gigli e Domenico Modugno, fino ad arrivare alla celeberrima "funiculì funiculà", scritta da Peppino Turco e musicata da Luigi Denza, lanciata nel lontano 6 giugno del 1880, in occasione della inaugurazione della prima funicolare che collegava la città di Napoli al Vesuvio.
"Per questo spettacolo - spiega Cavallini - ho puntato sulle canzoni della tradizione classica napoletana, ma ho preferito pezzi allegri e briosi come "N'accordo in fa", di Pisano e Valente, che piacciono molto al pubblico, di tutte le età. Con questo spettacolo voglio vivere due ore di musica e di divertimento, ripercorrendo quelle canzoni che sono nei cuori di tutti i veri napoletani". Tra storia e tradizione, il leit motif della prima parte della serata.
Nella seconda parte, vedremo un Mario Cavallini diverso che, con le sue doti vocali, delizierà il pubblico, con fantasiosi arrangiamenti. Con lui, sul palco e le sue calde vocalità, valenti musicisti che hanno accettato la non semplice sfida di contaminare la musica classica napoletana con strumenti a corde, di un'epoca decisamente diversa, come il basso e la chitarra elettrica. Accompagneranno Cavallini: Peppe Mazzillo al piano e alla fisarmonica, Enzo Marciello alla chitarra classica e al basso, Alfonso Lubrano alla chitarra acustica e Pasquale Avolio alle percussioni. Gli artisti offriranno una versione inedita, di "Funiculì funiculà".
"Con rispetto della tradizione e dei vecchi maestri - ci tiene a sottolineare Cavallini - per trascorrere una bella serata in compagnia, all'insegna del divertimento e della buona musica". Non mancheranno le danze e le coreografie di Arianna Fortunato ed Emanuele Morelli, che sottolineeranno, con il linguaggio del corpo e con i suoi movimenti, le sperimentazioni musicali della serata, proposte da Mario Cavallini e i suoi musicisti.
TEATRO BOLIVAR
Via Bartolomeo Caracciolo, 30 – Napoli
0815442616 – info@teatrobolivar.com

articolo tratto da www.napoli.com




"Vincenzo Peluso in 'Napoli... cu' poco e niente'"

CASTIGLION FIORENTINO - Castiglion Fiorentino celebra i 10 anni dalla riapertura del Teatro con un omaggio a Napoli e Totò, la cui immagine vestito da ”pazzariello” nel film “L'Oro di Napoli” accoglieva simbolicamente il pubblico nell’ingresso del teatro. Un omaggio che ha per protagonista uno degli attori napoletani più apprezzati del momento, Vincenzo Peluso. A Castiglion Fiorentino sarà in scena martedì 5 gennaio alle ore 21,15 con lo spettacolo “Napoli... cu' poco e niente”, un recital di canzoni e poesie con musica e danze, che occhieggia alla tradizione del Teatro di Varietà. Peluso è accompagnato sul palco da Nadia Pepe, ballerina e cantante, da Sergio Colicchio al pianoforte e da Adriano Poledro voci, nacchere e tamorre. La regia è di Geppi Di Stasio. Lo spettacolo utilizza il magnifico repertorio del grande Totò, dalle poesie alle canzoni (fra cui le celeberrime A livella e Malafemmena) ma anche storielle comiche e guitterie varie. Un modo di ascoltare capisaldi del repertorio musicale e poetico della città più imprevedibile, passando da Totò a Viviani, dall’erotismo nella poesia napoletana a racconti di leggende popolari. “Si tratta - racconta Vincenzo Peluso - di un recital di canzoni e poesie sulla realtà sociale della Napoli di ieri e di oggi.
Con questo spettacolo, che ha già riscosso lusinghieri consensi nella capitale e in tante altre città, abbiamo cercato di evitare il “già visto” in agguato in tutte le rappresentazioni di questo genere di teatro e la scelta minimalista, che peraltro lo rende possibile in qualsiasi spazio, si dimostra una vera scelta estetica e non dettata da esigenze contingenti”. Vincenzo Peluso, dopo aver esordito nel 1992 nel premiatissimo “Il ladro di bambini” di Gianni Amelio, ha intrapreso una carriera segnata da film d'autore.
Nel 1995 il Festival di Ginevra lo annovera come uno dei più promettenti attori europei, interpreta così uno dei ruoli più importanti in “La mia generazione” di Wilma Labate, nominato all'Oscar come miglior film straniero. Protagonista di pellicole importanti come ”Quello che le ragazze non dicono” di Carlo Vanzina, “L'amore di Marja” e “I banchieri di Dio”, il pubblico televisivo lo ha conosciuto e apprezzato per la sua partecipazione alla famosa trasmissione di Rai Uno “Ballando con le stelle”. Protagonista anche di importanti successi teatrali a Castiglion Fiorentino porta un omaggio a Totò e alla sua Napoli con l'intento di scandagliare le motivazioni profonde di certi contraddittori atteggiamenti della napoletanità attraverso un percorso recitativo e musicale che, se pur disincantato, asseconda tutta l’emozionalità di una città.
“Dopo lo spettacolo (biglietto unico 10 €) un brindisi e un assaggio di dolci napoletani per una serata – spiega il direttore artistico Alberto Spurio Pompili - che il teatro vuole dedicare al ricordo di Arnaldo Valdarnini, memoria storica del teatro di Castiglion Fiorentino, che ha seguito con passione, competenza e amicizia in questi dieci anni di lavoro. Grazie Arnaldo, di cuore”.

articolo tratto da www.arezzoweb.it




"A Lapio si parla di Totò presso la sala consiliare"

Domani 3 gennaio, alle ore 17 presso la sala consiliare di Lapio (AV), l’associazione culturale “Aphiart” presenterà il volume “Totò parole di attore e poeta”, curato da Patricia Bianchi e Nicola De Blasi, docenti di storia della Linguistica italiana all’ Università di Napoli Federico II. Il testo raccoglie le relazioni e gli interventi presentati il 13 maggio 2004 in una seguitissima ed apprezzata giornata di studi, organizzata dal Dipartimento di Filologia Moderna, che faceva seguito ad un convegno internazionale organizzato due anni prima presso l’Università di Barcellona, a riprova dell’interesse per un artista entrato di diritto nell’olimpo del cinema (non solo) comico internazionale: “Tutto è cominciato- ci ricordano i curatori, che saranno relatori al convegno- con la scommessa di applicare gli strumenti severi dell’analisi testuale, linguistica, letteraria, semiologia e sociologica a un oggetto di complessità e insieme di leggerezza come la comicità di Totò”.
Con questa iniziativa, l’Aphiart mostra di sapersi aprire al mondo della cultura e di non rinchiudersi nella sola e sterile strategia dell’effimero. Di più, la vicepresidente Maria Luigia Iannella, moderatrice dell’incontro, osserva che “una riflessione sulla figura di Totò ben si addice ai tantissimi cultori della gloriosa tradizione comico-teatrale della nostra comunità, che ha sempre amato il Principe, sia nel corso della sua lunga carriera sia ora che continua ad essere apprezzato e visto da un pubblico vastissimo ed eterogeneo”.

articolo tratto da www.irpinianews.it




Tutte le news del 2017
Tutte le news del 2016
Tutte le news del 2015
Tutte le news del 2014
Tutte le news del 2013
Tutte le news del 2012
Tutte le news del 2011
Tutte le news del 2010
Tutte le news del 2009
Tutte le news del 2008
Tutte le news del 2007
Tutte le news del 2006
Tutte le news del 2005
Tutte le news del 2004
Tutte le news del 2003
Tutte le news del 2002
Tutte le news del 2001
Tutte le news del 2000
Tutte le news del 1999
Tutte le news del 1998

Vota il film di Totò

Home  Biografia  Teatro  Cinema  Televisione  Poesie  Canzoni 
Frasi celebri  Fumetti  Fotografie  Totomania  Il baule  Home video 
Totò in TV  News  Ricordi  Interviste  Quiz  Libri  Caricature  Giornali 

www.antoniodecurtis.com